Flash news:   Politiche 2018, martedì il governatore De Luca in città per le elezioni del 4 marzo Condanna assessore, l’ira del papà della 19enne: «Nessuna questione politica, non avrei mai strumentalizzato mia figlia. Lo consideravano un amico, avevo fiducia piena». L’amarezza dell’avvocato Biancamaria D’Agostino: «si colpevolizza la vittima». Sul processo: «si celebra nelle aule di giustizia, non sui media e social. Le sentenze vanno rispettate. Nessuna “fretta” nel dibattimento, ma efficienza di un procedimento» Inchiesta buste paga gonfiate al Comune, l’udienza preliminare per il quinto indagato rinviata al 30 marzo. Il 28 febbraio convocato dalla Commissione disciplinare Addio all’edicolante Carmelina Visone, il ricordo di Lello La Sala Giuliana De Vinco risponde a Noi Atripalda: “No a illazioni, è evidente il mio lavoro attivo” Condanna assessore, il gruppo “Noi Atripalda”: “Vicende di questo tipo non consentirebbero a chiunque di gestire la cosa pubblica e gli interessi collettivi in maniera serena, lucida, asettica e proficua. Mentre il sindaco aspetta di decidere a mente fredda su Moschella, De Vinco e Troisi la nostra amata città muore” Il Consorzio A5 presenta i progetti “Vita Indipendente” e “Dopo di Noi” per persone con disabilità: pronti i bandi per i fondi. FOTO Sidigas subito fuori dalle Final Eight: Cremona vince 82-89 all’overtime Condanna Troisi, il Prc: “Le dimissioni dell’assessore ai Lavori Pubblici sono doverose e improrogabili” Condanna assessore Troisi, parla il difensore Chieffo: «Antonio si proclama innocente. E’ una sentenza di primo grado e siamo pronti a ricorrere in appello. C’è stata gestione frettolosa del dibattimento, sentenza che non condividiamo in nessun passaggio». L’invito del sindaco: «La questione è delicata e privata e merita cautela da parte di tutti. Eventuali valutazioni verranno fatte a mente fredda e successivamente»

Sicurezza sul lavoro in Irpinia, Solimene (direttore Cfs): “Dati locali positivi, possiamo stare tranquilli”

Pubblicato in data: 19/4/2010 alle ore:12:03 • Categoria: AttualitàStampa Articolo

giovanni_solimenePiù formazione per chi ha un ruolo nella gestione dei cantieri ed intensa attività di verifica degli organi ispettivi. La soluzione al problema delle morti sul lavoro passa attraverso questo doppio percorso. Ne è convinto Giovanni Solimene (foto), direttore del Centro per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Avellino, con sede ad Atripalda, che così commenta gli ultimi dati dell’Osservatorio di Vega Engineering di Mestre sulla graduatoria nazionale dei casi di infortuni mortali sul lavoro in base alle cifre del primo trimestre dell’anno in corso. Tra gennaio e marzo 2010 quasi il 6 per cento delle morti sul lavoro si è verificato in Campania che, insieme al Lazio, fa rilevare la variazione più elevata di incidenti nell’ultimo mese (rispettivamente più 2,7 per cento e più 3,2 per cento rispetto a febbraio). “Certamente – dichiara Solimene – bisogna essere preoccupati anche se il dato non è allarmante nel senso che la Campania, purtroppo, è una delle regioni in cui il fenomeno degli incidenti sui luoghi di lavoro non è nuovo. Si continua a fare poco nei confronti della prevenzione“.
Gli esperti di Vega sottolineano che nel primo trimestre 2010 sono state 6 le morti bianche in regione con un’incidenza del 5,6 per cento sul totale: sesta posizione nello score nazionale insieme ad Emilia Romagna e Piemonte (Lombardia, Puglia e Sicilia le maglie nere per la più alta incidenza di decessi nei luoghi di lavoro insieme a Veneto e Lazio). “Su scala provinciale – continua il direttore del Cfs irpino- non si contano per fortuna, nel trimestre analitico, casi mortali. Ed è un dato positivo ma che non deve farci stare tranquilli“. “Sappiamo benissimo – prosegue – che negli anni, nel nostro territorio, gli incidenti mortali avvenuti sui luoghi di lavoro sono stati abbastanza ricorrenti. Solo nel settore delle costruzioni si assiste ad una media di 6 infortuni l’anno in Irpinia“. Un trend, tiene a precisare Solimene, che, seppur nel 2009 ha registrato un moderato miglioramento, descrive un problema in cui la prevenzione, quella auspicabile, è ancora lontana dai livelli accettabili. Ed è il settore edile a risentirne di più. Non solo in Irpinia. Nello studio dell’Osservatorio Vega sui comparti economici agricoltura ed edilizia sono quelli più colpiti a livello nazionale con oltre il 50 per cento delle morti bianche. I campi e le impalcature, infatti, contano più della metà delle vittime dall’inizio dell’anno. Nel dettaglio, per il 29 per cento l’agricoltura e per il 21,5 per cento l’edilizia. “Continuiamo a ritenere – afferma Solimene – che la principale azione da fare, in sinergia e parallelamente con un’attività di verifica degli organi ispettivi che stanno facendo bene il proprio lavoro in quest’ambito delicato, è una formazione preventiva per tutti coloro i quali hanno un ruolo sui cantieri della nostra provincia”. “Proprio per questo – conclude – abbiamo messo i piedi un attento e capillare piano formativo che ha l’obiettivo di fare rispettare le attuali norme sulla sicurezza vigenti nei luoghi di lavoro e tutti gli obblighi formativi previsti“.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento

Statistiche Mercoglianonews.it