Flash news:   Ripulito da erbacce e rifiuti il parcheggio di via San Nicola Scambio di neonate, lo zio Andrea De Vinco: «Un fatto increscioso che ha scosso notevolmente mia nipote che non vuole parlare con nessuno». A “Pomeriggio Cinque” parla anche il primario Izzo: «Ci troviamo di fronte ad un errore umano» Scambio di neonate, in città le telecamere di Barbara D’Urso Operaio vince 200mila euro al “Gratta e Vinci!” Scambio accidentale di due neonate, la Clinica Malzoni si difende. Ecco la nota stampa: “identificazione corretta, sbagliata la consegna” Le interviste di AtripaldaNews – Primi cento giorni di governo della Città, parla il sindaco Geppino Spagnuolo: «impegnativi. Abbiamo affrontato difficoltà e situazioni delicate superandole grazie alla compattezza della squadra» Istanza di Trasparenza del “Gruppo Amici di Beppe Grillo Atripalda” Neonata di Atripalda scambiata nella culla, errore sul braccialetto notato da una mamma Sta meglio il 13enne atripaldese precipitato dal tetto dell’ex scuola di Rampa San Pasquale. FOTO Operava ad Atripalda la falsa dentista scoperta e denunciata da “Striscia la Notizia”

Crisi: Pd, Moschella e De Vinco pronti a raccogliere l’appello di Laurenzano. Il gruppo Centrosinistra contrario, Troisi: «Non ci sono le condizioni ed i tempi per il Puc». Sel ancora non ha deciso

Pubblicato in data: 12/11/2011 alle ore:07:59 • Categoria: PoliticaStampa Articolo

comune-atripaldaAl via nella maggioranza al Comune la conta su chi sottoscriverà l’appello del sindaco Laurenzano. Ad agitare le acque è l’inserimento tra i punti programmatici del documento redatto dal primo cittadino il proseguimento dell’iter per la redazione del nuovo Puc, punto che secondo il gruppo «Centrosinistra» non era menzionato in una precedente nota pubblica diffusa tempo fa sempre dal primo cittadino. Da qui l’indisponibilità a firmare il documento. Laurenzano è comunque alla ricerca di almeno dieci firme tra i consiglieri comunali di maggioranza per andare avanti e varare una nuova giunta, altrimenti lunedì rassegnerà le dimissioni. Dal Partito Democratico arriva la disponibilità a sostenere l’iniziativa del sindaco sottoscrivendone l’appello (sei le firme in tutto con Tomasetti, Aquino, Tuccia, Palladino, Montuori e Landi), «ma vogliamo che venga sottoscritto da tutta la maggioranza» chiede il capogruppo Antonio Tomasetti. Pronti a firmare anche i due indipendenti Moschella e De Vinco. Si arriva così a otto firme. Sel non ha ancora deciso. Contrari invece sono i quattro esponenti del gruppo «Centrosinistra per Atripalda» (Troisi, Foschi, Guerriero e Di Pietro). «Non sottoscriveremo alcuno documento di fine consiliatura perché con l’apertura della nuova crisi l’alleanza è finita – tuona il capogruppo Troisi -. Al sindaco non faremo mancare il nostro sostegno negli obiettivi che ha indicato tempo fa, ritenendo quelle questioni utili per la città e soprattutto perseguibili. Sulla nostra lealtà e fiducia non deve avere dubbi, l’abbiamo dimostrata con i fatti in più circostanze». Ma il punto che non condividono è l’inserimento della questione Puc: «E’ una questione importante perché programma il futuro urbanistico, sociale ed economico della città per i prossimi anni. Ma non ci sono né le condizioni politiche né i tempi per affrontarlo con la dovuta attenzione, con il necessario coinvolgimento e con l’approfondimento richiesto».
Per Sel prima di decidere ci sarà una consultazione nel partito. «Come ho più volte ribadito non sono disposto a rientrare in giunta – afferma l’ex assessore di Sel, Luigi Adamo -. Su un eventuale appoggio esterno vogliamo capire prima quali sono i punti programmatici».
Pronti invece a sottoscrivere l’appello sono i due consiglieri indipendenti di maggioranza Maurizio De Vinco ed Emilio Moschella. Per l’ex assessore De Vinco: «Non esiste più la maggioranza del 2007 – dichiara – ma dinanzi ad una vicenda così incresciosa, in un periodo di grande crisi e difficoltà per l’ente locale, un commissariamento sarebbe nefasto e non vedo a chi gioverebbe. Per cui sono disposto ad un estremo gesto di solidarietà verso la città ed il sindaco che la rappresenta istituzionalmente. Certo questo non mi impegna a non fare politica per la costruzione di eventuali e future maggioranze».
Infine Moschella: «E’ un patto di fine legislatura che condivido favorevolmente e che sottoscriverò per senso di responsabilità verso i cittadini – conclude Emilio Moschella – non solo perché coglie nel merito le mie proposte come quella di redigere un regolamento dei servizi cimiteriali, ma che consente di dare risposta a questioni e problematiche rimaste aperte».

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento

Statistiche Mercoglianonews.it