sabato 17 novembre 2018
Flash news:   Domenica VI° Campagna di Prevenzione del Tumore al Seno all’Asl di via Manfredi Tragedia ad Avellino: uccide un giovane e accoltella l’ex, poi si lancia nel vuoto Revocati gli arresti al capo dell’Ispettorato del lavoro “Le Forche Caudine”, questo pomeriggio debutta l’associazione di promozione sociale “Velecha” La Calcio Avellino Ssd sconfitta ad Aprilia Stir di Pianodardine, otto indagati dalla Procura di Avellino Gomme invernali, scatta l’obbligo A Galatina nuovo stop per l’Atripalda Volleyball: 3 a 1 e penultimo posto in classifica Ermete Green Volley Marcello, il cuore non basta: Pastena vince 3 a 1 Venerdì 16 novembre torna la quarta edizione del “Premio Pasquale Campanello”

Successo di partecipanti al seminario del Comune sul Bilancio di previsione 2011

Pubblicato in data: 24/2/2011 alle ore:19:50 • Categoria: ComuneStampa Articolo

convegno-comune1Erano oltre trecento tra dipendenti di comuni ed enti e commercialisti presenti nell’aula consiliare del Comune di Atripalda, per il seminario “Bilancio di previsione 2011 – Misure urgenti di cui alla legge nr. 122/2010, disposizioni diverse di interesse degli Enti Locali”. Un incontro che ha visto la partecipazione di numerosi amministratori locali, tra cui il sindaco di Avellino, Galasso. Importante partecipazione è stata anche quella del Presidente di Anci Campania, Pasquale Granata. A relazionare il prof. Fabio Amatucci docente di Economia aziendale dell’Università “Bocconi”, Pasquale Volino, Revisore dei Conti del Comune di Atripalda e Vittorio Capolupo, che è stato già Dirigente Regione Campania e Responsabile Coreco.
«Questo convegno ha il compito di individuare e semplificare gli strumenti che sono a disposizione degli amministratori locali per gestire al meglio i conti dell’Ente – ha spiegato nei saluti il sindaco di Atripalda, Aldo Lurenzano – abbiamo il compito di attuare ua gestione finanziaria virtuosa delle casse comunali, per evitare racolli finanziari che avrebbero gravi conseguenze sui cittadini». A seguire, il Sindaco di Avellino, Giuseppe Galasso: «In questo periodo si registrano fondati timori sulle ripercussioni che saranno causate dal Federalismo sul nostro territorio e sui nostri enti. Basti pensare che al solo comune di Avellino sono stati tagliati due milioni di euro di finanziamenti statali. Questa situazione genera malessere anche negli amministratori che si relazionano continuamente con i cittadini e con il territorio, al quale devono garantire livelli adeguati di servizi».
«Il momento attuale che stiamo vivendo è estremamente problematico per la gestione economica e finanziaria di un Ente – ha spiegato il Segretario comunale di Atripalda, Clara Curtoviviamo una realtà fluida e magmatica e le leggi sul federalismo municipale cambieranno notevolmente gli scenari futuri. Ecco la necessità di questo seminario che rappresenta un’occasione di confronto e di crescita tra professionisti del settore e amministratori locali».
convegno-comune2Il seminario si è aperto con l’intervento del prof. Amatucci sul tema “Valorizzazione del patrimonio degli Enti Locali – Federalismo demaniale”. «In un momento storico caratterizzato da una profonda crisi nazionale, agli enti locali non resta altra strada che la gestione e valorizzazione del patrimonio comunale. Si tratta di un’operazione piuttosto complessa ma indispensabile per rispondere alla logica del federalismo demaniale che prevede la cessione a titolo non oneroso agli enti di beni che sono sul territorio, al fine di utilizzarli per il benessere della collettività».
Il dott. Vittorio Capolupo, già Dirigente Regione Campania e Responsabile Coreco ha illustrato la sua relazione sull’organizzazione del bilancio di previsione degli enti locali.
Infine, l’intervento del dott. Pasquale Volino, Revisore dei Conti del Comune di Atripalda sul tema “Funzioni e responsabilità dei Revisori dei conti – Evoluzione normativa”. «La figura del Revisore dei conti è fondamentale nel momento in cui, gli amministratori scelgono un consulente che possa dare una mano nella gestione dell’ente. Non condivido pienamente l’atteggiamento pessimistico nei confronti del Federalismo, bisognava attuare in tempi rapidi un controllo dei costi dell’Ente. E’ chiaro che lo Stato è costretto a tagliare i finanziamenti e porre dei freni per evitare il dissesto, del resto il patto di stabilità ci ha consentito di rimanere in Europa. Non voglio sposare il federalismo in quanto tale, perché ha dei costi economici e organizzativi importanti, ma è comunque indispensabile recuperare perché siamo partiti davvero troppo tardi rispetto al resto dell’Europa».

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento

  • Inchiostro su carta

  • Il meteo

  • Polls

    In vista delle Elezioni Amministrative, su cosa dovrebbe puntare il programma del futuro sindaco?

    Mostra i risultati

    Loading ... Loading ...
  • Altri articoli in questa sezione

  • Gli archivi mensili


  • Quotidiani on-line

  • Statistiche Mercoglianonews.it