Flash news:   Telecamere in Comune, il Prc attacca: “inquietante vicenda che presenta qualcosa di stonato, irritante e arrogante” Il gruppo consiliare “Noi Atripalda” avvia una petizione per incrementare la raccolta dell’umido Atripalda Volleyball ultimato l’iter per l’iscrizione in B Nazionale. Il 28 luglio si conoscerà la composizione dei gironi Costa d’Amalfi Night Ride: il Circolo c’è Avellino in bilico, la serie B a rischio. Covisoc: si decide venerdì Sinistra Italiana Atripalda all’attacco sul sociale: “solo passerelle dell’Amministrazione” Compleanno Giusy Festa, gli auguri della famiglia Madonna del Carmelo, niente festa civile le offerte dei fedeli per il rifacimento della facciata della chiesa di via Roma Compleanno Gina Sica, gli auguri della famiglia Abellinum, il senatore Grassi: “Più fondi alla Cultura”. Antonacci: “Faremo la nostra parte fino in fondo”

Costringevano stranieri a comprare schede telefoniche delle Poste in cambio della pratica per il permesso di soggiorno, arresti domiciliari anche per un dipendente di Atripalda

Pubblicato in data: 3/12/2011 alle ore:13:30 • Categoria: CronacaStampa Articolo

poste-in-scioperoIn cambio della trasmissione della pratica per il permesso di soggiorno Avrebbero costretto ad acquistare sim di Poste Mobile. Per questo motivo sono finite in manette nove persone: sono tutti impiegati postali. Tra loro ci sono anche tre irpini: si tratta di due uomini, rispettivamente di Avellino e Atripalda, e di una donna originaria di San Sossio Baronia. L’operazione è stata portata a termine dagli agenti della Polizia postale e delle Comunicazioni con la collaborazione della Polizia municipale di Napoli ed ha riguardato Campania, Molise e Calabria. Il reato ipotizzato è di concussione in concorso. I
provvedimenti sono stati emessi a seguito di un’articolata attività di indagini diretta dalla sezione Reati contro la Pubblica amministrazione della Procura della Repubblica di Napoli. “Le indagini – ha spiegato il procuratore della Repubblica, Giovandomenico Lepore – sono scaturite da più segnalazioni di cittadini extracomunitari che lamentavano, dopo essersi presentati a un ufficio postale napoletano per effettuare la trasmissione della documentazione relativa alle pratiche per il rilascio del permesso di soggiorno, di essere stati costretti al contestuale acquisto di sim card dell’operatore di telefonia Poste Mobile quale condizione insuperabile per poter usufruire del servizio postale richiesto“.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento

Statistiche Mercoglianonews.it