Flash news:   Sinistra Italiana Atripalda critica l’azione dell’amministrazione: «la rivoluzione deve essere la risoluzione nell’anno di problemi urgenti. Centro città in condizione di grande degrado». Replica anche sul futuro dell’ex cinema Ideal Fondi per la “Mazzetti”: è polemica in città. Il sindaco: “impegno globale dell’amministrazione sull’edilizia scolastica”. L’ex sindaco: “premiata la nostra programmazione” Adeguamento sismico, 2 milioni e 800mila euro per la ricostruzione della Mazzetti di via Manfredi. Parla l’ex delegato ai Lavori pubblici Lello Barbarisi: “Notizia della quale devono gioire tutti, a partire dalle famiglie. Senza progettualità oggi non si va da nessuna parte. Fiducia nella prosecuzione del lavoro iniziato e visione della città della cultura condivisa con il sindaco” Atripalda Volleyball, coppa campania amara: vince Rione Terra Nuovo libro sullo Stracittadino di Gioso Tirone: “X Edizione – Anno 1984” Confronto sul Reddito di Inclusione mercoledì pomeriggio nella sala consiliare Serie D, Green Volley The Marcello’s che vittoria: battuta Ischia al tie-break Calendario 2018, inviaci la tua foto più bella per i mesi del nuovo anno Emozioni dell’Epifania con il concerto gospel del Coro Armonia. FOTO Il gruppo “Noi Atripalda” interroga l’Amministrazione sulla mappatura reti fognarie secondarie

Ispezione di Carabinieri, Asl e Arpac nei capannoni ex Gasparini con tetto in amianto: disposta la rimozione dei pannelli caduti

Pubblicato in data: 13/1/2011 alle ore:12:30 • Categoria: CronacaStampa Articolo

capannoni-gaspariniAllarme amianto in via Valleverde ad Atripalda, ispezione nei capannoni ex Gasparini (foto) da parte dei Carabinieri della Stazione di Atripalda, Polizia municipale e dal personale tecnico-ispettivo di Asl ed Arpac.
Il vecchio capannone industriale con tetto in fibrocemento è ubicato in via Pianodardine: l’edificio industriale in disuso è quello dell’ex azienda Gasparini, impegnata nella lavorazione delle castagne. La segnalazione è partita da alcuni cittadini che lamentavano la presenza di amianto all’interno dell’azienda. In seguito ai controlli è stata infatti evidenziata l’effettiva presenza nel vecchio capannone di copertura interamente costituita da pannelli di fibrocemento (cemento-amianto). Il maltempo dei giorni scorsi ha fatto crollare alcuni pannelli di copertura dello stabile, una superficie circoscritta a 40 mq su un totale di oltre 12mila mq, che è monitorato periodicamente dai tecnici sanitari a tutela della salute pubblica. Gli immediati accertamenti dei tecnici dell’Asl e dei Carabinieri hanno evidenziato che nessun pannello si stava sfaldando o sfibrando e, quindi, escluso ogni pericolo di contaminazione da amianto. Al termine dei controlli è stata disposta la rimozione ad horas dei pannelli caduti, mediante ditta specializzata iscritta all’albo dei gestori ambientali onde salvaguardare sia la salute dei lavoratori dell’azienda che quella dei privati cittadini che abitano nei pressi dell’azienda.
L’attività rientra nell’ambito delle indagini svolte dai Carabinieri del Comando Provinciale di Avellino congiuntamente a personale ispettivo dell’Asl Avellino e della Direzione Provinciale del Lavoro a tutela dei lavoratori e dei privati cittadini.
Sul posto anche il sindaco Aldo Laurenzano che ha invitato la proprietà dell’azienda, la Ingino Spa, ad eseguire tutti i controlli del caso. Quello che preoccupa i residenti infatti non è solo l’amianto: anche l’intervento di ristrutturazione e ricostruzione di una parte dei vecchi capannoni in atto nella parte posteriore dell’area industriale e che sporge lungo la variante Settebis. A raccogliere le preoccupazioni il capogruppo consiliare del Pdl-Adc Massimiliano Del Mauro. «La gente è preoccupata – spiega Del Mauro – per la realizzazione di enormi celle frigorifere e di un depuratore vicino al fiume. Perciò abbiamo richiesto tutto l’incartamento all’ufficio tecnico comunale. Vogliamo capire se un’opera di urbanizzazione così vasta in uno stabilimento industriale possa avvenire senza che il consiglio comunale e la giunta sappia niente. Il tutto a poche centinaia di metri dalla scuola media e dalla scuola edile. Per altre aree, come gli ex capannoni De Angelis in via Roma, ci sono state lunghe discussioni e polemiche in consiglio comunale e fuori. Perciò sarebbe stato necessario una discussione in consiglio comunale per informare la città».

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 1,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento

Statistiche Mercoglianonews.it