Flash news:   Il gruppo consiliare “Noi Atripalda” avvia una petizione per incrementare la raccolta dell’umido Atripalda Volleyball ultimato l’iter per l’iscrizione in B Nazionale. Il 28 luglio si conoscerà la composizione dei gironi Costa d’Amalfi Night Ride: il Circolo c’è Avellino in bilico, la serie B a rischio. Covisoc: si decide venerdì Sinistra Italiana Atripalda all’attacco sul sociale: “solo passerelle dell’Amministrazione” Compleanno Giusy Festa, gli auguri della famiglia Madonna del Carmelo, niente festa civile le offerte dei fedeli per il rifacimento della facciata della chiesa di via Roma Compleanno Gina Sica, gli auguri della famiglia Abellinum, il senatore Grassi: “Più fondi alla Cultura”. Antonacci: “Faremo la nostra parte fino in fondo” Consiglio, toni accesi sul Dup. L’ex sindaco: “La città arretra”, ma la maggioranza fa quadrato. FOTO

Vendita area box via San Lorenzo, Del Mauro e Iannaccone attaccano: «E’ irregolare, l’asta va ritirata»

Pubblicato in data: 9/5/2010 alle ore:10:19 • Categoria: Attualità, PoliticaStampa Articolo

box-demoliti1Va revocata per l’opposizione l’asta di vendita dell’area occupata, fino a poche settimane fa, dai vecchi box artigianali di via San Lorenzo (foto) che scade proprio domani mattina.
L’attacco parte dai consiglieri comunali d’opposizione Massimiliano Del Mauro e Antonio Iannaccone, coadiuvati dal “Circolo di via Fiume”, che denunciano l’irregolarità del bando pubblicato dall’Amministrazione comunale.
Secondo i due esponenti politici di minoranza infatti, il bando, che stabilisce un prezzo base di vendita di 85mila euro, è assolutamente da ritirare perché pieno di errori che possono ledere gli eventuali acquirenti.
«Nel bando – attacca Del Mauro – non si parla di terreno ma di cedere i box artigianali di via San Lorenzo, che sono stati già abbattuti. Inoltre  manca il parere dell’Anas e della Sovrintendenza. Chi acquisterà non può essere certo di poter edificare. Perciò la maggioranza deve revocare l’asta che si svolgerà domani mattina. Sappiamo che un potenziale acquirente si è già rivolto alla Procura e ai Carabinieri proprio perché non è stato messo nelle condizioni di poter accertare l’estensione precisa del suolo in vendita. Questo episodio denota ancora una volta l’inadeguatezza è l’incapacità di chi ci amministra».

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento

Statistiche Mercoglianonews.it