Flash news:   Politiche 2018, martedì il governatore De Luca in città per le elezioni del 4 marzo Condanna assessore, l’ira del papà della 19enne: «Nessuna questione politica, non avrei mai strumentalizzato mia figlia. Lo consideravano un amico, avevo fiducia piena». L’amarezza dell’avvocato Biancamaria D’Agostino: «si colpevolizza la vittima». Sul processo: «si celebra nelle aule di giustizia, non sui media e social. Le sentenze vanno rispettate. Nessuna “fretta” nel dibattimento, ma efficienza di un procedimento» Inchiesta buste paga gonfiate al Comune, l’udienza preliminare per il quinto indagato rinviata al 30 marzo. Il 28 febbraio convocato dalla Commissione disciplinare Addio all’edicolante Carmelina Visone, il ricordo di Lello La Sala Giuliana De Vinco risponde a Noi Atripalda: “No a illazioni, è evidente il mio lavoro attivo” Condanna assessore, il gruppo “Noi Atripalda”: “Vicende di questo tipo non consentirebbero a chiunque di gestire la cosa pubblica e gli interessi collettivi in maniera serena, lucida, asettica e proficua. Mentre il sindaco aspetta di decidere a mente fredda su Moschella, De Vinco e Troisi la nostra amata città muore” Il Consorzio A5 presenta i progetti “Vita Indipendente” e “Dopo di Noi” per persone con disabilità: pronti i bandi per i fondi. FOTO Sidigas subito fuori dalle Final Eight: Cremona vince 82-89 all’overtime Condanna Troisi, il Prc: “Le dimissioni dell’assessore ai Lavori Pubblici sono doverose e improrogabili” Condanna assessore Troisi, parla il difensore Chieffo: «Antonio si proclama innocente. E’ una sentenza di primo grado e siamo pronti a ricorrere in appello. C’è stata gestione frettolosa del dibattimento, sentenza che non condividiamo in nessun passaggio». L’invito del sindaco: «La questione è delicata e privata e merita cautela da parte di tutti. Eventuali valutazioni verranno fatte a mente fredda e successivamente»

25 Aprile, nota di Luigi Caputo (Prc)

Pubblicato in data: 25/4/2010 alle ore:08:30 • Categoria: Attualità, Politica, PrcStampa Articolo

25 APRILE: LIBERAZIONE

Sarà bene scandirla con forza, quest’anno, la parola liberazione. Non solo e non tanto per la suggestione degli anniversari “tondi” , quanto perché qualcuno molto in alto vorrebbe sostituirla con la festa della libertà . Chi potrà avere riserve sull’utilizzo della parola libertà, avrà pensato questo qualcuno che si trova molto in alto.
Invece le riserve, in questo caso, si pongono e sono ben fondate..
Contrapporre libertà e liberazione è infatti una delle operazioni moralmente più meschine , oltre che intellettualmente più disoneste che si possano concepire. Equivale infatti a contrapporre la causa e l’effetto, l’origine e la meta, il divenire e l’essere.
Sottratta alla dialettica delle vicende storiche, la libertà si comprime e riduce a quello che ha rappresentato troppo a lungo: la libertà delle classi dominanti, del privilegio, dei rapporti di forza che i codici cristallizzano in norme giuridiche. La liberazione è invece la storia che si trasforma, sono i popoli che acquistano la parola, gli sfruttati che si liberano dalle catene.
Ciò che si sintetizza nel significato del 25 aprile è precisamente questo, e perciò mai potrebbe essere espresso, se non tradendo la lettera e il senso della storia, dalla formula della “festa della libertà”; e perciò, ancora, il solo ipotizzare il cambio di denominazione della ricorrenza, lungi dal limitarsi a un mero avvicendamento terminologico o a una boutade linguistica, dice molto sulla cultura politica dello schieramento di governo ( a partire dal suo leader) e sul suo rapporto conflittuale con le radici della democrazia di questo Paese, in primo luogo con la Resistenza.
Oggi si tratta di provare a ricomporre tutti i nuclei di criticità che oggi si esprimono nel Paese, a porre in connessione, a partire dalla centralità del lavoro e dei suoi diritti, ancora una volta sotto scacco, le voci dissonanti rispetto al racconto berlusconiano che, dalle diverse aree del disagio e della protesta, faticano a trovare momenti di sintesi complessiva.
E’ questo il compito che, come comunisti, avvertiamo come prioritario: anche oggi vi è infatti, pur se non in senso materiale, un Paese da ricostruire, comunque si risolva la parabola di un berlusconismo che sempre più sta mostrando (e sempre più mostrerà, con l’avanzare del suo crepuscolo) il volto più feroce. Sappiamo che la transizione – più o meno lunga e sofferta – richiederà probabilmente una fase di collaborazione tra forze distanti, destinate poi a dividersi nuovamente.

Luigi Caputo
Segreteria Prov. PRC federazione AVELLINO

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

  • 25 Aprile, Festa della Liberazione

    Il 25 Aprile in Italia è la Festa della Liberazione, si ricorda cioè l’anniversario della liberazione dal nazifascismo. Durante la seconda...

    Pubblicato il: Commenti: 1
  • 25 Aprile, Festa della Liberazione

    Il 25 Aprile in Italia è la Festa della Liberazione, si ricorda cioè l'anniversario della liberazione dal nazifascismo. Durante la seconda...

    Pubblicato il: Commenti: 0
  • 25 aprile e 1 maggio, la nota di Luca Criscuoli

    In questi giorni di importanti ricorrenze corre l'obbligo di intervenire nell'agone politico che sta caratterizzando la campagna elettorale...

    Pubblicato il: Commenti: 15
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento

Statistiche Mercoglianonews.it