domenica 18 febbraio 2018
Flash news:   Condanna assessore, l’ira del papà della 19enne: «Nessuna questione politica, non avrei mai strumentalizzato mia figlia. Lo consideravano un amico, avevo fiducia piena». L’amarezza dell’avvocato Biancamaria D’Agostino: «si colpevolizza la vittima». Sul processo: «si celebra nelle aule di giustizia, non sui media e social. Le sentenze vanno rispettate. Nessuna “fretta” nel dibattimento, ma efficienza di un procedimento. Il Troisi ha deciso di non comparire dinanzi al collegio, senza giustificato motivo. Testimoni non ascoltati da ambo le parti perché ritenuti superflui» Inchiesta buste paga gonfiate al Comune, l’udienza preliminare per il quinto indagato rinviata al 30 marzo. Il 28 febbraio convocato dalla Commissione disciplinare Giuliana De Vinco risponde a Noi Atripalda: “No a illazioni, è evidente il mio lavoro attivo” Condanna assessore, il gruppo “Noi Atripalda”: “Vicende di questo tipo non consentirebbero a chiunque di gestire la cosa pubblica e gli interessi collettivi in maniera serena, lucida, asettica e proficua. Mentre il sindaco aspetta di decidere a mente fredda su Moschella, De Vinco e Troisi la nostra amata città muore” Il Consorzio A5 presenta i progetti “Vita Indipendente” e “Dopo di Noi” per persone con disabilità: pronti i bandi per i fondi. FOTO Sidigas subito fuori dalle Final Eight: Cremona vince 82-89 all’overtime Condanna Troisi, il Prc: “Le dimissioni dell’assessore ai Lavori Pubblici sono doverose e improrogabili” Condanna assessore Troisi, parla il difensore Chieffo: «Antonio si proclama innocente. E’ una sentenza di primo grado e siamo pronti a ricorrere in appello. C’è stata gestione frettolosa del dibattimento, sentenza che non condividiamo in nessun passaggio». L’invito del sindaco: «La questione è delicata e privata e merita cautela da parte di tutti. Eventuali valutazioni verranno fatte a mente fredda e successivamente» Torna in azione la banda delle sigarette: colpo al Bar Tabacchi di Michele Capossela. Il sindaco: “massima fiducia nell’operato delle forze dell’ordine” Violenza sessuale, condannato a 2 anni l’assessore Troisi

Ricostruzione Torre degli Orologi, Andrea De Vinco sollecita il vicepresidente Giuseppe De Mita

Pubblicato in data: 15/9/2012 alle ore:10:30 • Categoria: AttualitàStampa Articolo

