Flash news:   Bollettini postali falsi per la Sagra del Baccalà, assolto il presidente del Comitato Civico Centro Storico Maria Santissima di Montevergine Nessun sversamento abusivo nell’affluente del fiume Sabato: solo una condotta fognaria ostruita in un punto Vucinic: “errori da correggere” Al via la prevendita dei tagliandi per la gara con l’ASD Lanusei Calcio Battuta d’arresto per la Sidigas sul parquet del PalaRadi Atripalda Volleyball, buona la prima: battuto in trasferta il Cimitile Amatori della Bici: altro piazzamento nel Lazio Graziani: “ripartiamo con umiltà” Prima sconfitta in campionato per la Calcio Avellino Pd, l’affondo dell’ex sindaco Paolo Spagnuolo: “dignità della base offesa con scelte calate dall’alto. In città circolo chiuso, la lezione del 4 marzo non è bastata”

Gemellaggio, l’Irpinia chiama e Gallarate risponde

Pubblicato in data: 18/2/2010 alle ore:13:22 • Categoria: AttualitàStampa Articolo

fumetto-gemellaggioUn gemellaggio con la città di Gallarate in nome delle origini storiche comuni. L’idea del primo cittadino atripaldese Aldo Laurenzano ha certamente incuriosito il collega Nicola Mucci, sindaco della cittadina in provincia di Varese di oltre 50mila abitanti, che, però, si riserva di riflettere sulla proposta. “Già in passato Gallarate avviò, – come si legge nell’articolo di Andrea Aliverti pubblicato sul quotidiano La Provincia di Varese e riportato di seguito integralmente  – un gemellaggio con una città francese e probabilmente, sotto la spinta del fermento culturale suscitato negli ultimi anni dai teatri e dal nuovo museo d’arte, potrebbe ambire ad affratellarsi con città più note”. In ogni caso la proposta, basata su studi effettuati da alcuni storici che dimostrano uno stretto legame tra le due città, sarà approfondita e valutata al fine di riscoprire e valorizzare le radici, gli usi e i costumi che hanno caratterizzato la storia di entrambe le città.

Di seguito l’articolo di Andrea Aliverti pubblicato sul quotidiano La Provincia di Varese da cui è tratta la vignetta a lato (in basso la pagina integrale).

Due Galli e tre fettucce, l’Irpinia chiama Gallarate: «Caro Sindaco, gemelliamoci». La richiesta è pervenuta nei giorni scorsi in una missiva inviata a Nicola Mucci da Aldo Laurenzano, primo cittadino di Atripalda, ridente località di undicimila abitanti a una manciata di chilometri da Avellino. Ma che c’azzecca Gallarate con la cittadina irpina il cui stemma è un braccio che impugna il bastone della giustizia ornato da tre fettucce pendenti? Un episodio risalente al ‘500, come riporta nella sua lettera il sindaco Laurenzano. Per la precisione nel 1564, quando il principe Domizio Caracciolo, feudatario di Gallarate, stipulò un accordo di permuta con il patrizio genovese Giacomo Pallavicino Basadonne, feudatario di Atripalda. Un vero e proprio scambio di territori sul modello di quanto si fa oggi con i calciatori: la città dei Due Galli passò di mano in cambio di Atripalda e 33mila ducati. Tutto regolarmente rogitato dal notaio Bernardino Brusatori di Fermo, come recitano le cronache del tempo.
La Provincia di VareseDa questi nobili riscontri arriva la richiesta del sindaco irpino di «discutere e valutare la possibilità di un gemellaggio tra i nostri due Comuni, all’insegna della riscoperta e della salvaguardia di radici, usi e costumi che hanno caratterizzato le nostre origini storiche». Il gallaratese Nicola Mucci ha esaminato la pratica venerdì scorso: «Il collega diAtripalda mi ha chiesto di poter visionare la documentazione in nostro possesso per approfondire i rapporti tra le due città sotto il profilo storico. Ho dato mandato di fargli avere il materiale». Fiorirà il gemellaggio? «Probabilmente ci incontreremo per conoscerci e parlarne ma è prematuro dire se andrà in porto» non si sbilancia il primo cittadino dei Due Galli. Il richiamo del legame con la comunità avellinese produrrebbe un curioso ed originale gemellaggio, anche se già altri Comuni della zona hanno avviato simili iniziative con cittadine del Sud Italia, basti pensare a Cardano o Fagnano Olona, in quei casi però stimolate dalle colonie di immigrati impiantate nella nostra zona. Di certo Gallarate avviò in passato un gemellaggio con una città francese, ormai dimenticato, e probabilmente, sotto la spinta del fermento culturale suscitato negli ultimi anni dai teatri e dal nuovo museo d’arte, potrebbe ambire ad affratellarsi con città più note.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (5 votes, average: 1,80 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento

  • Inchiostro su carta

  • Il meteo

  • Polls

    In vista delle Elezioni Amministrative, su cosa dovrebbe puntare il programma del futuro sindaco?

    Mostra i risultati

    Loading ... Loading ...
  • Altri articoli in questa sezione

  • Gli archivi mensili


  • Quotidiani on-line

  • Statistiche Mercoglianonews.it