Flash news:   Nessun sversamento abusivo nell’affluente del fiume Sabato: solo una condotta fognaria ostruita in un punto Vucinic: “errori da correggere” Al via la prevendita dei tagliandi per la gara con l’ASD Lanusei Calcio Battuta d’arresto per la Sidigas sul parquet del PalaRadi Atripalda Volleyball, buona la prima: battuto in trasferta il Cimitile Amatori della Bici: altro piazzamento nel Lazio Graziani: “ripartiamo con umiltà” Prima sconfitta in campionato per la Calcio Avellino Pd, l’affondo dell’ex sindaco Paolo Spagnuolo: “dignità della base offesa con scelte calate dall’alto. In città circolo chiuso, la lezione del 4 marzo non è bastata” Atripalda Volleyball, tutto pronto per l’esordio in serie B. Visita al Santuario di Montevergine

L’inferno di Haiti tocca anche l’Irpinia

Pubblicato in data: 19/1/2010 alle ore:16:40 • Categoria: CronacaStampa Articolo

haitiSi continua a scavare ad Haiti, dopo il catastrofico terremoto del 12 gennaio. La terra ha tremato alle 22:53:09, ora italiana, una scossa di magnitudo 7 alla profondità di 10 chilometri che ha raso al suolo un intero Paese: case, ospedali, strade e ha portato via la vita di migliaia di persone. A distanza di giorni non si conosce ancora il numero esatto delle vittime, quello dei dispersi, compresi i nostri connazionali. L’Irpinia piange insieme al resto del mondo la sua prima vittima, non ce l’ha fatta Gigliola Martino, 70 anni, originaria di Teora. E’ morta sotto le macerie della sua abitazione. Al dolore e allo sgomento per la scomparsa della donna, a Teora in queste ore si unisce l’ansia e l’angoscia per gli altri emigranti. Sono un centinaio i teoresi che hanno deciso di vivere ad Haiti, generazioni di emigranti partiti agli inizi del ‘900 dall’Alta Irpinia.
terremoto-haitiE ad una settimana dalla scossa sono poche le speranze di ritrovare in vita Antonio Sperduto, il commerciante teorese che nel momento in cui la terra ha tremato era al lavoro nel Caribbean Market di Port-au-Prince, il centro di sua proprietà. Secondo quanto affermato dalla Farnesina sia per Sperduto che per Corneo, l’altro italiano di cui non si hanno notizie, ci sono ragioni fondate di forte preoccupazione. Buone notizie invece per gli altri due fratelli Sperduto: Michele e Rodolfo. Erano stati dati per dispersi, ma invece si è appreso con certezza che sono vivi. Quando c’è stato il terremoto erano all’estero per lavoro. Un sospiro di sollievo arriva anche a Monteforte Irpino, è salvo Carmine Liberale, il 31enne irpino funzionario dell’Onu ad Haiti per seguire un’inchiesta dell’Alto commissariato. A lavoro costante la Farnesina mancano ancora all’appello decine di connazionali. Una situazione drammatica, non solo per il sisma ma anche e forse soprattutto per la difficoltà di prestare soccorso, portare cibo e medicinali per chi è ancora vivo.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento

  • Inchiostro su carta

  • Il meteo

  • Polls

    In vista delle Elezioni Amministrative, su cosa dovrebbe puntare il programma del futuro sindaco?

    Mostra i risultati

    Loading ... Loading ...
  • Altri articoli in questa sezione

  • Gli archivi mensili


  • Quotidiani on-line

  • Statistiche Mercoglianonews.it