domenica 23 settembre 2018
Flash news:   Gran finale questa sera nel centro storico per la XIXesima edizione di “Giullarte” Atripalda di nuovo al centro di un caso di allontanamento, “Chi l’ha Visto?” sulle tracce di Francesco Pio Stasera “la Festa dei Folli” a Giullarte, ieri il taglio del nastro. FOTO Festeggiamenti San Sabino, in migliaia al concerto di Masini. Tantissimi fedeli alla messa e processione per il Patrono. FOTO “La Bodeguita de Ana” recensita da il Giornale Provincia, si vota per il rinnovo il 31 ottobre Giullarte 2018, stasera il taglio del nastro. La delegata agli Eventi Antonella Gambale: “l’edizione numero 19 sarà un vero e proprio anno zero, l’anno della completa maturità“ Bando per il servizio civile presso la Misericordia di Atripalda: 13 posti disponibili Memorial “Un pezzo di storia del Calcio Atripaldese” venerdì 28 settembre Distretto Sanitario, sottoscritto il protocollo per la realizzazione della nuova sede di Atripalda

Sciopero ad oltranza degli ambulanti. «Il Comune ci vuole dimezzare»

Pubblicato in data: 10/9/2010 alle ore:10:46 • Categoria: AttualitàStampa Articolo

sciopero-ambulanti8Lo sciopero degli ambulanti del giovedì proseguirà ad oltranza, fino a quando non sarà individuata un’area fieristica idonea dove possano operare tutti i 240 operatori commerciali. Lo hanno assicurato ieri le organizzazioni sindacali di categoria che hanno avanzato questa richiesta ferma all’Amministrazione comunale. 
«Se qualcuno pensava che il mercato si poteva svolgere solo a parco delle Acacie si sbagliava di grosso – afferma Peppino Innocente di Confcommercio -. Il mercato non si farà fino a quando il Comune non assicurerà un’area idonea ad ospitare tutti gli ambulanti. Altrimenti organizzeremo una grande manifestazione di protesta. Faccio un appello alla città e alla gente a far sentire la propria voce».
sciopero-ambulanti9«Lo sciopero di oggi dimostra la compattezza di una categoria che ha preso coscienza di una serie di problematiche e che ha subito molti torti da parte dell’Amministrazione – incalza Rino Bilotto di Unimpresa -. Dopo 300 anni di storia, Atripalda sta rischiando di perdere anche il mercato. E noi non possiamo consentire che ciò accada. Perdere il mercato non significa solo mettere in crisi 240 ambulanti e le loro famiglie, ma anche l’utenza che viene privata della possibilità di fare acquisti di beni alimentari a prezzi competitivi».
Piovono critiche sull’operato dell’Amministrazione come dichiara il dottor Speranza di AssoCampania: «Contestiamo il disegno non più occulto dell’Amministrazione di puntare al dimezzamento del numero degli ambulanti e dell’area fieristica. Il Comune vuole far passare questo messaggio: il mercato si può fare anche a metà. Stiamo valutando la possibilità di richiedere un risarcimento dei danni subiti».

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento

  • Inchiostro su carta

  • Il meteo

  • Polls

    In vista delle Elezioni Amministrative, su cosa dovrebbe puntare il programma del futuro sindaco?

    Mostra i risultati

    Loading ... Loading ...
  • Altri articoli in questa sezione

  • Gli archivi mensili


  • Quotidiani on-line

  • Statistiche Mercoglianonews.it