de-vinco-de-mitaRicostruzione dell’antica Torre degli Orologi (foto in basso), l’ex sindaco Andrea De Vinco sollecita nuovamente il vice governatore regionale Giuseppe De Mita per strappare l’impegno a finanziare il progetto. 
L’incontro (foto in alto) è avvenuto l’altra mattina nella sala consiliare del Comune, a margine della conferenza stampa di presentazione di Giullarte.
Un secondo incontro che segue quello di due anni fa presso la sede provinciale dell’Udc, quando ad accompagnare De Vinco fu l’allora consigliere comunale dello scudocrociato Paolo Spagnuolo, oggi sindaco della città.
De Vinco, come promotore e primo firmatario della petizione, ha consegnato a Giuseppe De Mita un fitto promemoria contenente una copia della petizione sottoscritta da oltre mille atripaldesi nel 1998, una copia del progetto esposto tempo fa nella Dogana dei Grani, tutto l’iter tecnico-amministrativo con la delibera di giunta comunale di approvazione del progetto.
torre-degli-orologi“A De Mita ho chiesto che venga finanziato il progetto – racconta l’ex sindaco Andrea De Vinco Giuseppe De Mita infatti ha la delega ai Beni Culturali e questo lo mette nelle condizioni di poter decidere senza dover sollecitare altri assessori. Tra l’altro l’importo per realizzare la ricostruzione si aggira sui 300mila euro. Confido perciò in lui a nome di tutti gli atripaldesi perché la Torre degli Orologi rappresenta la storia della città”.
La Torre degli Orologi, posta un tempo sulla sommità del campanile della chiesa madre di S.Ippolisto Martire e visibile da ogni parte della città, è andata distrutta con il sisma dell’1980. A redigere il progetto, donato al Comune anni fa, è stato l’architetto Raffaele Troncone.
“Sono passati 32 anni dal terremoto – prosegue De Vinco – l’auspicio è che quest’opera sia finanziata prima del prossimo 23 novembre affinchè si possa mettere fine a questa lunga attesa. Con il finanziamento si possono conseguire due obiettivi: il rispetto della volontà popolare, espressa in modo così largo e qualificato con una petizione, e poi il rispetto della storia e dell’ambiente della città. La cosiderazione amara è che la Regione Campania in questi anni ha finanziato per Atripalda tanti eventi con centinaia di migliai di euro, eventi che durano solo pochi giorni, ed invece per questo progetto non si trovano i fondi. Inoltre quest’anno l’amministrazione comunale, come simbolo per il cartellone degli eventi culturali estivi ha scelto proprio la Torre degli orologi, ad indicare la tradizione cittadina. Mi auguro che questa volta De Mita mantenga gli impegni e che l’intera amministrazione spinga versa questa ricostruzione importante per la città”.
Alla base del progetto, curato a titolo gratuito e donato al Comune dall’ architetto atripaldese, ci fu l’iniziativa proprio di un comitato promotore presieduto dall’avvocato Andrea De Vinco che nel 2001 in breve tempo raccolse oltre un migliaio di firme tra i cittadini favorevoli alla ricostruzione, tra cui molti atripaldesi illustri come il prefetto Meoli, il presidente aggiunto del Consiglio di Stato Sabino Luce, il cavaliere del lavoro Antonio Mastroberardino e l’impreditore Enzo Angiuoni pronto a sostenere la spesa degli orologi.
Un’opera alquanto avveniristica quella disegnata da Troncone. L’idea infatti che mosse l’architetto è stata di riproporre la sagoma architettonica della torre risalente al 1848 nella sua dimensione e configurazione, dato il suo imprescindibile valore di memoria storia ed ambientale, ma con una soluzione molto innovativa mediante l’utilizzo di materiali leggeri e trasparenti come il vetro e l’acciaio.
Ciò per consentire di poter osservare all’interno la riproduzione di una «Macchina del Tempo» che genera il movimento dei quattro grandi orologi posti sui quattro lati del campanile, illuminati da proiettori con ampi fasci di luce verso l’alto. Il tutto per creare un effetto suggestivo.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (2 votes, average: 1,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

6 Risposte »

  1. Quante belle cose… E I SOLDI?

  2. visto che la torre fa parte della chiesa la priorità da chiedere al vice presidente e’ di finire i lavori nella chiesa i pilastroni e i due corridoi laterali sono ancora solo intonacati e sono 32 anni che aspettiamo di vedere la chiesa splendente come una volta! questo e’ il vero scandalo………

  3. MI AUGURO PER IL BENE DI ATRIPALDA CHE QUESTA AMMINISTRAZIONE NON ARRIVI A DICEMBRE! IL SINDACO CIRCONDATO DA SOGGETTI INOPPORTUNI E…DI POLITICO NON C’E’ NULLA A PARTE COLORO CHE NEL BENE O NEL MALE HANNO FATTO POLITICA, COME GEPPINO, LUIGI TUCCIA, ANTONIO PREZIOSO. A
    LLA FINE CI STIAMO RENDENDO CONTO CHE PER IL RESTO SONO SOLO BURATTINI E PORTA BORSE…CHE SPERPETUO! E’ STATA UN’ILLUSIONE.
    CARO SINDACO MI SPIACE PER NOI MA NON ERI PRONTO!!!!!!!!!!!

  4. Caro sindaco purtroppo i cittadini hanno capito la tua persona e’ solo un burattino in mano ai due nuschesi, dispiace ma veramente ci eravamop illusi, e credo che il tuo mandato e’ destinato a finire presto, forse prima del panettone natalizio!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  5. avv. De Vinco circa la torre la risposta è….mo verimmo!!

  6. Sono d’accordo con quello che ha dettto l’Avvocato Andrea De Vinco che bisogna ricostruire l’orologio.
    Dove cè la Dogana pero’ dico che bisogna fare anche marciapiedi nuovi è in piazza Umberto I bisogna mettere nuove mattonelle perche si muovono ciao

Lascia un tuo commento

Statistiche Mercoglianonews.it