alpadesa
alpadesa
  
domenica 16 dicembre 2018
Flash news:   La Cometa Di Natale: Osservazione Astronomica questa sera dalla collina di San Pasquale Programma di Formazione Anticorruzione al via da lunedì a Palazzo di città Prestigioso riconoscimento per la poetessa Lucia Gaeta di ACIPeA Parcheggio del distretto sanitario Asl di Atripalda, le associazioni chiedono risposte Scoperta la targa d’intitolazione dei “Giardini Biagio Venezia” Torna ad Atripalda il Calendario d’artista dell’associazione Arteuropa firmato Hotel Civita: domani la presentazione La Protezione civile di Atripalda in campo per una raccolta alimentare Si accendono i riflettori sul Natale: Christmas Park, cultura e Notti Bianche. Il sindaco Spagnuolo: “Numerose le iniziative promosse dall’Amministrazione, dal parco giochi in piazza Umberto fino a momenti spettacolari con artisti di strada e divertimenti” Domani accensione di quattro alberi di Natale in città Gli Amici di Beppe Grillo all’attacco dell’Amministrazione:” La regolamentazione dell’inutile e la finta lotta all’inquinamento”

Ritrovato il neonato rapito a Nocera. La madre: “Andrò a San Gerardo”

Pubblicato in data: 8/6/2010 alle ore:12:45 • Categoria: CronacaStampa Articolo

luca-cioffi“Voglio ringraziare davvero tutti. Ieri mio figlio è nato per la seconda volta. Quando uscirò dall’ospedale andrò al santuario di San Gerardo”, risponde così piangendo Annalisa Fortunato, la mamma del piccolo Luca Cioffi (foto), rapito a poche ore dalla nascita in ospedale a Nocera Inferiore, e ritrovato nel corso della notte.
“A rapirlo è stata un’infermiera, aveva il camice. Aveva gli occhiali e uno spillone nei capelli – ha raccontato la donna -. Aveva un comportamento normale. Ha parlato normalmente. Era un’infermiera dolcissima”.
Quella donna, che Annalisa ha dichiarato di non conoscere, si é presa cura di lei: “Mi ha aggiustato il catetere, mi ha aggiustato la flebo. Mi ha detto anche che è un peccato che certe donne abbandonino i bambini”.
Annalisa è disposta a perdonare chi le ha portato via suo figlio: “Non gli ha fatto del male – ha continuato – l’ha fatto pure mangiare. Ieri quando è arrivato qui Luca dormiva”.
“Mi dispiace per questa persona – ha concluso – molto probabilmente non sta bene. La perdono, sì”.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento

Statistiche Mercoglianonews.it