domenica 27 maggio 2018
Flash news:   Riaperta dopo sei anni via Orto dei Preti. Il sindaco: “mantenuto l’impegno preso in campagna elettorale. Per la riqualificazione di Palazzo Caracciolo puntiamo sui fondi dell’Area Vasta”. FOTO Nigeriano semina il terrore, denunciato dai Carabinieri per furto e danneggiamento Inchiesta buste paga gonfiate al Comune, il via al dibattimento con la deposizione dell’ex sindaco Paolo Spagnuolo: “Siamo molto fiduciosi, il verdetto a tutela degli atripaldesi arriverà” Non approvano il Rendiconto 2017, il prefetto di Avellino diffida 62 consigli comunali tra cui Atripalda Prosciolto l’ex comandante dei vigili di Atripalda Salsano La Soprintendenza non ha i fondi e a salvare Abellinum dal degrado ci pensano i volontari della Pro Loco. FOTO Autovelox sulla Variante, Sinistra Italiana Atripalda critica le due Amministrazioni Spagnuolo: “finora spesi 100mila euro con entrate pari a zero” La città si stringe attorno a Santa Rita e aspetta “il miracolo”. FOTO Il Circolo di Atripalda ritorna alla Novecolli Serie C, l’Atripalda Volleyball batte Massa in scioltezza e si prepara all’ultima trasferta della stagione

Parla il maestro Angiuoni: «Le nostre opere esposte in tutta Italia mentre ad Atripalda la Dogana resta vuota nella settimana della Cultura». Guarda la Videointervista

Pubblicato in data: 17/4/2010 alle ore:09:00 • Categoria: Cultura, Video intervisteStampa Articolo

maestro-enzo-angiuoni«Ho avvertito in maniera molto forte il diniego da parte della Soprintendenza alla richiesta di utilizzo della Dogana di piazza Umberto I per la mostra curata insieme all’associazione “ArtEuropa” di Avellino. In campo nazionale porto avanti eventi di grosso spessore, sono rammaricato ancor di più perchè si tratta di artisti con alle spalle oltre trent’anni di professionalità», ha esordito così il maestro Enzo Angiuoni durante l’intervista rilasciata nella sua casa-museo. «Una decisione che ci ha lasciato stupiti dato che le nostre opere sono esposte in tutta Italia mentre ad Atripalda la Dogana rimane vuota anche nella “settimana della Cultura”», una delusione e un rammarico che gli artisti hanno voluto comunicare anche al ministro dei Beni Culturali Sandro Bondi e al ministro per l’Attuazione del programma di Governo, nostro conterraneo, Gianfranco Rotondi. Da Savona a Sorrento, da Parma a Cosenza, da Caserta a Foggia sono solo alcune delle tappe della rassegna d’arte contemporanea mitteleuropea che riunisce quaranta artisti italiani e stranieri. «Tre mesi d’attesa per poi vedere bocciato il progetto da parte della Sovrintendenza. Ma noi nel frattempo siamo andati avanti, partendo da Savona, poi a Sorrento e poi ancora al Palazzo delle Culture di Cosenza dove la collettiva è attualmente in mostra. Successivamente saremo a Genova con un progetto patrocinato dalla Regione, per chiudere infine a dicembre al Palazzo della Provincia di Bari». La volontà del maestro atripaldese è sempre stata quella di esporre le proprie creazioni, insieme a quelle della figlia Michela e dei numerosi artisti della collettiva mitteleuropea, nella propria città ma «parlano di livello basso dell’iniziativa e questa è un’offesa non solo verso gli artisti che dovevano esporre ma anche per le città che hanno accolto la nostra mostra».

Dal 23 aprile al 2 maggio il maestro Angiuoni parteciperà a “PRIMA PAGINA“, la XXIV Collettiva d’Arte Ceramica che si terrà al Palazzo Ducale di Genova.

Regia di Piersabino Nazzaro. [flv image=”http://www.atripaldanews.it/video/enzo angiuoni 16 aprile 2010.jpg”]http://www.atripaldanews.it/video/enzo angiuoni 16 aprile 2010.flv[/flv]
Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (2 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento

Statistiche Mercoglianonews.it