sabato 25 novembre 2017
Flash news:   Edifici costruiti in via San Giacomo su un canale demaniale e privi di autorizzazione da 40 anni, il Genio Civile avvia un accertamento. Il sindaco: “individuato il procedimento di sanatoria” Serie C, l’Atripalda Volleyball rialza la testa: battuto Nola 3 a 1 Danni da cinghiali, l’associazione PrimaveraIrpinia Atripalda chiede un intervento Il segretario nazionale di Sinistra Italiana Nicola Fratoianni da Atripalda chiude la porte al dialogo con il Pd: «Il centrosinistra non c’è più, stiamo lavorando ad una lista della sinistra con un programma di discontinuità da quello di questi anni». FOTO Terza edizione del premio dedicato a Pasquale Campanello, il procuratore capo Cantelmo: “gli indifferenti aiutano la camorra”. FOTO Sacripanti: “questa vittoria ci dà grande fiducia per il futuro” La Sidigas Scandone Avellino batte Milano ed espugna il Mediolanum Forum Lectio Magistralis del professor Sabino Cassese al liceo di Atripalda: «la democrazia è in crisi ma la crisi fa bene alla democrazia perché crea anticorpi che possono servire a superare le crisi». FOTO Pista di pattinaggio sul ghiaccio in piazza Umberto, luminarie uniformi in via Roma e cartellone degli eventi per il Natale Minaccia la madre pensionata pretendendo 20 euro al giorno: il Gip convalida l’arresto e il 42enne resta in carcere

Scoperta dai Carabinieri alcova di colombiane a pagamento in una villetta appena fuori città, in contrada Acqua Chiara

Pubblicato in data: 13/4/2010 alle ore:10:38 • Categoria: CronacaStampa Articolo

villetta-colombianeScoperta l’ennesima casa di prostituzione dai Carabinieri della Stazione di Atripalda, questa volta situata all’interno di una villetta a due piani con giardino in una zona periferica ma residenziale di Atripalda, in contrada Acqua Chiara (foto) -provinciale Cerzete.
Ieri in tarda serata è scattato il blitz dei militari. Due le donne native della Repubblica Colombiana, classe 1968 e 1969, che hanno trovato all’interno della villetta. Oltre alle due straniere, regolari in Italia e residenti rispettivamente a Novara e Terni, come prova dell’effettivo svolgimento del meretricio, i carabinieri hanno notato la presenza di luci rosse e soffuse, arredamento tipico, denaro contante per oltre 800 euro, provento dell’attività di prostituzione della serata, preservativi e altro materiale erotico chiaramente attinente all’attività stessa.
Un’attività di meretricio anche questa volta pubblicizzata online e sui principali quotidiani irpini con degli espliciti annunci e dei numeri di telefono appartenenti alle due. Il prezzo pattuito per la prestazione era di circa 100 euro e in una singola giornata i clienti potevano arrivare anche a una decina.

villetta-colombiane_Ad allertare le forze dell’ordine sono state le voci e le lamentele in paese. I militari hanno subito messo in atto alcuni servizi di osservazione e controllo della zona, con personale in borghese e macchine civetta posizionate nei pressi della villetta, che ospitava all’interno ben 6 stanze adibite a camera da letto, anche se solo 3 erano effettivamente utilizzate allo scopo. I carabinieri atripaldesi hanno così fermato le persone che uscivano dal cancello d’ingresso della villetta, interrogandoli sul motivo della loro presenza e scoprendo che quanto sospettato corrispondeva al vero e che all’interno dell’abitazione vi era una vera e propria casa di appuntamenti. Dagli accertamenti è emerso che l’appartamento in cui le due donne esercitavano il meretricio era stato affittato dalla proprietaria, una 55enne del posto, ad un’altra donna colombiana, probabilmente domiciliata a Roma ma attualmente non presente su Avellino, già nota per questo genere di attività. Quest’ultima donna, quindi, è stata deferita in colombiana1stato di libertà alla Procura della Repubblica di Avellino per il reato previsto dalla famosa legge Merlin, e cioè per aver adibito l’abitazione a casa di prostituzione. Le indagini sono ora volte ad accertare eventuali ulteriori responsabilità della donna colombiana attualmente irreperibile, e di eventuali terze persone che potrebbero aver fatto da intermediario con questa donna colombiana e segnalarle la presenza di questa abitazione libera su Atripalda.
In tarda notte, le due donne colombiane sono state rilasciate, dopo essere state proposte per il provvedimento amministrativo del foglio di via obbligatorio, mentre la villetta è stata sottoposta a sequestro, onde far cessare l’attività di meretricio e permettere alla magistratura di addivenire alle proprie conclusioni in ordine alle indagini effettuate dai carabinieri di Atripalda.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento

Statistiche Mercoglianonews.it