" class="thickbox">
  
Flash news:   Amministrative 2017, oggi dinanzi al Tar di Salerno si discute il ricorso presentato da “Noi Atripalda” Peppino di Capri ad Atripalda suona al pianoforte per i 50 anni del dottore Sabino Aquino e incanta tutti gli invitati. FOTO Riqualificata la facciata di Palazzo di Città. Il sindaco: “mai vista così bella”. Messa in sicurezza la chiesa del Carmine, don Ranieri: “ora aiuto dai fedeli”. FOTO Novellino: «tre punti meritati» Lupi corsari a Novara per la prima vittoria esterna: finisce 1-2 Sposi Luigi Galluccio e Anna Guadagno, auguri Tesseramento Pd 2017, al via le sottoscrizioni delle tessere Atripalda Volleyball, buona prova nel primo test match a Marcianise Giullarte 2017, ieri mattina presentazione del Festival nella Sala Consiliare Al via la 25° edizione del Torneo ‘Vito Lepore’

Cfs, Silvio Sarno: “Per qualificare la filiera calcestruzzo necessaria una corretta cultura del costruire: rispetto della legge e dialogo con gli Enti”

Pubblicato in data: 7/12/2011 alle ore:17:39 • Categoria: AttualitàStampa Articolo

silvio_sarnoUna corretta cultura del costruire in calcestruzzo armato per la realizzazione di opere sicure e durabili. Così si qualifica sempre più la filiera del comparto produttivo. E’ l’impegno enunciato da Silvio Sarno (foto), presidente nazionale di Atecap (Associazione Tecnico Economica del Calcestruzzo Preconfezionato), nell’incontro, tenutosi oggi al Centro per la Formazione e la Sicurezza della provincia di Avellino, che ha fatto un focus analitico sul calcestruzzo: materiale di prim’ordine nel mondo delle costruzioni visto il suo impiego trasversale sia nelle opere pubbliche che private. “La nostra Associazione – dice – pone, infatti, grande impegno nella lotta a tutte le forme di concorrenza anomala, a partire da quelle causate dal principale problema che affligge il nostro settore nella fase attuativa dei lavori ovvero la inosservanza delle leggi. Per questo la qualità del nostro prodotto, può essere garantita solo dal rispetto di tutte le norme alla base della produzione, del trasporto e della consegna del calcestruzzo“. Obiettivo che, secondo Sarno, va raggiunto potenziando i controlli già in essere, come ad esempio quelli fondamentali da attuarsi in cantiere a cura del direttore dei lavori, e coinvolgendo, nel ruolo di controllore delle forniture di calcestruzzo, anche altre figure istituzionali, tra cui gli organismi di pubblica sicurezza. “In questo contesto – evidenzia il presidente Atecap – abbiamo infatti avviato collaborazioni con tutti i soggetti coinvolti nel processo di prescrizione, utilizzo e controllo del calcestruzzo, prime fra tutti le Amministrazioni pubbliche“. Pochi giorni fa la firma di un protocollo d’intesa con la Regione Piemonte, che fa seguito a quello firmato nello scorso mese di maggio con la Regione Lombardia, avente, in pratica, la finalità di migliorare la qualità delle costruzioni in un clima di legalità. Modello d’interazione, sull’asse pubblico-privato, che sembra non trovare un terreno fertile in Irpinia e più in generale in Campania. Sarno vede, in proposito, in salita la strada di un dialogo con le istituzioni territoriali di competenza. “Sia con Palazzo Santa Lucia, tramite l’assessore ai Lavori Pubblici Edoardo Cosenza, che con il Comune di Avellino abbiamo chiesto – sottolinea – l’eventuale avvio di uno specifico protocollo d’intesa. Ma non vedo disponibilità. E questo mi dispiace”. “Situazione diversa che ho riscontrato, invece, al Nord Italia dove, ad esempio, la Regione Lombardia ha mostrato un’attenzione ed un interesse capillare in materia“.  Sarno plaude, infine, il progetto “Concrete”: iniziativa, nata nel 2006, targata Atecap e supportata da un qualificato partenariato, che mira a diffondere negli operatori del settore delle costruzioni la cultura della corretta prescrizione, utilizzo e controllo del calcestruzzo e del calcestruzzo armato. Nell’ambito di questo intervento, Atecap ha stretto un accordo con il Formedil (Ente Nazionale per la Formazione e l’Addestramento nell’Edilizia) che, in collaborazione con le Scuole Edili italiane, va a proporre una strutturata attività formativa con lo scopo di fornire un background professionale a tutti i tecnici che ogni giorno si trovano a tradurre e ad applicare sul campo le nuove norme tecniche delle costruzioni all’insegna della qualità e della sicurezza del costruito. Fra le prime Scuole Edili ad attivare questo progetto formativo: il Centro per la Formazione e la Sicurezza in Edilizia della provincia di Avellino che già si sta impegnando, in ambito locale, nella didattica di settore. “Un motivo d’orgoglio – afferma entusiasta Michele Di Giacomo, presidente del Cfs irpino – che ci spinge a fare sempre meglio nel campo della formazione professionale. Settore che ci vede impegnati da oltre trent’anni“. Il workshop è poi proseguito approfondendo gli aspetti tecnico-normativi ed organizzativi di chi opera nel comparto del calcestruzzo. A spiegarne i dettagli, l’ingegnere Marco Iuorio, responsabile area Sud del progetto “Concrete”. Sotto esame: il corretto aggiornamento dei capitolati e delle procedure di controllo. “Il tutto – dichiara – con la consapevolezza che, con piccoli accorgimenti, si possa indurre una vera crescita qualitativa delle costruzioni in calcestruzzo che rappresenta l’obiettivo principale di Concrete“.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento

Statistiche Mercoglianonews.it