" class="thickbox">
  
Flash news:   Tenta di avvicinare una ragazzina per corteggiarla in piazza, i genitori chiamano i Carabinieri Giullarte 2017, questa mattina conferenza stampa di presentazione dell’evento. Spagnuolo: “recupero di un momento caratterizzante, di aggregazione e riscoperta del centro storico e della sue potenzialità” Terzo raid l’altra notte all’edificio dell’Utc in piazzetta Pergola nell’ala che ospita la scuola Adamo. Il sindaco: “Abbiamo installato grate in ferro alle finestre, lavoriamo alla videosorveglianza” Mancata pubblicazione graduatoria alloggi popolari, il gruppo consiliare “Noi Atripalda” presenta interrogazione al sindaco Festeggiamenti San Sabino, tanti fedeli alla messa e processione per il Patrono. Il vescoco Aiello: “viviamo giorni nuvolosi e di caligine”. Il sindaco: “tre giorni intensi, emozionanti, gratificanti”. FOTO Magia e antichi mestieri a Capo la Torre, da domani si alza il sipario su Giullarte Il colonnello Massimo Cagnazzo nuovo Comandante provinciale dei Carabinieri Riparte l’autunno politico di Primavera Irpinia Atripalda “Luigi Sessa e l’avventura americana”, nota di Lello La Sala Clementino con la sua energia travolge Atripalda: bagno di folla per il suo rap in piazza Umberto. FOTO

Mangia funghi velenosi, fuori pericolo di vita la 40enne di Atripalda

Pubblicato in data: 22/6/2011 alle ore:14:45 • Categoria: CronacaStampa Articolo

città ospedaliera moscatiBuone notizie per la donna che aveva raccolto e mangiato dei funghi velenosi in un boschetto di Santo Stefano del Sole. La 40enne, C.S., è stata giudicata fuori pericolo dai medici del Moscati di Avellino (foto). Dopo 24 ore di osservazione nel reparto di rianimazione, è stata trasferita a quello di Medicina d’urgenza. Le sue condizioni sono nettamente migliorate. La donna dopo aver consumato i funghi, del tipo “Amanita phalloides”, aveva accusato cefalea, nausea e vomito. Era arrivata all’ospedale Moscati in condizioni critiche. Dopo un’attenta terapia che i medici le hanno riservato, la 40enne è finalmente fuori pericolo, ma resta ancora sotto osservazione. Giuseppe Carratù, medico del presidio Micologico che ha seguito la vicenda, lancia un appello: “I funghi raccolti per autoconsumo possono essere visionati e certificati gratuitamente da esperti del presidio, in modo da evitare questo tipo di spiacevoli episodi“.

Print Friendly

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento

Statistiche Mercoglianonews.it