" class="thickbox">
  
Flash news:   Giullarte 2017, questa mattina conferenza stampa di presentazione dell’evento. Spagnuolo: “recupero di un momento caratterizzante, di aggregazione e riscoperta del centro storico e della sue potenzialità” Terzo raid l’altra notte all’edificio dell’Utc in piazzetta Pergola nell’ala che ospita la scuola Adamo. Il sindaco: “Abbiamo installato grate in ferro alle finestre, lavoriamo alla videosorveglianza” Mancata pubblicazione graduatoria alloggi popolari, il gruppo consiliare “Noi Atripalda” presenta interrogazione al sindaco Festeggiamenti San Sabino, tanti fedeli alla messa e processione per il Patrono. Il vescoco Aiello: “viviamo giorni nuvolosi e di caligine”. Il sindaco: “tre giorni intensi, emozionanti, gratificanti”. FOTO Magia e antichi mestieri a Capo la Torre, da domani si alza il sipario su Giullarte Il colonnello Massimo Cagnazzo nuovo Comandante provinciale dei Carabinieri Riparte l’autunno politico di Primavera Irpinia Atripalda “Luigi Sessa e l’avventura americana”, nota di Lello La Sala Clementino con la sua energia travolge Atripalda: bagno di folla per il suo rap in piazza Umberto. FOTO Prima giornata ecologica “Atripalda si Differenzia” sabato 30 settembre

Caos mercato, l’irruzione degli ambulanti nella sala consiliare e l’incontro di una delegazione con il sindaco Laurenzano. Guarda il Fotoservizio 2

Pubblicato in data: 23/9/2010 alle ore:16:00 • Categoria: Attualità, Video intervisteStampa Articolo

p92302131Atto di forza da parte dei commercianti del mercato del giovedì. Questa mattina, dopo aver lasciato i propri camion parcheggiati nella vecchia collocazione di via Gramsci-C.da Santissimo e davanti all’ennesima porta chiusa da parte del comune, gli ambulanti esasperati hanno forzato il cordone delle forze dell’ordine all’ingresso e sono entrati a chiedere udienza al sindaco all’interno di Palazzo di Città. Ma solo una delegazione, composta dai rappresentanti di categoria, Enzo Speranza di AssoCampania, Rino Bilotto di Unimpresa, Peppino Innocente di Confcommercio, Gerardo Iannaccone di Associa (Generoso Testa dell’associazione dei consumatori è arrivato solo alla fine della discussione) ha potuto prendere posto all’interno della Sala p9230193Giunta per l’incontro con il primo cittadino Laurenzano, il vice sindaco Aquino e gli assessori Di Pietro e Foschi. «Aspetto fiducioso martedì 28 settembre, nel caso dovesse andare male si deciderà nel luogo preposto ovvero in Consiglio Comunale. I commercianti sono stati raggirati e strumentalizzati da un’opposizione poco leale – dichiara il sindaco Laurenzanoabbiamo avuto un incontro con i commercianti all’indomani della rinuncia a procedere da parte del privato, cosa che mi lascia sbalordito alla luce della richiesta d’urgenza fatta lo scorso 20 agosto. Come se prima chiamassi il 118 e poi mandassi via il medico nel momento in cui arriva. I commercianti hanno tutta la mia solidarietà, non devono essere strumentalizzati perché la decisione dello spostamento è stata p9230182presa dalla commissione consiliare all’unanimità senza scontenti, ora, invece, le lamentele: voglio persone coerenti». Una querelle, quella del mercato, che ogni volta sembra avviarsi a conclusione e che, invece, va avanti da oltre un anno senza trovare pace anche per la continua invocazione del rispetto dell’esito del referendum, «sono cambiate le norme igienico-sanitarie da rispettare, la piazza è stata riqualificata e il mercato è cresciuto negli anni – continua il sindaco – siamo a circa 240 commercianti, difficile tenere la situazione sotto controllo con soli due vigili urbani a disposizione, non si può, quindi, accusare il comune di non controllo. Abbiamo difficoltà a trovare la collocazione ma è compito dell’Amministrazione tutelare le decisioni prese in p9230194consiglio. La cosa grave è che così stiamo creando un pericoloso precedente: tutti vogliono il mercato ma nessuno lo vuole sotto casa. Capisco la situazione dei commercianti, avevo chiesto loro una mano per salvare il mercato anche facendo insieme un’azione legale. Vogliono lavorare? Parco delle Acacie è libero, iniziassero da lì». «Nell’immediato non si può fare nulla – aggiunge Elio Di Pietromi dispiace per i commercianti e per i cittadini ma dobbiamo aspettare la decisione del Consiglio di Stato. L’ipotesi alternativa verrà studiata dopo in consiglio. Sarebbe interessante capire come avrebbe agito la minoranza». «L’esasperazione della mattinata è comprensibile – commenta il consigliere di minoranza Antonio Prezioso -. I commercianti da un mese non riescono a p9230198svolgere la propria attività. Francamente, visti i toni alti e la disponibilità a dialogare mi aspettavo che il sindaco decidesse di parlare loro nella Sala Consiliare. Gesto che sarebbe stato apprezzato anche solo simbolicamente e avrebbe assunto valenza nel luogo deputato ad affrontare tali problemi. Ma, evidentemente, dobbiamo attendere la sentenza del Consiglio di Stato per sciogliere questo grande punto interrogativo cui si è arrivati per la mancanza di impegno da parte di sindaco e Giunta nel non voler preparare un piano di riserva».  Animi accesi, insomma, per tutta la mattinata per qualche istante si è temuto che la situazione degenerasse, sempre vigili, infatti, gli uomini della Digos, dei Carabinieri e della Polizia Municipale. «L’Amministrazione p9230200comunale è rimasta impantanata in questa situazione dopo la scelta a monte del trasferimento – dichiara Speranza appena dopo l’incontro – ora non possiamo fare altro che aspettare per quanto riguarda l’iter legale, ma quello che vogliamo è una proposta alternativa che ci permetta di svolgere il mercato giovedì prossimo o comunque a breve termine ripristinando, magari, la situazione precedente». «Sarebbe opportuno iniziare a parlare di un piano b – commenta Peppino Innocenteper venire incontro alle nostre esigenze, siamo fermi da un mese, il mercato può continuare in piazza Orte e nelle zone limitrofe in attesa che l’amministrazione prenda altri provvedimenti». «Non possiamo stare dietro ai “se” e ai “ma” di un’azione dilettantistica messa in p9230203campo dall’Amministrazione cittadina. Abbiamo posto in essere una serie di rivendicazioni – dice Bilottosono particolarmente rammaricato e deluso, senza parole per come la concertazione di questa mattina si è svolta dopo cinque giorni persi di mercato. Abbiamo chiesto una soluzione alternativa temporanea ma il problema resta vincolato al 28 auspicando a un esito positivo. Se speriamo in una soluzione alternativa da parte dell’Amministrazione allora siamo in alto mare: non riescono nemmeno a dare risposte».

[flv image=”http://www.atripaldanews.it/video/protesta mercato 25 settembre 2010.jpg”]http://www.atripaldanews.it/video/protesta mercato 25 settembre 2010.flv[/flv]

 

p9230206p92302132p92302141p9230228p9230230p9230233p9230234p9230237p9230240p9230243p92302471

Print Friendly

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento

Statistiche Mercoglianonews.it