Flash news:   Ripulito da erbacce e rifiuti il parcheggio di via San Nicola Scambio di neonate, lo zio Andrea De Vinco: «Un fatto increscioso che ha scosso notevolmente mia nipote che non vuole parlare con nessuno». A “Pomeriggio Cinque” parla anche il primario Izzo: «Ci troviamo di fronte ad un errore umano» Scambio di neonate, in città le telecamere di Barbara D’Urso Operaio vince 200mila euro al “Gratta e Vinci!” Scambio accidentale di due neonate, la Clinica Malzoni si difende. Ecco la nota stampa: “identificazione corretta, sbagliata la consegna” Le interviste di AtripaldaNews – Primi cento giorni di governo della Città, parla il sindaco Geppino Spagnuolo: «impegnativi. Abbiamo affrontato difficoltà e situazioni delicate superandole grazie alla compattezza della squadra» Istanza di Trasparenza del “Gruppo Amici di Beppe Grillo Atripalda” Neonata di Atripalda scambiata nella culla, errore sul braccialetto notato da una mamma Sta meglio il 13enne atripaldese precipitato dal tetto dell’ex scuola di Rampa San Pasquale. FOTO Operava ad Atripalda la falsa dentista scoperta e denunciata da “Striscia la Notizia”

Arresti domiciliari e permesso di poter andare a lavoro per il netturbino che ieri ha aggredito al Comune dipendenti e vigili

Pubblicato in data: 16/11/2011 alle ore:14:55 • Categoria: CronacaStampa Articolo

tribunale-av-ingressoArresti domiciliari e permesso di andare a lavoro.
E’ quanto deciso poco fa dal collegio di giudici del Tribunale di Avellino chiamati a pronunciarsi per direttissima sull’arresto del netturbino atripaldese sfrattato che ieri armato di due coltelli si era recato al Comune aggredendo dipendenti e vigili.
Nell’udienza per la convalida dell’arresto, effettuato dai Carabinieri della Stazione di Atripalda, per i reati di violenza e minaccia a pubblico ufficiale e porto ingiustificato di arma bianche, i giudici hanno concesso gli arresti domiciliari e la possibilità di continuare il lavoro. 
F.R., classe 1965 del posto, pregiudicato, operatore ecologico, coniugato con 4 figli e con una storia famigliare decisamente travagliata e triste, per opporsi ad uno sfratto e richiedere l’assegnazione di un alloggio comunale si era portato in Municipio. Qui nelle stanze comunali l’uomo è andato in escandescenza, ingaggiando una colluttazione con vari dipendenti comunali e con i vigili urbani accorsi sul posto. Sono volate sedie, carte e suppellettili, tra le urla delle dipendenti comunali e le minacce esplicite dell’uomo, rivolte contro il Sindaco e tutta l’amministrazione comunale.
L’uomo, poi bloccato  è stato arrestato dal Comandante della Stazione Carabinieri di Atripalda, Costantino Cucciniello.
A difendere il netturbino gli avvocati Paolo Spagnuolo e Luca Penna, che commentano così la decisione dei giudici:  “Siamo estremamente soddisfatti per la concessione degli arresti domiciliari e del permesso di potersi recare a lavoro, salvaguardandone così il posto, per un fatto umano. I giudici hanno capito che gli atteggiamenti, seppur violenti, sono dipesi da uno stato di necessità da cui non si poteva prescindere. E mi fa piacere che il collegio giudicante abbia capito e compreso lo stato di necessità. Già in passato per lui e la moglie c’era stata la revoca della potestà parentale, con i bambini che  per più di due anni sono stati affidati ad un centro di accoglienza del beneventano. Oggi il nostro assistito rischiava di nuovo questo provvedimento. Ma i giudici hanno capito il contesto in cui è accaduto tutto e che la custodia cautelare in carcere lo avrebbe gravemente danneggiato con la perdita del posto di lavoro” .
Ora il processo che prenderà il via dal prossimo 23 novembre.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento

Statistiche Mercoglianonews.it