domenica 18 febbraio 2018
Flash news:   Condanna assessore, l’ira del papà della 19enne: «Nessuna questione politica, non avrei mai strumentalizzato mia figlia. Lo consideravano un amico, avevo fiducia piena». L’amarezza dell’avvocato Biancamaria D’Agostino: «si colpevolizza la vittima». Sul processo: «si celebra nelle aule di giustizia, non sui media e social. Le sentenze vanno rispettate. Nessuna “fretta” nel dibattimento, ma efficienza di un procedimento. Il Troisi ha deciso di non comparire dinanzi al collegio, senza giustificato motivo. Testimoni non ascoltati da ambo le parti perché ritenuti superflui» Inchiesta buste paga gonfiate al Comune, l’udienza preliminare per il quinto indagato rinviata al 30 marzo. Il 28 febbraio convocato dalla Commissione disciplinare Giuliana De Vinco risponde a Noi Atripalda: “No a illazioni, è evidente il mio lavoro attivo” Condanna assessore, il gruppo “Noi Atripalda”: “Vicende di questo tipo non consentirebbero a chiunque di gestire la cosa pubblica e gli interessi collettivi in maniera serena, lucida, asettica e proficua. Mentre il sindaco aspetta di decidere a mente fredda su Moschella, De Vinco e Troisi la nostra amata città muore” Il Consorzio A5 presenta i progetti “Vita Indipendente” e “Dopo di Noi” per persone con disabilità: pronti i bandi per i fondi. FOTO Sidigas subito fuori dalle Final Eight: Cremona vince 82-89 all’overtime Condanna Troisi, il Prc: “Le dimissioni dell’assessore ai Lavori Pubblici sono doverose e improrogabili” Condanna assessore Troisi, parla il difensore Chieffo: «Antonio si proclama innocente. E’ una sentenza di primo grado e siamo pronti a ricorrere in appello. C’è stata gestione frettolosa del dibattimento, sentenza che non condividiamo in nessun passaggio». L’invito del sindaco: «La questione è delicata e privata e merita cautela da parte di tutti. Eventuali valutazioni verranno fatte a mente fredda e successivamente» Torna in azione la banda delle sigarette: colpo al Bar Tabacchi di Michele Capossela. Il sindaco: “massima fiducia nell’operato delle forze dell’ordine” Violenza sessuale, condannato a 2 anni l’assessore Troisi

All’Avellino non basta Castaldo. Il derby con la Paganese finisce 1 a 1

Pubblicato in data: 17/9/2012 alle ore:23:17 • Categoria: Avellino CalcioStampa Articolo

castaldo-azioneL’Avellino di mister Rastelli non riesce a piazzare la prima vittoria al Partenio. Una buona Paganese costringe sull’1 a 1 i lupi. L’Avellino che, come accaduto con il Prato, si fa raggiungere nel finale. Una brutta prestazione da parte della formazione biancoverde che consegna il centrocampo agli avversari. Il match nel finale si fa anche nervoso: c’è prima l’espulsione di Millesi per doppio cartellino, poi quella di Girardi (Paganese) per una brutta gomitata su Fabbro e infine Herrera per un inutile fallo da dietro in scivolata. Dunque venerdì a Benevento i biancoverdi saranno privi di Millesi ed Herrera, pedine fondamentali nello scacchiere irpino. Cambia Massimo Rastelli e torna al 4-4-2: l’allenatore biancoverde manda in campo dal primo minuto Biancolino al fianco di Castaldo e a sorpresa Bittante che rileva Zappacosta. Mentre a centrocampo Panatti affianca Angiulli. Davanti a Fumagalli a completare il pacchetto arretrato Giosa, Fabbro e Pezella. Sugli esterni a centrocampo Catania e Millesi. I tifosi chiamano la squadra sotto la Curva prima dell’avvio del match.
Al 3′ Millesi serve Panatti che calcia da lontano, tiro da dimenticare. Al 10′ angolo di Neglia, Fava di testa. Fumagalli si distende e con un grande intervento sventa in angolo. Al 12′ Millesi crossa al centro per Biancolino, torsione di testa debole tra le mani di Marruocco. Rastelli inverte Catania e Millesi sulle corsie esterne. Al 23′ ci riprova Panatti da distanza siderale, pallone alle stelle. L’Avellino trova il vantaggio pochi minuti dopo (24′) lancio di Millesi per Biancolino, sponda di testa del Pitone per Castaldo che al volo di destro mette la sfera li dove Marruocco non può arrivare. Lupi vicinissimi al raddoppio: 26′ Angiulli recupera un pallone dal limite, Millesi dalla distanza calcia a rete. Marruocco salva. Avellino vicino al raddoppio. Al 30′ Conclusione di Tortori, Fumagalli si distende e sventa il pericolo. Un minuto dopo Neglia si allunga verso l’area biancoverde e calcia a rete, Fumagalli risponde ancora presente. Meglio gli azzurrostellati nella prima frazione, ma l’Avellino è riuscita a portarsi in vantaggio con uno dei suoi uomini migliori. Nella ripresa cori della Curva contro Marruocco. Mister Rastelli manda in campo Bianco (5′) per l’infortunato Pezzella. 11′ Fava si libera in area e calcia alto. Tiro alle stelle. Al 14′ l’Avellino inserisce anche Massimo al posto di Panatti. Al 24′ Grassadonia manda Orlando in campo al posto di Fava. Dopo la mezz’ora Herrera prende il posto di uno stanco Catania. 33′ L’Avellino resta in dieci per l’espulsione di capitan Millesi. Lupi che cercano di difendere il risultato a denti stretti. La Paganese a questo punto tenta il tutto per tutto e manda in campo anche Girardi. Al 42′ pari della Paganese, cross di Calvarese, Girardi di testa deposita in rete. Fallo intenzionale di Girardi su Fabbro, anche la Paganese resta in dieci. Nel finale Avellino in nove per colpa di Herrera. Un brutto Avellino non riesce a vincere in casa, conquistando il secondo pari consecutivo tra le mura amiche. Qualche errore nelle scelte anche da parte di mister Rastelli. La squadra pur non avendo disputato una partita eccelsa viene applaudita. Purtroppo venerdì a Benevento i biancoverdi saranno privi di Millesi ed Herrera, pedine fondamentali nello scacchiere irpino.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento

Statistiche Mercoglianonews.it