Flash news:   Centro commerciale di via Roma, nessun abuso: tutti prosciolti dal Gup di Avellino Sinistra Italiana Atripalda critica l’azione dell’amministrazione: «la rivoluzione deve essere la risoluzione nell’anno di problemi urgenti. Centro città in condizione di grande degrado». Replica anche sul futuro dell’ex cinema Ideal Fondi per la “Mazzetti”: è polemica in città. Il sindaco: “impegno globale dell’amministrazione sull’edilizia scolastica”. L’ex sindaco: “premiata la nostra programmazione” Adeguamento sismico, 2 milioni e 800mila euro per la ricostruzione della Mazzetti di via Manfredi. Parla l’ex delegato ai Lavori pubblici Lello Barbarisi: “Notizia della quale devono gioire tutti, a partire dalle famiglie. Senza progettualità oggi non si va da nessuna parte. Fiducia nella prosecuzione del lavoro iniziato e visione della città della cultura condivisa con il sindaco” Atripalda Volleyball, coppa campania amara: vince Rione Terra Nuovo libro sullo Stracittadino di Gioso Tirone: “X Edizione – Anno 1984” Confronto sul Reddito di Inclusione mercoledì pomeriggio nella sala consiliare Serie D, Green Volley The Marcello’s che vittoria: battuta Ischia al tie-break Calendario 2018, inviaci la tua foto più bella per i mesi del nuovo anno Emozioni dell’Epifania con il concerto gospel del Coro Armonia. FOTO

Esito ballottaggi, nota di Salvatore Antonacci (Pd)

Pubblicato in data: 31/5/2011 alle ore:20:29 • Categoria: Politica, Partito DemocraticoStampa Articolo

logo-pd1‎Adda venì Baffone! Ed alla fine è arrivato!!!
La tornata amministrativa dei ballottaggi come un’onda travolgente ci consegna un’Italia diversa dove la geografia politica del paese, da nord a sud è profondamente cambiata.
Come direbbe Verdini: tolte Milano, Napoli, Cagliari, Trieste, Grosseto, Novara, Mantova è un pareggio, ma la realtà dei fatti ci consegna una schiacciante avanzata del centrosinistra.
Una vera e propria tempesta che ha travolto le forze politiche che reggono il governo nazionale.
PDL e Lega scoprono nell’unico modo democratico che esiste, ovvero l’esercizio del voto degli elettori, che il popolo italiano è stanco di subire angherie, di dover sorbire bugie e false promesse da parte di una classe dirigente arrogante e sprezzante.
Il vento è cambiato, ed è cambiato repentinamente, cambiato in modo veemente consegnando vittorie straordinarie! Una vera e propria mutazione, profonda e radicale, che passa di città in città, dai capoluoghi alle province fino ai comuni più piccoli.
A Milano il mite Pisapia stacca la Moratti di dieci punti , facendo rinascere nei milanesi un entusiasmo mortificato dalle ventennali berlusconate e dal celodurismo leghista, con una campagna elettorale unica sconfiggendo i toni duri e le menzogne, con saggezza, sorriso ed ironia.
A Napoli il guascone De Magistris è un vero e proprio ciclone che distanzia, doppiandolo quasi, Lettieri di addirittura trenta punti, interpretando in maniera magistrale la voglia di cambiamento e di riscatto della Capitale del Sud stanca delle false bacchette magiche del premier intrecciate alla cappa di Cosentino, ma anche dal potere bassoliniano e dalla farsa delle primarie del PD che dovrà a lungo interrogarsi.
A Cagliari il giovanissimo Zedda, trentacinquenne, strappa la città alla destra dopo venti anni.
A Novara con una rimonta spettacolare Andrea Ballaré trionfa in un capoluogo di provincia considerato da sempre un feudo leghista.E poi Trieste, Rimini, Grosseto.
Nemmeno in casa sua, Berlusconi è riuscito a vincere , ad Arcore, il nuovo sindaco è una donna, Rosalba Colombo e il Pd per la prima volta sorpassa il Pdl diventando il primo partito della città.
I numeri di questi ballottaggio parlano chiaro: 29 tra sindaci e presidenti di provincia al centrosinistra 12 eletti dal centrodestra. Per quanto riguarda i soli capoluoghi, il computo finale è di 22 a 8.
Il voto così espresso manda un chiaro segnale a Berlusconi e soci, l’Italia da Nord a Sud vuole cambiare pagina esprimendo in maniera chiara un voto ampiamente negativo sul suo operato e sul suo governo, nessuno escluso.
Questo voto dice in maniera chiara che gli Italiani sono stanchi di vivere in una nazione dove la disuguaglianza, l’abuso di potere e il privilegio diventano la norma e dove all’indomani di una sconfitta così pesante il premier ed il suo governo più che pensare all’unico gesto responsabile che dovrebbero mettere in campo , ovvero dimettersi, probabilmente faranno finta di niente metteranno qualche pezza a colori e si affideranno per l’ennesima volta a qualche barzelletta.
Ma il dado è tratto, l’Italia s’è stancata del berlusconismo e ha affidato all’opposizione un compito bello e difficile.
Per dirla alla De Magistris “abbiamo scassato”, per ora godiamoci questo risultato, per ora, che sia festa e che sventolino le bandiere.
Ma da oggi in poi non sono ammessi errori ed anche nel centro-sinistra si dovrà aprire una stagione nuova, fatta di una nuova classe dirigente capace di tracciare e di continuare nel solco disegnato da questo voto tirando fuori l’Italia dal pantano berlusconiano.
Facciamo entrare questa bella aria fresca che tira per tutto il Paese dentro ogni partito interpretando in maniera corretta e senza faziosità questa reale voglia di cambiamento.

Salvatore Antonacci
COORDINAMENTO TERRITORI E NUOVE GENERAZIONI

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento

Statistiche Mercoglianonews.it