Flash news:   Lotta all’evasione tributaria, il Comune avvia un censimento sulle utenze non domestiche per la Tari Sgominata dai Carabinieri pericolosa banda dedita ai furti di auto: oltre 30 quelle rubate La Sidigas Scandone saluta la città Stasera al via la XII edizione del “Memorial Simone Casillo” Si ferma ai quarti di finale play off la stagione della Sidigas Avellino Costerà oltre 26mila euro la nuova installazione dell’autovelox sulla Variante 7bis Vittoria con il cuore a Terni: l’Avellino è salvo “Ambiente Territorio Salute”, tavola rotonda nel ricordo di Biagio Venezia domani al liceo atripaldese Nasce “Diver-T9”, la manifestazione per ricordare Tosco Alberto Matarazzo. Domani la I edizione Alla Sidigas Scandone Avellino non riesce il colpo esterno in Gara3

Abellinum, nota del “Coordinamento di Territori e Nuove Generazioni”

Pubblicato in data: 18/6/2011 alle ore:14:17 • Categoria: Politica, Partito DemocraticoStampa Articolo

abellinum“Vegliate con occhio vigile, su un vecchio edificio, conservatelo facendo del vostro meglio e con tutti i mezzi. Contatene le pietre come fareste con i gioielli di una corona, metteteci dei guardiani come ne mettereste alla porta di una città prigioniera. Fatelo con tenerezza, rispetto, vigilanza incessante, e più di una generazione nascerà e scomparirà all’ombra dei suoi muri.” (J. Ruskin, 1849)La nostra storia ci chiede aiuto. Ha bisogno di noi per essere protetta e divulgata. Il nostro territorio è luogo di civiltà antichissime che hanno lasciato a noi la loro testimonianza come monito: l’Abellinum è una di queste. La vicenda che ha interessato il Parco Archeologico di Atripalda è senza dubbio intricata e complessa: le rovine dell’antica Abellinum, ormai scoperte da oltre 30 anni, dopo una querelle legale lunghissima, vengono in toto restituite al proprietario, la soprintendenza e quindi la comunità perdono la possibilità di godere delle stesse e di poter continuare a studiarle, almeno per ora. La questione, triste, accende un faro sul problema della tutela di tutti i nostri beni culturali: noi tutti siamo eredi di questo patrimonio preziosissimo ma nel contempo ne siamo custodi per le generazioni a venire. A noi l’onore di quella antichissima storia e a noi l’onere, soprattutto, di proteggerla. La storia e la cultura che da essa deriva, come l’acqua, sono beni inestimabili e non merci, non possono essere oggetto di incuria e men che meno di scambio da parte di chi non riesce a recepirne il valore. E’ a tutta la comunità irpina che va l’appello a sentirsi custode di queste magnifiche opere e garante per i nostri figli della storia dei nostri padri. Alle istituzioni il dovere di farsi mano operativa di questa difesa, di chiarire a noi quello che è successo alla “Civita”, di impegnarsi affinché i reperti rinvenuti non vadano persi o danneggiati, affinché si possa proseguire nello studio e nella tutela di tutto il parco archeologico, per restituire alla comunità la propria storia. Per questi motivi, noi di Territori e Nuove Generazioni parteciperemo e chiediamo a tutti voi di partecipare alla manifestazione che si terrà domani 16 giugno alle ore 20,00 presso il piazzale antistante il municipio di Atripalda da dove partirà un corteo di festa e protesta che arriverà fino alle mura della “civita”: di festa, per celebrare i nostri beni culturali, di protesta per la poca attenzione che da qualche tempo a questa parte si dedica alla cultura in generale e infine di monito alle istituzioni, in modo da far capire che tutti ci sentiamo partecipi di quella cultura e vegliamo sulla nostra storia perchè possa rimanere patrimonio dei nostri figli e delle generazioni future.

Il coordinamento di Territori e Nuove Generazioni

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (2 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento

Statistiche Mercoglianonews.it