sabato 26 maggio 2018
Flash news:   Non approvano il Rendiconto 2017, il prefetto di Avellino diffida 62 consigli comunali tra cui Atripalda Prosciolto l’ex comandante dei vigili di Atripalda Salsano La Soprintendenza non ha i fondi e a salvare Abellinum dal degrado ci pensano i volontari della Pro Loco. FOTO Autovelox sulla Variante, Sinistra Italiana Atripalda critica le due Amministrazioni Spagnuolo: “finora spesi 100mila euro con entrate pari a zero” La città si stringe attorno a Santa Rita e aspetta “il miracolo”. FOTO Il Circolo di Atripalda ritorna alla Novecolli Serie C, l’Atripalda Volleyball batte Massa in scioltezza e si prepara all’ultima trasferta della stagione Lotta all’evasione tributaria, il Comune avvia un censimento sulle utenze non domestiche per la Tari Sgominata dai Carabinieri pericolosa banda dedita ai furti di auto: oltre 30 quelle rubate La Sidigas Scandone saluta la città

Cfs, oggi il primo incontro con la delegazione di costruttori rumeni

Pubblicato in data: 21/6/2010 alle ore:15:53 • Categoria: AttualitàStampa Articolo

delegazione_rumena_con_direzione_e_presidenza_cfs_ediliziaL’edilizia come ponte tra Romania ed Irpinia sul fronte delle buone prassi in formazione e sicurezza nei luoghi di lavoro. Oggi il primo incontro in Irpinia con la delegazione della Casa de Meserii
a Constructorilor
(CMC), l’ente bilaterale che si occupa di formazione edile in Romania. A fare da tramite la Scuola Edile della provincia di Avellino che, scelta tra i modelli di eccellenza al Sud-Italia nel comparto costruzioni e sicurezza sui cantieri e in quello della formazione professionale, ha ospitato oggi (lunedì 21 giugno) una delegazione romena della Casa de Meserii a Constructorilor (CMC): l’organizzazione bilaterale imprenditori-sindacati che si occupa di formazione per il settore edile in Romania. «L’ente paritetico irpino – dice Dan Cristescucopresidente della Federazione Generale dei Sindacati delle Costruzioni della Romania – è un modello da esportare nel nostro Paese da cui poter trarre esperienze ed insegnamenti positivi». Cristescu non esclude anche possibili relazioni tra il mercato edile irpino e quello rumeno. «Immagino – afferma – ad un eventuale trasferimento di know-how, di competenze e professionalità per accrescere i reciproci comparti produttivi».
foto_vertice_istituzionaleLa rappresentanza istituzionale, composta inoltre da Laurentiu Plosceanu, presidente Araco (Associazione Nazionale dei Costruttori), Romeo Bogdanovici, direttore Risorse Umane di Hidroconstructia (una delle più grandi aziende rumene operanti nel campo delle costruzioni), Ieremie Catargiu, direttore Dipartimento Sociale di Araco, Eugen Colceriu, copreseidente della Federazione Generale dei Sindacati delle Costruzioni rumene, Eugen Sultan, segretario generale della Federazione Generale dei sindacati rumeni, Felicia Sandulescu, rappresentante del Ministero dell’Educazione del Governo rumeno, Angela Cristescu e Adreea Pircalabescu, rispettivamente direttrice e coordinatrice delle formazione professionale della Casa de Meserii a Constructorilor, ha fatto prima visita alla sede di Atripalda del Centro per la Formazione e Sicurezza in Edilizia (Scuola Edile). Ad attenderli, in un tour conoscitivo della struttura e dei suoi compiti, il presidente del Cfs, l’ingegnere Antonio Turtoro, ed il vicepresidente, Fulvio Pirchio, nonché il direttore dell’Ente, Giovanni Solimene, che hanno illustrato loro il settore delle costruzioni irpino con riferimento alla formazione e sicurezza in ambito lavorativo. «Come Ente – mette in evidenza Turtoro – siamo impegnati nella formazione professionale rivolta al comparto edile territoriale. Fare formazione è indispensabile in questo ramo e lo è ancor di più in un momento di recessione quale quello attuale. Con la visita rumena ci poniamo l’obiettivo di far recepire l’identità del nostro piano formativo». «Abbiamo – spiega al comitato rumeno il direttore Solimene – dei tecnici che quotidianamente fanno attività consulenziale di settore sia per le imprese che per i lavoratori». «Credo – conclude Pirchio – che la Romania abbia della manodopera poliedrica in grado di adattarsi a diverse e moltepilici esigenze lavorative». La visita è poi proseguita presso l’Assessorato provinciale al Lavoro e Formazione. Qui vertice con il presidente della Provincia di Avellino, Cosimo Sibilia, e l’assessore al ramo Giuseppe Solimine. «Il rapporto con la scuola edile – dichiara Solimine – è molto forte visto che l’edilizia in Irpinia rappresenta uno dei settori più importanti della nostra economia». Poi l’invito ai costruttori rumeni. «Come struttura istituzionale – precisa – siamo fortemente motivati ad uno scambio di esperienze in campo formativo». Sulla stessa linea il presidente Sibilia. «L’edilizia – sottolinea – rappresenta un comparto trainante e siamo disponibili ad uno scambio di formazione con tutte quelle che sono le componenti produttive del mondo dell’edilizia». L’incontro istituzionale ha visto la partecipazione anche dei sindacati irpini. Presenti i segretari generali di Cgil, Cisl e Uil rispettivamente Vincenzo Petruzziello, Mario Melchionna, Franco De Feo.
Tra gli altri anche Antonio Famiglietti, segretario provinciale della Fillea-Cgil. «In Irpinia – evidenzia – il settore delle costruzioni costituisce un buon canale per creare rapporti duraturi di buone prassi. La struttura del Cfs è capace, in proposito, di rispondere a tutte le esigenze formative di carattere professionale. Credo che ci siano tutti gli ingredienti per arricchire sia il nostro comparto che il mondo delle costruzioni rumeno, mettendo dunque in piedi una formazione sistemica».
Dopo il vertice istituzionale, la delegazione ha fatto tappa all’azienda Mastroberardino di Atripalda dove si è discusso, insieme al management dell’impresa vitivinciola, di formazione continua. Ricco il programma di iniziative anche per domani. La mattina di martedì 22 giugno l’incontro, alle ore 9:30, all’Ance di Avellino con i massimi rappresentanti dell’Associazione dei Costruttori irpini. Presenti anche le organizzazioni sindacali di settore. Poi, alle ore 11.30, partenza per una visita studio in un cantiere irpino particolarmente significativo per complessità delle lavorazioni. Nel pomeriggio, alle ore 16.00, visita alla Dimms Control: il Centro Geotecnico Ingegneristico di Intervento e di Controllo sulle Strutture e sul Territorio. L’intera iniziativa di carattere internazionale rientra nel progetto Cale (Educazione di qualità). Finanziato dal Fondo Sociale Europeo, l’intervento punta allo sviluppo del capitale umano e all’aumento di competitività sul mercato del lavoro nel settore edile. In sostanza, l’obiettivo è creare ed implementare meccanismi e strumenti per migliorare la qualità della formazione continua.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento

Statistiche Mercoglianonews.it