Flash news:   Rissa in palestra, il Comune avvia procedimento amministrativo e diffida sull’utilizzo a porte aperte. Botta e risposta tra sindaco ed ex primo cittadino Promessa di matrimonio sposi Morrongiello-Picariello, auguri Elezioni Rsu al Comune, vince la Cgil. La soddisfazione del responsabile Valter Ventola Il Circolo si fa in tre tra Lazio, Campania e Sicilia Bilancio di Previsione 2018, il Prefetto diffida il Comune e l’opposizione di “Noi Atripalda” attacca l’Amministrazione sull’aumento della Tari con un manifesto Dieci anni dopo l’Half Marathon domani torna “l’Irpinia corre”, il sindaco: “occasione di promozione del nostro territorio e di aggregazione per i giovani” Via libera dall’Anas all’installazione dell’autovelox sulla Variante: sarà spostato di 150 metri più avanti. Parla l’assessore Musto Conclusa la potatura dei platani parla la delegata Anna De Venezia: “abbiamo scelto la salute degli alberi realizzando una potatura più leggera” Mancanza del certificato di agibilità per pubblico spettacolo e dell’autorizzazione del sindaco, scoppia il caso della palestra “Adamo” dopo la lite di sabato e la denuncia dei Carabinieri. Il sindaco: “Stiamo percorrendo l’iter per far acquisire alla struttura i requisiti necessari” Atripalda Volleyball, per la serie D sfuma il sogno promozione: passa il San Marzano

Futuro della sinistra, nota del Coordinamento di SD di Atripalda

Pubblicato in data: 21/1/2010 alle ore:09:49 • Categoria: Sinistra DemocraticaStampa Articolo

simbolo-sinistra-democraticaLa sinistra sta attraversando un momento difficilissimo. Continua ad essere incapace di trovare le ragioni dell’ unità perseverando nel frammentarsi, quasi ubbidendo ad una irrefrenabile volontà autodistruttiva. In questa spirale è paradigmatico l’atteggiamento di chi si ritiene unico depositario dell’ortodossia e scaglia anatemi denigratori ed offensivi verso chiunque (praticamente tutti al di fuori di se stesso) non ritiene “degno” di essere considerato di sinistra. Ma mentre l’autoproclamarsi giudice su chi è e chi non è di sinistra, al tempo di un PCI che raggiungeva il 30%, per quanto esercizio stucchevole, poteva apparire comprensibile in presenza di un partito pieno di contributi eterogenei, oggi, di fronte alla possibile dissoluzione della sinistra e alla necessità di raccogliere tutte le forze residue, appare fuori da qualsiasi logica. La sinistra è qualcosa di più complesso della banalizzazione che sta passando nell’opinione pubblica: sempre di meno e sempre pronti a dividersi. La sinistra è una necessità vitale per il nostro paese in un momento difficile come l’attuale in cui va posto un argine alla destra che usa strumenti rozzi che evocano le peggiori energie del paese per muovere l’attacco ai fondamenti delle regole della democrazia e della convivenza civile. Uno su tutti: l’intolleranza per il diverso che sta cominciando a mostrare i propri effetti nelle aree culturalmente ed economicamente più arretrate del nostro paese . Non servono proprio a niente litigi e divisioni quando occorre opporsi con tutte le forze possibili a questo disegno destabilizzante. Bisogna essere aperti al confronto, alla convergenza, alla ricerca di alleanze nella società come nelle istituzioni, all’opposizione come al governo, con tutte le forze che si vogliono opporre alla destra e si pongono il tema della trasformazione nella tutela e nella difesa della democrazia. Ed è proprio su questi presupposti che sta (adesso) nascendo dopo dolorose scissioni e faticose ricomposizioni l’esperienza di Sinistra e Libertà. Ed è anche il motivo per cui noi di Sinistra Democratica condividiamo questo percorso in cui riteniamo non ci sia più spazio per una visione arretrata e rancorosa. Ad Atripalda Sinistra Democratica è forza di governo e, tra mille difficoltà, sta dando il proprio leale contributo ad uscire da una crisi finanziaria e politica profonda tenendo ben salda la barra del centro sinistra. Questo sforzo ha dato un primo grande risultato che è sotto gli occhi di tutti : la dissoluzione del centro destra nonostante sia forza di governo nazionale e provinciale e nonostante l’incredibile dispiegamento di fiancheggiatori. Si veda ad esempio quello che succede in una parte dell’associazionismo che, sulla carta indipendente, non fa nulla neanche per confondere le idee sulla sua palese parzialità. L’attacco quotidiano scomposto, gratuito, spesso offensivo cui è sottoposta la maggioranza è il chiaro sintomo di una difficoltà dell’ opposizione che in questo modo prova ad uscire dalle secche in cui è finita per assoluta mancanza di idee e credibilità. Peccato che anche chi si è proclamato giudice dell’ortodossia di sinistra regga questo gioco con gli stessi metodi e lo stesso linguaggio. Esiste in questo una evidente trasversalità che induce a riflettere. A chi si professa di sinistra, anzi, non dovrebbe sfuggire che ad Atripalda sta accadendo che il PD sembra non soffrire delle incertezze sulla propria identità mentre invece altrove ha pensato bene di distinguersi dalla sinistra (ma non c’è anche un po’ di sinistra nel suo patrimonio genetico?) per compiacere l’opportunismo qualunquista di Casini. Non solo. Ma da noi capita anche che, in aperta contestazione della “deriva a destra del gruppo consiliare di opposizione “, venga , dal centro, una adesione alla costruzione di un “centro che guarda a sinistra”, e l’attenzione ad un’alleanza allargata che includa diverse anime e sensibilità. Segnali chiari rispetto al confuso panorama politico italiano! Noi, intanto, continuiamo a lavorare e per una sinistra unita, che però sia concreta non già evanescente e chiusa nei propri rancori; che abbia la fierezza delle proprie idee e le porti al confronto non all’ammasso tra offese ed invettive; che sia disposta a discutere su tutto, perché è in grado di proporre le proprie soluzioni come è normale in democrazia, senza derogare dai propri principi fondamentali. Questa e la nostra storia, questo è quanto ci ha insegnato chi ci ha preceduto ed ha reso la sinistra atripaldese un esempio per l’intera provincia. Ci teniamo a sottolinearlo proprio quando ci hanno appena lasciato due figure di riferimento per tutti i compagni di Atripalda. A Sabino Loffredo ed Alfredo Scarpa va il nostro affettuoso ricordo e la nostra gratitudine per il loro esempio e il loro insegnamento.

Il Coordinamento di Sinistra Democratica di Atripalda

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento

Statistiche Mercoglianonews.it