alpadesa
alpadesa
  
domenica 16 dicembre 2018
Flash news:   La Cometa Di Natale: Osservazione Astronomica questa sera dalla collina di San Pasquale Programma di Formazione Anticorruzione al via da lunedì a Palazzo di città Prestigioso riconoscimento per la poetessa Lucia Gaeta di ACIPeA Parcheggio del distretto sanitario Asl di Atripalda, le associazioni chiedono risposte Scoperta la targa d’intitolazione dei “Giardini Biagio Venezia” Torna ad Atripalda il Calendario d’artista dell’associazione Arteuropa firmato Hotel Civita: domani la presentazione La Protezione civile di Atripalda in campo per una raccolta alimentare Si accendono i riflettori sul Natale: Christmas Park, cultura e Notti Bianche. Il sindaco Spagnuolo: “Numerose le iniziative promosse dall’Amministrazione, dal parco giochi in piazza Umberto fino a momenti spettacolari con artisti di strada e divertimenti” Domani accensione di quattro alberi di Natale in città Gli Amici di Beppe Grillo all’attacco dell’Amministrazione:” La regolamentazione dell’inutile e la finta lotta all’inquinamento”

Trent’anni fa la tragica scomparsa dell’onorevole Nicola Adamo. Il ricordo

Pubblicato in data: 20/2/2010 alle ore:12:34 • Categoria: AttualitàStampa Articolo

adamo-nicolaSono passati già trent’anni da quel terribile schianto sulla variante che ci portò via Nicola. Se non ricordo male fu Tonino Acerra a darmi la notizia. Nicola era un avversario, ed eravamo addestrati, con solida, reciproca diffidenza, noi e loro, ad essere contro: nonostante Berlinguer, Moro, i compromessi storici e le strategie dell’attenzione… che si sperimentavano anche sulle rive del Sabato. Ricordo la commozione unanime ed il cordoglio pubblico, non mi sembrarono né casuali né ipocriti. Nicola Adamo (foto) era un deputato tra la gente e aveva una parola affilata o affettuosa per tutti. Devo ad un anonimo blogger la segnalazione, che confesso mi era sfuggita (ed è sfuggita, a quanto pare, non solo a me, ma anche a chi lo ebbe guida e mentore). Ma il tempo evidentemente appanna e sbiadisce riconoscenza e memoria.

Nicola Adamo, a prescindere da ogni valutazione di merito e giudizio di parte è stato, senza dubbio, uno dei politici di razza del secondo dopoguerra in Irpinia. Ne ho scritto un breve profilo per il Dizionario Biografico degli Irpini (Sellino Editore) e l’ho più volte documentato nel volume Atripalda, storie ed immagini dal ‘900. Purtroppo non ho mai avuto occasione di un confronto politico diretto e di un rapporto profondo ma, da giovane militante dei movimenti cattolici e poi della Democrazia Cristiana, tra il 1970 ed il 1980, più volte l’ho ascoltato con curiosità ed interesse, apprezzandone le qualità di abile negoziatore e di politico, capace di affascinare e trascinare. Mi colpiva che non trascurasse occasione per sondare, capire anche chi, per esplicita militanza, era dall’altra parte: per esempio quando ci faceva salire nella millecento bianca per accompagnarci ad Avellino, noi sempre a caccia di un ‘passaggio’. Oltre che in numerose cerimonie ufficiali, che seguivo nella doppia veste di militante e di giornalista (ero corrispondente e poi fui anche ‘editorialista’ del “Corriere dell’Irpinia” dei Pergola), lo ricordo in occasione di alcuni incontri preparatori tra delegazioni di partito per il Prg. Oggi lo posso dire… non ci si capiva molto, anche perché forse il confronto era già avvenuto…altrove, ma erano comunque lezioni di ‘politica’, spicciola quanto si vuole, ma non priva di fascino, per chi -come me- ne era stato ‘contagiato’. Ricordo anche dibattiti aspri e carichi di ‘passione’, comizi infuocati, ma allora o si era ‘bianchi’ o si era ‘rossi’ (e qualcuno era anche ‘nero’),e si militava ignorando le infinite sfumature di…grigio che oggi spesso appannano idee e speranze. Poi ci fu anche il dossier di C roce e…dilizia, al quale partecipai come revisore di bozze. Fu una vera e propria indagine ‘politica’, sulle ‘responsabilità’ vere o presunte della caotica espansione edilizia cittadina. Dimostrammo che, pro quota, nessun partito poteva ritenersi estraneo a quelle scelte, neppure il partito, il PCI, di chi tuonava (e Nicola Adamo tuonava) contro la ‘speculazione’.
Gli anni per fortuna smussano le asperità, e stemperano i contrasti, e forse la passione di quegli anni può già essere, nonostante tutto, oggetto di rimpianto.

Raffaele La Sala

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (7 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento

Statistiche Mercoglianonews.it