sabato 18 novembre 2017
Flash news:   Controlli agli esercizi commerciali: denunciato un cinese ad Atripalda e maxi-sanzione per il lavoro irregolare Green Volley, la prima vittoria stagionale è targata Under 14. Mister Troncone: “Non ci poniamo limiti” Amdos, domenica visite gratuite all’Asl per la prevenzione del tumore al seno Serie D, la Green Volley The Marcello’s muove la classifica: conquistato il primo punto Sinistra Italiana, il segretario nazionale Nicola Fratoianni lunedì ad Atripalda Paura per il presidente della Provincia Gambacorta colto da infarto. Operato, ora sta meglio Smaltimento di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi di origine agricola, protocollata al Comune la petizione del M5S Minaccia la madre pensionata pretendendo 20 euro al giorno: 42enne in manette Taccone: “Ferullo non ha accettato il ruolo di amministratore unico” Estremismo islamico, la deputata Souad Sbai al convegno di PrimaveraIrpinia: «L’Italia è vulnerabile perché abbiamo sottovalutato la gravità della fratellanza mussulmana legata al jihadismo. L’Europa ha rinunciato alle sue radici e qualcuno le ha rimpiazzate». FOTO

“…giù le mani dall’IrisBus!!!”, nota di Salvatore Antonacci (Pd)

Pubblicato in data: 12/7/2011 alle ore:09:58 • Categoria: Politica, Partito DemocraticoStampa Articolo

iribus3La notizia della chiusura della Iris Bus di Flumeri si è abbattuta come un fulmine a ciel sereno in una provincia già pesantemente segnata dalla crisi e che vede oramai la completa dismissione del comparto automotive.
Il disegno di smantellare tutte le realtà dell’automotive del Sud Italia da parte della Fiat diventano forma e sostanza partendo dalla vicenda di Termine Imerese per arrivare a Pomigliano d’Arco, alla FMA ed ora alla Iris Bus.
Una vera e propria opera di “demolizione” non solo industriale ma anche e soprattutto sociale, aggravando ancora di più la crisi economica che giorno dopo giorno diventa sempre di più padrona delle nostre vite.
La chiusura dell’Irisbus è l’ennesima ferita mortale che viene inferta alla nostra provincia e all’intero meridione d’Italia dove la popolazione oramai subisce ininterrottamente gli effetti di “un patto politico, sociale e culturale” che nega un ruolo alle popolazioni del Sud Italia nell’economia e nella società.
Un patto non scritto che ha sequestrato il futuro del Sud e dunque dell’intero Paese dove agitando lo spettro della crisi la Fiat ed il governo nazionale giustificano scelte scellerate dimostrando la loro totale incapacità di governo e di gestione di una fase così delicata come quella economica, finanziaria e sociale che l’intera nazione sta attraversando.
Da anni lo stabilimento di Flumeri è attraversato da una crisi profonda, alla quale le istituzioni, governo nazionale e Regione, non hanno voluto dare risposte.
TERRITORI E NUOVE GENERAZIONI sarà sempre al fianco dei lavoratori SEMPRE, COMUNQUE ed OVUNQUE e appoggerà tutte le iniziative necessarie sul territorio, negli stabilimenti interessati, per sostenere le lotte unitarie del sindacato contro il declino industriale e la perdita di posti di lavoro.

COORDINAMENTO
TERRITORI E NUOVE GENERAZIONI

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento

Statistiche Mercoglianonews.it