sabato 22 settembre 2018
Flash news:   Stasera “la Festa dei Folli” a Giullarte, ieri il taglio del nastro. FOTO Festeggiamenti San Sabino, in migliaia al concerto di Masini. Tantissimi fedeli alla messa e processione per il Patrono. FOTO “La Bodeguita de Ana” recensita da il Giornale Provincia, si vota per il rinnovo il 31 ottobre Giullarte 2018, stasera il taglio del nastro. La delegata agli Eventi Antonella Gambale: “l’edizione numero 19 sarà un vero e proprio anno zero, l’anno della completa maturità“ Bando per il servizio civile presso la Misericordia di Atripalda: 13 posti disponibili Memorial “Un pezzo di storia del Calcio Atripaldese” venerdì 28 settembre Distretto Sanitario, sottoscritto il protocollo per la realizzazione della nuova sede di Atripalda Da domani il Festival internazionale di Artisti di Strada “Giullarte” Mister Graziani: “gara utile per provare schemi”. Parla Matute. FOTO

Crisi al Comune, Laurenzano sfiduciato in consiglio comunale sulle linee programmatiche di fine mandato: 10 voti contrari, 9 favorevoli e un astenuto. Sul Puc va in frantumi la maggioranza: Centrosinistra vota contro mentre Sel si astiene. Lunedì le dimissioni del sindaco. Guarda lo Speciale Video sulla votazione finale

Pubblicato in data: 26/11/2011 alle ore:14:09 • Categoria: PoliticaStampa Articolo

consiglio 26 novembreEpilogo amaro questa mattina per l’amministrazione Laurenzano poco fa in Consiglio Comunale ad Atripalda: sulle linee programmatiche di fine mandato il primo cittadino incassa una sonora bocciatura dal parlamentino cittadino: 9 voti a favore, 10 contrari ed un astenuto.
A votare contro i punti di fine mandato, presentati dal primo cittadino e sulle quali era attesa la fiducia, il gruppo “Centrosinistra per Atripalda“, che con l’intervento del capogruppo Tony Troisi aveva ribadito amicizia, affetto, stima e fiducia personale al sindaco, dimostrata in questi anni, ma da non scambiare con quella politica nel caso in cui Laurenzano avesse deciso di forzare con il Pd per inserire il Puc nelle linee programmatiche perché «E’ una questione importante perché programma il futuro urbanistico, sociale ed economico della città per i prossimi 15 anni. Ma non ci sono né le condizioni politiche né i tempi per affrontarlo con la dovuta attenzione, con il necessario coinvolgimento e con l’approfondimento richiesto». E così alla fine una delle componenti finora che ha  sostenuto il sindaco si è unita alla minoranza nella votazione. Sel invece si astiene in aula, nonstante non condividesse il documento e avesse chiesto di poterlo emendare.
Il punto che fa andare così sotto la maggioranza è il Puc, il Piano Urbanistico comunale sul quale il Pd ed il sindaco hanno insistito che fosse presente nel documento politico e tra gli obiettivi da raggiungere e portare avanti in questo scorcio di fine consiliatura. Contrari invece, come preannunciato da tempo in più riprese, il gruppo “Centrosinistra“, mentre ad  astenersi dal voto è stata solo Sel con Luigi Adamo.
A cinque mesi dal voto di primavera e ad appena cinque giorni dal varo della nuova giunta quindi la maggioranza di centrosinistra a Palazzo di Città viene meno in aula. Una crisi ormai che si stava portando avanti dallo scorso aprile.
Ora il sindaco potrebbe già rassegnare le dimissioni lunedì mattina. Dal giorno in cui verranno protocollate al Comune scatteranno i venti giorni di tempo per poterle revocare nel caso in cui Laurenzano riuscisse a ricucire lo strappo. Altrimenti scaduto il termine il Prefetto di Avellino procederà alla nonima del Commissario prima di Natale.
Così l’esito della votazione dopo una discussione fiume ed alcune interruzioni per cercare di trovare l’accordo:
Voti favorevoli n.9: Enzo Aquino, Luigi Tuccia, Franco Landi, Andrea Montuori, Nancy Palladino e Antonio Tomasetti e lo stesso sindaco Laurenzano (tutti e sette del Pd) più i due indipendenti Maurizio De Vinco ed Emilio Moschella.
Voti contrari n.10: Paolo Spagnuolo, Tonino Acerra e Antonio Iannaccone (Udc), Antonio Prezioso (Fli), La Sala (Merito è Libertà), Massimiliano Del Mauro e Tommaso Mazzocca (Pdl) ed infine Tony Troisi, Giacomo Foschi e Elio Di Pietro (gruppo Centrosinistra per Atripalda)
Astenuto n.1: Luigi Adamo (Sel)
Assente alla seduta e alla votazione: Gioacchino Guerriero (Centrosinistra per Atripalda)

Alla fine della votazione un applauso si è alzato da una parte del pubblico mentre sulla sala consiliare è caduto il gelo. Guarda il Video con l’esito della votazione:

[flv image=”http://www.atripaldanews.it/video/consiglio comunale 26 novembre 2011.jpg”]http://www.atripaldanews.it/video/consiglio comunale 26 novembre 2011.flv[/flv]

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (2 votes, average: 3,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento

  • Inchiostro su carta

  • Il meteo

  • Polls

    In vista delle Elezioni Amministrative, su cosa dovrebbe puntare il programma del futuro sindaco?

    Mostra i risultati

    Loading ... Loading ...
  • Altri articoli in questa sezione

  • Gli archivi mensili


  • Quotidiani on-line

  • Statistiche Mercoglianonews.it