Flash news:   Sinistra Italiana Atripalda critica l’azione dell’amministrazione: «la rivoluzione deve essere la risoluzione nell’anno di problemi urgenti. Centro città in condizione di grande degrado». Replica anche sul futuro dell’ex cinema Ideal Fondi per la “Mazzetti”: è polemica in città. Il sindaco: “impegno globale dell’amministrazione sull’edilizia scolastica”. L’ex sindaco: “premiata la nostra programmazione” Adeguamento sismico, 2 milioni e 800mila euro per la ricostruzione della Mazzetti di via Manfredi. Parla l’ex delegato ai Lavori pubblici Lello Barbarisi: “Notizia della quale devono gioire tutti, a partire dalle famiglie. Senza progettualità oggi non si va da nessuna parte. Fiducia nella prosecuzione del lavoro iniziato e visione della città della cultura condivisa con il sindaco” Atripalda Volleyball, coppa campania amara: vince Rione Terra Nuovo libro sullo Stracittadino di Gioso Tirone: “X Edizione – Anno 1984” Confronto sul Reddito di Inclusione mercoledì pomeriggio nella sala consiliare Serie D, Green Volley The Marcello’s che vittoria: battuta Ischia al tie-break Calendario 2018, inviaci la tua foto più bella per i mesi del nuovo anno Emozioni dell’Epifania con il concerto gospel del Coro Armonia. FOTO Il gruppo “Noi Atripalda” interroga l’Amministrazione sulla mappatura reti fognarie secondarie

Regione, La Sala (MèL): “A Caldoro il compito titanico di segnare la svolta”

Pubblicato in data: 18/5/2010 alle ore:08:32 • Categoria: Politica, Merito è LibertàStampa Articolo

logo-merito-e-liberta-ridLa politica irpina nelle ultime settimane riflette pericolosamente, tra lacerazioni, agguati, ‘veleni’, ed ambzioni smodate, la torbida ed incerta condizione generale che apre crepe profonde nei maggiori (e fragilissimi) partiti. Partiti, mai veramente partiti, che bruciano con disinvolta leggerezza riferimenti, esperienze consolidate e rassicuranti certezze, mentre il proscenio si affolla di uommini scicche e femmene pittate (secondo la felicissima citazione dell’on. Emilio D’Amore) incapaci di incarnare storie, sofferenze, speranze.
E’ un quadro francamente desolante nel quale, forse, le dimissioni rassegnate dal gruppo provinciale del Pdl, sia pure nelle mani del Presidente Sibilia (e perciò, per ora, senza conseguenze), possono rappresentare un clamoroso segnale di discontinuità, o viceversa la presa d’atto (a questo punto definitiva) di una condizione di impotenza. Se non addirittura di sostanziale ‘inutilità’, in un partito che non è né liquido e neppure gassoso…semplicemente non c’è. Per questo, al di là dei velleitarismi allo zero virgola, di più o meno ostentate fedeltà berlusconiane, torna attuale e necessaria la proposta culturale e politica di “Merito è Libertà”: restituire al cittadino la possibilità, anzi il diritto negato, di ele ggere i suoi rappresentanti, ripartire dai territori e dalle loro naturali vocazioni, investire nell’alta formazione, valorizzare il merito come condizione (non esclusiva) di libertà.
E’ affidato oggi al Presidente Stefano Caldoro il compito veramente titanico di segnare una svolta e di farlo in una delle regioni più martoriate del Mezzogiorno, stretta com’è nella tenaglia di un sistema criminale e del sistema di potere bassoliniano che, seppure sconfitto, controlla ancora apparati e gangli vitali della macchina pubblica.
Finora il braccio di ferro, assai più insidioso di quanto le stesse cronache abbiano riportato, lo ha visto alternare certezze e cedimenti. La stessa minaccia delle dimissioni peraltro, può essere interpretata come una prova di forza o una mossa disperata.
Ma è proprio in queste scelte che si realizza e si legittima una leadership o si prende atto, con rammarico, di un fallimento.
O il Pdl ritrova la bussola, non solo in Campania, di una non effimera rappresentanza politica nei territori, o si condanna ad un rapido e bruciante declino, che neppure il carisma di Berlusconi potrà più fermare. E non basteranno ad arginare la crescente sfiducia verso una classe politica evanescente (e talvolta perfino sprovveduta) le fragili e tardive proposte di rinuncia a qualche privilegio o le insignificanti e demagogiche riduzioni di stipendio. Prima ancora di dover rimpiangere la politica di ‘professione’, forse si può provare con la rivoluzione copernicana delle coscienze. It’s up to us.

Raffaele La Sala
“Merito è Libertà”

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (4 votes, average: 4,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento

Statistiche Mercoglianonews.it