Flash news:   Terza edizione del premio dedicato a Pasquale Campanello, il procuratore capo Cantelmo: “gli indifferenti aiutano la camorra”. FOTO Sacripanti: “questa vittoria ci dà grande fiducia per il futuro” La Sidigas Scandone Avellino batte Milano ed espugna il Mediolanum Forum Lectio Magistralis del professor Sabino Cassese al liceo di Atripalda: «la democrazia è in crisi ma la crisi fa bene alla democrazia perché crea anticorpi che possono servire a superare le crisi». FOTO Pista di pattinaggio sul ghiaccio in piazza Umberto, luminarie uniformi in via Roma e cartellone degli eventi per il Natale Minaccia la madre pensionata pretendendo 20 euro al giorno: il Gip convalida l’arresto e il 42enne resta in carcere Frosinone-Avellino 1-1: gol di Castaldo e Ciofani Partiti i lavori di messa in sicurezza di palazzo Caracciolo Compleanno Ilaria Festa – auguri dalla famiglia Controlli agli esercizi commerciali: denunciato un cinese ad Atripalda e maxi-sanzione per il lavoro irregolare

Amatori della Bici, De Vito stupisce ancora nei 600 km della Magna Grecia

Pubblicato in data: 10/5/2010 alle ore:12:12 • Categoria: Sport, CiclismoStampa Articolo

de_vitoLuciano De Vito (nella foto) non finisce mai di stupire. Il “Prestigioso” così com’è soprannominato per aver conquistato, classificandosi primo in Campania, il brevetto Prestige ’09 si è cimentato nella massacrante 600 kmMagna Grecia” mentre il resto della squadra si diletta in allenamenti di vario genere in preparazione della dura Novecolli di Cesenatico (200 km), in programma il prossimo 23 maggio. Luciano il Prestigioso ha concluso, a cavallo tra sabato e domenica scorsa una gara di ben 600 km.
La Salerno-Sibari-Salerno, classificata nella categoria Randonnè, ha ripercorso le strade delle imprese Achee tra Tirreno e Ionio. La gara denominata giustamente “Magna Grecia” ha affascinato i ciclisti non solo per le straordinarie bellezze naturali, attraverso i parchi nazionali del Cilento, del Vallo di Diano, del Pollino e della Sila Greca, ma anche per la storia plurimillenaria che si è respirata.
Alla partenza di Salerno, sabato mattina erano presenti circa 40 impavidi atleti che si sono tuffati lungo la litoranea completamente pianeggiante, poi si è giunti a Paestum, Agropoli fin giù Acciaroli, Pioppi, Velia e Palinuro, senza dimenticare i passaggi nell’entroterra cilentana (Rutino, Ceraso, Cuccaro, Montano Antilla). A Rofrano gli atleti hanno dovuto affrontare la prima vera dura asperità che li ha portati sul tetto della Campania del monte Cervati. Attraverso il Vallo di Diano il “Prestigioso” e i sui compagni di sventura hanno attraversato tutto il Vallo di Diano sino ai confini con la Basilicata. Superato il Pollino si è giunti in terra calabra e, dopo Lagonegro, si è toccato lo Ionio. Dopo alcune sventure e circa 10 ore di pedalata sabato sera i temerari sono giunti nella piana di Sibari che ha accolto i ciclisti con la sua sabbia bianca e luminosa. Toccato Sibari gli atleti hanno dovuto ripercorrere a ritroso la strada. Il nostro “Prestigioso” non nasconde che sulla strada del ritorno più volte ha smarrito la via e a volte ha dovuto percorrere inutilmente dislivelli e tortuosità.
Ciò non conta perchè domenica sera, dopo circa 30 ore di gara, con il 17° tempo assoluto, Luciano De Vito da Pianodardine, con qualche chilo in meno ma tanta soddisfazione e la consapevolezza di aver compiuto un’impresa, è giunto sano e salvo al traguardo di Via Generale Clark a Salerno.
Un’mpresa che rimarrà negli annali.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento

Statistiche Mercoglianonews.it