Flash news:   Terza edizione del premio dedicato a Pasquale Campanello, il procuratore capo Cantelmo: “gli indifferenti aiutano la camorra”. FOTO Sacripanti: “questa vittoria ci dà grande fiducia per il futuro” La Sidigas Scandone Avellino batte Milano ed espugna il Mediolanum Forum Lectio Magistralis del professor Sabino Cassese al liceo di Atripalda: «la democrazia è in crisi ma la crisi fa bene alla democrazia perché crea anticorpi che possono servire a superare le crisi». FOTO Pista di pattinaggio sul ghiaccio in piazza Umberto, luminarie uniformi in via Roma e cartellone degli eventi per il Natale Minaccia la madre pensionata pretendendo 20 euro al giorno: il Gip convalida l’arresto e il 42enne resta in carcere Frosinone-Avellino 1-1: gol di Castaldo e Ciofani Partiti i lavori di messa in sicurezza di palazzo Caracciolo Compleanno Ilaria Festa – auguri dalla famiglia Controlli agli esercizi commerciali: denunciato un cinese ad Atripalda e maxi-sanzione per il lavoro irregolare

Tre milioni di euro dalla Provincia per il risanamento del fiume Sabato, presentato lo studio. Guarda lo Speciale Video

Pubblicato in data: 11/1/2011 alle ore:08:00 • Categoria: Attualità, Video intervisteStampa Articolo

maltempo-fiume4Tre milioni di euro dalla Provincia di Avellino per il risanamento idrogeologico del fiume Sabato ad elevato rischio esondazione nel tratto che attraversa il centro urbano di Atripalda. Un rischio esteso anche ad altri comuni primi.
Ecco perché, forte di uno studio, l’Ente di Palazzo Caracciolo ieri mattina ha chiamato a confronto i sindaci dei comuni di Atripalda, Cesinali, San Michele di Serino, Santa Lucia di Serino, Serino e Santo Stefano del Sole, l’Autorità di Bacino e le Soprintendenze per illustrare e discutere sul rischio idraulico e idrogeologico del fiume Sabato.
«Ci sono criticità tali – afferma l’ingegnere Robertino Tropeano, realizzatore della studio commissionato dall’Amministrazione provinciale – che implicano una probabilità del verificarsi di tali eventi, come quello dello scorso novembre, con una certa frequenza. Perciò tale problematica richiede l’attuazione di interventi per la mitigazione del rischio idraulico che si configura come un rischio elevato non solo per Atripalda ma anche per i comuni a valle e a monte. Interventi di ricalibratura delle sezioni. A questi si aggiungono interventi più di sistema che interesseranno l’intero bacino idrografico del fiume Sabato, con i comuni a monte dove è necessario ridurre le portate di piena, che altrimenti metterebbero in crisi i sistemi a valle, mediante la realizzazione di aree ad esondazione controllata».
Gli interventi illustrati nello studio sono di due tipi. Con quelli passivi si procederà alla ricalibratura della sezione ed allargamento della alveo fluviale in prossimità della villa comunale di Atripalda. Inoltre si aumenterà la capacità di portata del fiume in via Gramsci, abbassando del fondo alveo che presenta un scalino. A questi si aggiungeranno anche interventi attivi con la creazione di bacini che possano arrestare la furia delle acque a monte del comune di Atripalda, dove già avvengono fenomeni di esondazione naturale, per favorire anche la nascita di piccole oasi per attività turistiche.
A promuovere gli interventi l’Assessorato provinciale all’Ambiente, guidato da Domenico Gambacorta, che spiega: «Dall’incontro è emersa una condivisione generale e di concertazione dell’intervento da porre in essere per il quale c’è già a disposizione la relativa copertura finanziaria. Uno studio che ha già incassato il parere favorevole dell’Autorità di Bacino. In un discorso più ampio non precludiamo ad una riqualificazione più generale di tutta la valle del Sabato. Entro la fine dell’anno speriamo di avere la progettazione definitiva e tutti i pareri necessari».
Soddisfatti i primi cittadini. «Sono grato a quest’Amministrazione provinciale che con spirito di attaccamento al territorio, a prescindere dalle appartenenze politiche, sta puntando ad affrontare e risolvere questo annoso problema delle esondazioni – commenta il sindaco di Atripalda, Aldo Laurenzano -. Un progetto che possa arrivare a riqualificare e rinaturalizzare quella che è la ricchezza di Atripalda. Speriamo che i tempi di attuazione siano brevi e che abbiamo imboccato la strada giusta». «L’assessore Gambacorta – commenta invece il primo cittadino di S.Michele di Serino, Lorenzo Renzullisi sta interessando da tempo a questa problematica, tant’è che è in fase avanzata un altro intervento a monte, proprio sul territorio di S.Michele, per scongiurare esondazioni». «La proposta della Provincia – conclude il sindaco di Santo Stefano del Sole, Carmine Raganova inserita in un discorso più ampio in modo che gli interventi possano rappresentare occasione di recupero ambientale, ma anche investimento turistico-culturale».

[flv image=”http://www.atripaldanews.it/video/Speciale provincia sabato 10 gennaio 2011.jpg”]http://www.atripaldanews.it/video/Speciale provincia sabato 10 gennaio 2011.flv[/flv]

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento

Statistiche Mercoglianonews.it