sabato 26 maggio 2018
Flash news:   Non approvano il Rendiconto 2017, il prefetto di Avellino diffida 62 consigli comunali tra cui Atripalda Prosciolto l’ex comandante dei vigili di Atripalda Salsano La Soprintendenza non ha i fondi e a salvare Abellinum dal degrado ci pensano i volontari della Pro Loco. FOTO Autovelox sulla Variante, Sinistra Italiana Atripalda critica le due Amministrazioni Spagnuolo: “finora spesi 100mila euro con entrate pari a zero” La città si stringe attorno a Santa Rita e aspetta “il miracolo”. FOTO Il Circolo di Atripalda ritorna alla Novecolli Serie C, l’Atripalda Volleyball batte Massa in scioltezza e si prepara all’ultima trasferta della stagione Lotta all’evasione tributaria, il Comune avvia un censimento sulle utenze non domestiche per la Tari Sgominata dai Carabinieri pericolosa banda dedita ai furti di auto: oltre 30 quelle rubate La Sidigas Scandone saluta la città

Sant’Antonio, messa e processione per il Santo dei miracoli. Guarda il Foto Servizio

Pubblicato in data: 14/6/2011 alle ore:08:00 • Categoria: Attualità, CulturaStampa Articolo

p5130351Santa Messa e solenne processione in onore di Sant’Antonio da Padova. La messa è stata officiata da padre Renato giunto dalla Puglia per la santa occasione insieme a don Enzo De Stefano, presenti anche padre Ranieri e padre Jean Cloude. Tantissimi i fedeli che hanno preso parte anche quest’anno alla cerimonia religiosa e alla processione per le vie della città. Dal piazzale della Chiesa Madre di Sant’Ippolisto il Santo, molto conosciuto come il Taumaturgo, ovvero l’operatore di prodigi e meglio noto come il Santo dei miracoli, si è mosso verso piazza Garibaldi, centro storico, via Belli, via Cammarota, via Aversa, via Fiume, via Gramsci, piazza Orte, via Cesinali, via Roma, piazza Umberto I e via Rapolla. Tra i fedeli il sindaco Laurenzano, il comandante dei p5130331Carabinieri Costantino Cucciniello, il comandante dei Vigili Urbani Sabino Parziale e numerosi amministratori cittadini che hanno seguito la statua del Santo più noto e amato al mondo. Tanti i gigli tra le mani dei fedeli durante la processione, questo fiore bianco, infatti, è simbolo di purezza e trasparenza di vita. Il Santo, inoltre, è spesso rappresentato anche con il Gesù Bambino, segno di un amore tenero e disponibile o con un libro, che  rappresenta la Parola di Dio. In piazza la banda musicale ha accolto l’arrivo della processione suonando la suggestiva “Ave Maria” di Schubert.
Gran finale con le lanterne illuminate che si sono levate in cielo appena mosse dal vento e, come da tradizione, i classici fuochi d’artificio.

p5130332p5130333p5130334p5130335p5130338p5130342p5130346p5130350p5130360p5130359p5130361p5130362p5130367p5130369p5130370p5130371p5130372p5130375p5130377p5130378p5130380p5130384p5130386p5130390p5130399p5130404p5130402

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento

Statistiche Mercoglianonews.it