" class="thickbox">
  
Flash news:   Consuntivo 2016, il sindaco convoca il Consiglio comunale per venerdì sera dopo la prima diffida prefettizia Camminata Rosa, tremila in marcia a sostegno della prevenzione. Presente anche il sindaco di Atripalda Amministrative 2017, oggi dinanzi al Tar di Salerno si discute il ricorso presentato da “Noi Atripalda” Peppino di Capri ad Atripalda suona al pianoforte per i 50 anni del dottore Sabino Aquino e incanta tutti gli invitati. FOTO Riqualificata la facciata di Palazzo di Città. Il sindaco: “mai vista così bella”. Messa in sicurezza la chiesa del Carmine, don Ranieri: “ora aiuto dai fedeli”. FOTO Novellino: «tre punti meritati» Lupi corsari a Novara per la prima vittoria esterna: finisce 1-2 Sposi Luigi Galluccio e Anna Guadagno, auguri Tesseramento Pd 2017, al via le sottoscrizioni delle tessere Atripalda Volleyball, buona prova nel primo test match a Marcianise

Caldoro ad Avellino: “Il centrosinistra ha sfasciato la Regione”

Pubblicato in data: 12/3/2010 alle ore:10:51 • Categoria: PoliticaStampa Articolo

caldoroLe accuse del candidato De Luca sulle composizione delle nostre liste? La verità è che l’assistenzialismo ed il clientelismo l’ha fatto fino ad oggi il centrosinistra ed è ben noto a tutti. Lo ha fatto nelle Asl, negli ospedali e nelle società miste con dipendenti che fanno campagna elettorale attiva per De Luca. Sullo sfascio della sanità, del lavoro, della questione rifiuti la responsabilità è tutta del centrosinistra. I nomi e cognomi sono chiari: Bassolino, De Luca e la Iervolino che sono stati gli uomini più potenti di questa regione creando grandi danni e grande sfiducia nei cittadini>.
A parlare è il candidato presidente del centrodestra Stefano Caldoro intervenuto ieri pomeriggio all’Hotel de la Ville in un incontro organizzato dal Pdl provinciale. L’occasione è fornita dalla presentazione delle linee guida dal programma elettorale. Accanto a Caldoro la coordinatrice provinciale del Popolo della libertà, Giulia Cosenza ed i cinque candidati irpini: Franco D’Ercole, Roberto Castelluccio, Gino Cusano, Antonia Ruggiero e Maria Carmela Valente. In sala presenti anche alcuni candidati della lista del Presidente come Ines Fruncillo e Pasquale Giuditta, e della lista “La Destra” con Arturo Meo.
Caldoro nel suo lungo intervento non lesina critiche nell’attribuire al Pd e all’intera coalizione di centrosinistra le responsabilità di questi anni di declino <Si arrampicano sugli specchi mentre non hanno il coraggio di chiedere scusa ai cittadini campani per come hanno governato in tutti questi anni con la regione Campania che è ultima nel Mezzogiorno in termini di competitività ed innovazione. Una cattiva politica che è tutta in testa al Pd e alla coalizione che sostiene De Luca>.
Sugli appelli che De Luca ha rivolto agli elettori dell’Udc invitandoli a votarlo, replica invece così <Ha forse paura che i suoi elettori non lo votano. Questo è solo trasformismo. Ma gli elettori sono maturi e non penso che si faranno imbrogliare>.
Tiene a rimarcare più volte le differenze con lo schieramento opposto spiegando che <loro lavorano nella continuità degli uomini, con il malgoverno di Bassolino, e di un programma che finora non hanno ancora presentato. In più hanno aggiunto la vena giustizialista e populista di Di Pietro. Noi invece siamo uniti da un progetto di totale cambiamento. Loro sanno che stanno perdendo: i sondaggi ci danno stabilmente di dieci punti sopra >.
Sul confronto saltato in tv, accusa: <Io sono pronto. E’ un errore che finora non c’è stato. Bisogna avere trasparenza nei confronti dei cittadini e parlare sulle questioni concrete in maniera diretta. Abbiamo messo su un programma nuovo con nuove politiche per la sanità, il lavoro e lo sviluppo della regione. Abbiamo tanto da lavorare, ma ci vuole una politica seria che non c’è stata in questi ultimi quindici anni>.
Da qui l’impegno non solo a sanare <i dieci anni di declino del centrosinistra che hanno portato al crollo dell’economia campana> ma anche ad una nuova concezione di Palazzo Santa Lucia <che non sia più autoreferenziale, ma un ente che invece sappi programmare e progettare integrandosi con i disegni nazionali e le scelte compiute dal Governo. Una stretta collaborazione che possa segnare un processo di rilancio dell’intera regione e delle aree interne>. Una Regione quindi che sappia programmare e controllare. Il lavoro da fare è tanto: non solo buona politica, ma anche riuscire ad agganciare lo sviluppo di molti paesi europei. <C’è bisogno di un riposizionamento geopolitico della Campania, sfruttando le potenzialità offerte dal bacino del Mediterraneo, guardando ai paesi in crescita dei mercati asiatici e del Nord Africa che hanno bisogno di tecnologica, prodotti di qualità e capitale umano qualificato. La nostra regione non può perdere quest’occasione>. Sulla sanità e l’occupazione, la ricetta di Caldoro è di <affrontare da subito l’emergenza, accelerando sul piano di rientro dei debiti. Non appena i conti andranno meglio procederemo ad un abbassamento delle addizionali regionali Irpef ed Irap. La sanità in questi anni è stata occupata dai partiti ed assistiamo ad un paradosso: abbiamo la sanità più costosa d’Italia con il peggior servizio sanitario a causa della politica scellerata del centrosinistra>.
A dare il benvenuto al candidato presidente la coordinatrice provinciale del Pdl, Giulia Cosenza che si dichiara certa della vittoria: <Con Caldoro riusciremo finalmente ad abbattere la dittatura del centrosinistra, ridando dignità alla regione e alle aree interne, come l’Irpinia, per troppi anni penalizzate dal Napolicentrismo. Ci presentiamo con un biglietto da visita fatto di concretezza e credibilità per quanto realizzato finora dal governo Berlusconi>.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento

Statistiche Mercoglianonews.it