Flash news:   Edifici costruiti in via San Giacomo su un canale demaniale e privi di autorizzazione da 40 anni, il Genio Civile avvia un accertamento. Il sindaco: “individuato il procedimento di sanatoria” Serie C, l’Atripalda Volleyball rialza la testa: battuto Nola 3 a 1 Danni da cinghiali, l’associazione PrimaveraIrpinia Atripalda chiede un intervento Il segretario nazionale di Sinistra Italiana Nicola Fratoianni da Atripalda chiude la porte al dialogo con il Pd: «Il centrosinistra non c’è più, stiamo lavorando ad una lista della sinistra con un programma di discontinuità da quello di questi anni». FOTO Terza edizione del premio dedicato a Pasquale Campanello, il procuratore capo Cantelmo: “gli indifferenti aiutano la camorra”. FOTO Sacripanti: “questa vittoria ci dà grande fiducia per il futuro” La Sidigas Scandone Avellino batte Milano ed espugna il Mediolanum Forum Lectio Magistralis del professor Sabino Cassese al liceo di Atripalda: «la democrazia è in crisi ma la crisi fa bene alla democrazia perché crea anticorpi che possono servire a superare le crisi». FOTO Pista di pattinaggio sul ghiaccio in piazza Umberto, luminarie uniformi in via Roma e cartellone degli eventi per il Natale Minaccia la madre pensionata pretendendo 20 euro al giorno: il Gip convalida l’arresto e il 42enne resta in carcere

Vertenza Fiat, nota di Sinistra Ecologia e Libertà

Pubblicato in data: 13/1/2011 alle ore:09:14 • Categoria: Politica, Sinistra Ecologia e LibertàStampa Articolo

sinistra-ecologia-e-libertaNoi stiamo con la Fiom
Stiamo assistendo, dopo la vicenda di Pomigliano, che era stata presentata in maniera rassicurante come un’eccezione, al secondo e più prepotente ricatto di Marchionne: se vince il no al referendum sull’accordo di Mirafiori la Fiat non farà più investimenti in Italia e se ne andrà all’estero!
Di fronte a una minaccia che vorrebbe dire disoccupazione, quale operaio avrà il coraggio di difendere i propri diritti?
La Fiat è spalleggiata in questo attacco ai diritti dei lavoratori da un Governo completamente complice che asseconda le minacce e i ricatti e permette all’azienda di intervenire su due materie regolate dalla Costituzionale: il diritto di sciopero e il diritto della malattia.
Si dice che si opera in nome della modernità .
Ma quale modernità è quella di sanzionare e successivamente licenziare un operario che si ammala per meno di 5 giorni due volte in un anno?
E quale modernità è quella di mettere la mensa a fine turno?
E quale modernità è quella di impedire di manifestare il proprio dissenso su eventuali soprusi attraverso lo sciopero?
Lo sciopero per un operaio che perde una parte del proprio misero salario non è un atto indolore!
E sempre in ossequio alla presunta modernità, Marchionne ha anche ritenuto, insieme ai firmatari degli accordi, di eliminare la rappresentanza democraticamente eletta dai lavoratori, sostituendo di fatto la RSU con le RSA nominate dalle segreterie che hanno sottoscritto gli accordi. Questa è la fine della democrazia nei luoghi di lavoro e un brutto segnale per la democrazia nel paese tutto.
È questa la modernità secondo Marchionne ed il Governo? Tornare al “Padrone delle ferriere” degli inizi del ‘900? E poi si accusa la FIOM di utilizzare metodi del secolo scorso ….. bella faccia tosta!
Il contratto per la FIAT Mirafiori, e quello ormai quasi dimenticato di Pomigliano, sono in realtà usati come un vero e proprio ariete che punta a scardinare l’unità dei lavoratori e a renderli soli e ricattabili. Con la sola promessa di una pseudo autonomia economica si crede di compensare la perdita insanabile di diritti conquistati negli anni, con sacrifici di maestranze che hanno fatto rinunce credendo di poter lasciare una società più solidale ad una generazione futura che invece, di questo passo, si trovera’ a vivere una condizione di subalternita’ perenne.
Auspichiamo che tutte le forze sociali e politiche cui sta a cuore la salvaguardia del mondo del lavoro facciano sentire la propria voce in difesa di diritti che oggi vengono messi in discussione a Pomigliano e Mirafiori, ma che domani saranno negati a tutti i lavoratori, pubblici e privati ….. e ai nostri figli!
La politica torni a fare il proprio lavoro al servizio dei cittadini e smetta di pensare solo agli inutili e sterili tatticismi, quelli che hanno indotto esponenti del centro sinistra a schierarsi dalla parte di Marchionne per un pugno di voti che probabilmente neanche otterranno.

Gli iscritti di Sinistra Ecologia e Libertà di Atripalda

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento

Statistiche Mercoglianonews.it