domenica 19 agosto 2018
Flash news:   La città piange la prematura scomparsa di Carmine Parziale, trasferita l’alzata del Pannetto di stasera in chiesa Forte scossa in Molise, avvertita anche in Irpinia “Vie dello shopping”, le Fiamme Gialle sorvegliano i saldi: 16 attività sanzionate di cui 4 ad Atripalda Serie B, l’Atripalda Volleyball ha il suo cecchino: è Nicola Salerno il nuovo opposto Questione stadio e rimborso abbonamenti, Taccone scrive Marinelli e Preziosi si complimentano con De Cesare ma bacchettano il sindaco Ciampi attraverso una nota Stanotte e domani rifacimento della segnaletica orizzontale lungo Via Appia La Calcio Avellino s.s.d. iscritta in Serie D La Green Volley riparte da Vincenzo D’Onofrio: “Impossibile dire no alla competenza della famiglia Matarazzo” Dipendente “infedele” ruba rame dall’azienda dove lavora: denunciato dai Carabinieri

La Sidigas Pallavolo Atripalda perde 3-0 contro Castellana. I biancoverdi salutano la serie A2

Pubblicato in data: 1/4/2012 alle ore:20:39 • Categoria: Sport, PallavoloStampa Articolo

sidigas-catellanaSconfitta amara per la Sidigas Pallavolo Atripalda che torna in serie B1 solo dopo un anno dalla storica promozione in serie A2. A condannare i lupi, oltre alla sconfitta casalinga contro Castellana, i risultati provenienti  dagli altri campi. Lo fa sì con amarezza ma con la dignità di chi ci ha sperato fino alla fine nella salvezza. Pochi spettatori presenti sugli spalti. Non ha funzionato l’appello della società di stringersi tutti intorno alla squadra. Riguardo alla partita Atripalda non c’è stata mai attaccata. Castellana ha fatto valere la sua netta superiorità. I parziali la dicono lunga sull’andamento della gara. La Sidigas non è riuscita mai ad opporsi al dominio dei pugliesi apparsi troppo forti per la squadra vista nell’ultimo periodo. Atripalda saluta la serie A2 con una giornata di anticipo rendendo inutile la trasferta di Pasqua a Sora. Gli errori in questa stagione  sono stati tanti a partire dall’inizio e del brutto girone d’andata giocato senza l’opposto titolare. Con l’inizio del girone di ritorno tutti si erano illusi per la serie positiva dei lupi culminata con la vittoria a Città di Castello. Dopo il buio totale  con l’infortunio di Nemeth. La squadra non è riuscita a reagire più. E la retrocessione è stata solo una lenta agonia. Analizzando le ombre della stagione emerge l’assenza del pubblico che nel bene e nel male non è stato un fattore determinante. Non si è sentito una volta incitare la squadra di mister Marolda prima e Lorenzoni poi , sembrava un pubblico da teatro che non è stato quell’arma in più che tutti si attendevano. Ed ora si torna in B1.

SIDIGAS ATRIPALDA – BCC-NEP CASTELLANA GROTTE 0-3 (17-25, 16-25, 18-25)

SIDIGAS ATRIPALDA
Bruno 1, David 1, Coppola (L), De Paula 13, Cuomo 4, Libraro, Nemeth 4, D’avanzo 1, Paris 1, Gallotta 7, Scialò 4, Mor 1. All. Lorenzoni.
BCC-NEP CASTELLANA GROTTE
Cazzaniga 12, Elia 7, Ricciardello, Falaschi 4, Castellano 12, Salgado 7, Maric 14, Cicola (L). Non entrati Rinaldi, Torre, Milushev, Giosa. All. Di Pinto.
ARBITRI: Bassan, Prati. NOTE – durata set: 20′, 22′, 24′; tot: 66′.
Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

3 Risposte »

  1. Ma per favore, ma veramente pensavate che questa squadra potesse anche tramite play-out rimanere in A2? MA MI FACCIA IL PIACERE…

  2. quando lo spettacolo e scarso state sicuri che il pubblico non applaude mai !! e’ stato sbagliato tutto fin dal primo giorno una squadra senza idendita !!ora e finita e meno male !!

  3. Non lamentiamoci del pubblico. Personalmente ho visto tutte le partite casalinghe ed in tribuna c’era sempre gente che soprattutto ad inizio campionato seguiva la squadra. Rigurado a: “non si è sentito una volta incitare la squadra”. E’ vero, ma come dargli torto. Si è capito da subito che non eravamo in grado di disputare un campionato di A2 dignitoso (e non per colpa dei giocatori). Per fortuna ora è davvero finita. Speriamo almeno in un “sereno” futuro.

Lascia un tuo commento

  • Inchiostro su carta

  • Il meteo

  • Polls

    In vista delle Elezioni Amministrative, su cosa dovrebbe puntare il programma del futuro sindaco?

    Mostra i risultati

    Loading ... Loading ...
  • Altri articoli in questa sezione

  • Altri articoli in questa sezione

  • Gli archivi mensili


  • Quotidiani on-line

  • Statistiche Mercoglianonews.it