" class="thickbox">
  
sabato 23 settembre 2017
Flash news:   Giullarte 2017, ieri mattina presentazione del Festival nella Sala Consiliare Nigeriano tenta di avvicinare una ragazzina per corteggiarla in piazza, i genitori chiamano i Carabinieri Giullarte 2017, questa mattina conferenza stampa di presentazione dell’evento. Spagnuolo: “recupero di un momento caratterizzante, di aggregazione e riscoperta del centro storico e della sue potenzialità” Terzo raid l’altra notte all’edificio dell’Utc in piazzetta Pergola nell’ala che ospita la scuola Adamo. Il sindaco: “Abbiamo installato grate in ferro alle finestre, lavoriamo alla videosorveglianza” Mancata pubblicazione graduatoria alloggi popolari, il gruppo consiliare “Noi Atripalda” presenta interrogazione al sindaco Festeggiamenti San Sabino, tanti fedeli alla messa e processione per il Patrono. Il vescovo Aiello: “viviamo giorni nuvolosi e di caligine”. Il sindaco: “tre giorni intensi, emozionanti, gratificanti”. FOTO Magia e antichi mestieri a Capo la Torre, da domani si alza il sipario su Giullarte Il colonnello Massimo Cagnazzo nuovo Comandante provinciale dei Carabinieri Riparte l’autunno politico di Primavera Irpinia Atripalda “Luigi Sessa e l’avventura americana”, nota di Lello La Sala

Le interviste del venerdì – Caos mercato, l’ex-sindaco Lina Rega accusa: «A contrada Santissimo sono mancati i controlli. Resta comunque la soluzione migliore»

Pubblicato in data: 17/9/2010 alle ore:19:00 • Categoria: Attualità, Politica, Le interviste di AtripaldaNewsStampa Articolo

lina-regaDurante la sua amministrazione il mercato del giovedì era stato trasferito da piazza Umberto a contrada Santissimo. Una decisione legata all’inizio dei lavori di rifacimento di piazza Umberto.
A distanza di alcuni anni interviene di nuovo sulla vicenda mercato l’ex sindaco della città, la dottoressa Lina Rega (nella foto).
«Chi aveva spostato il mercato a contrada Santissimo non era un imbecille. Dietro quel trasferimento c’era stato tutto uno studio sull’ubicazione delle bancarelle con i tecnici del Comune – dichiara l’ex primo cittadino -. Non è che non ci erevamo posti degli interrogativi su dove ubicarlo: il mercato non poteva però essere spostato ad un’altra parte. Quella soluzione allora, come oggi, appare la migliore possibile. Per di più ne avevamo discusso per circa un anno e analizzato le diverse possibilità in campo. Ma il mercato andava spostato per consentire l’avvio dei lavori in piazza Umberto I».
Per la Rega lo svolgimento della fiera settimanale a contrada Santissimo-Gramsci durante la sua amministrazione non ha mai dato grossi problemi o sollevato proteste dei residenti. «Mica volevamo bloccare la gente in casa. All’inizio i residenti non hanno mai protestato – prosegue – perché vi erano controlli e fatte rispettare le regole. Gli ambulanti non buttavano i rifiuti nel fiume, vi erano i bagni chimici, era previsto il rispetto dei passi carrabili ed era stato lasciato anche lo spazio per il passaggio dell’ambulanza. Quello che è mancato dopo è stato di non aver intensificato la vigilanza per far rispettare le regole».
Quindi secondo l’ex primo cittadino a far innescare le proteste dei residenti di contrada Santissimo è stata proprio la mancanza di controlli da parte del Comune. «Secondo me in questi anni bisogna far rispettare di più le regole  con lo stesso spirito iniziale – conclude -. Per cui resto dell’idea che la migliore area per l’ubicazione di tutto il mercato di Atripalda resta contrada Santissimo. L’assenza di controlli ed il rispetto delle regole ha dato il via a tutto la vicenda e poi all’ispezione dei Nas».

Print Friendly

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento

Statistiche Mercoglianonews.it