Flash news:   Sinistra Italiana Atripalda critica l’azione dell’amministrazione: «la rivoluzione deve essere la risoluzione nell’anno di problemi urgenti. Centro città in condizione di grande degrado». Replica anche sul futuro dell’ex cinema Ideal Fondi per la “Mazzetti”: è polemica in città. Il sindaco: “impegno globale dell’amministrazione sull’edilizia scolastica”. L’ex sindaco: “premiata la nostra programmazione” Adeguamento sismico, 2 milioni e 800mila euro per la ricostruzione della Mazzetti di via Manfredi. Parla l’ex delegato ai Lavori pubblici Lello Barbarisi: “Notizia della quale devono gioire tutti, a partire dalle famiglie. Senza progettualità oggi non si va da nessuna parte. Fiducia nella prosecuzione del lavoro iniziato e visione della città della cultura condivisa con il sindaco” Atripalda Volleyball, coppa campania amara: vince Rione Terra Nuovo libro sullo Stracittadino di Gioso Tirone: “X Edizione – Anno 1984” Confronto sul Reddito di Inclusione mercoledì pomeriggio nella sala consiliare Serie D, Green Volley The Marcello’s che vittoria: battuta Ischia al tie-break Calendario 2018, inviaci la tua foto più bella per i mesi del nuovo anno Emozioni dell’Epifania con il concerto gospel del Coro Armonia. FOTO Il gruppo “Noi Atripalda” interroga l’Amministrazione sulla mappatura reti fognarie secondarie

Vertenza Fiat, nota di Sinistra Ecologia e Libertà

Pubblicato in data: 13/1/2011 alle ore:09:14 • Categoria: Politica, Sinistra Ecologia e LibertàStampa Articolo

sinistra-ecologia-e-libertaNoi stiamo con la Fiom
Stiamo assistendo, dopo la vicenda di Pomigliano, che era stata presentata in maniera rassicurante come un’eccezione, al secondo e più prepotente ricatto di Marchionne: se vince il no al referendum sull’accordo di Mirafiori la Fiat non farà più investimenti in Italia e se ne andrà all’estero!
Di fronte a una minaccia che vorrebbe dire disoccupazione, quale operaio avrà il coraggio di difendere i propri diritti?
La Fiat è spalleggiata in questo attacco ai diritti dei lavoratori da un Governo completamente complice che asseconda le minacce e i ricatti e permette all’azienda di intervenire su due materie regolate dalla Costituzionale: il diritto di sciopero e il diritto della malattia.
Si dice che si opera in nome della modernità .
Ma quale modernità è quella di sanzionare e successivamente licenziare un operario che si ammala per meno di 5 giorni due volte in un anno?
E quale modernità è quella di mettere la mensa a fine turno?
E quale modernità è quella di impedire di manifestare il proprio dissenso su eventuali soprusi attraverso lo sciopero?
Lo sciopero per un operaio che perde una parte del proprio misero salario non è un atto indolore!
E sempre in ossequio alla presunta modernità, Marchionne ha anche ritenuto, insieme ai firmatari degli accordi, di eliminare la rappresentanza democraticamente eletta dai lavoratori, sostituendo di fatto la RSU con le RSA nominate dalle segreterie che hanno sottoscritto gli accordi. Questa è la fine della democrazia nei luoghi di lavoro e un brutto segnale per la democrazia nel paese tutto.
È questa la modernità secondo Marchionne ed il Governo? Tornare al “Padrone delle ferriere” degli inizi del ‘900? E poi si accusa la FIOM di utilizzare metodi del secolo scorso ….. bella faccia tosta!
Il contratto per la FIAT Mirafiori, e quello ormai quasi dimenticato di Pomigliano, sono in realtà usati come un vero e proprio ariete che punta a scardinare l’unità dei lavoratori e a renderli soli e ricattabili. Con la sola promessa di una pseudo autonomia economica si crede di compensare la perdita insanabile di diritti conquistati negli anni, con sacrifici di maestranze che hanno fatto rinunce credendo di poter lasciare una società più solidale ad una generazione futura che invece, di questo passo, si trovera’ a vivere una condizione di subalternita’ perenne.
Auspichiamo che tutte le forze sociali e politiche cui sta a cuore la salvaguardia del mondo del lavoro facciano sentire la propria voce in difesa di diritti che oggi vengono messi in discussione a Pomigliano e Mirafiori, ma che domani saranno negati a tutti i lavoratori, pubblici e privati ….. e ai nostri figli!
La politica torni a fare il proprio lavoro al servizio dei cittadini e smetta di pensare solo agli inutili e sterili tatticismi, quelli che hanno indotto esponenti del centro sinistra a schierarsi dalla parte di Marchionne per un pugno di voti che probabilmente neanche otterranno.

Gli iscritti di Sinistra Ecologia e Libertà di Atripalda

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento

Statistiche Mercoglianonews.it