Flash news:   Sinistra Italiana Atripalda critica l’azione dell’amministrazione: «la rivoluzione deve essere la risoluzione nell’anno di problemi urgenti. Centro città in condizione di grande degrado». Replica anche sul futuro dell’ex cinema Ideal Fondi per la “Mazzetti”: è polemica in città. Il sindaco: “impegno globale dell’amministrazione sull’edilizia scolastica”. L’ex sindaco: “premiata la nostra programmazione” Adeguamento sismico, 2 milioni e 800mila euro per la ricostruzione della Mazzetti di via Manfredi. Parla l’ex delegato ai Lavori pubblici Lello Barbarisi: “Notizia della quale devono gioire tutti, a partire dalle famiglie. Senza progettualità oggi non si va da nessuna parte. Fiducia nella prosecuzione del lavoro iniziato e visione della città della cultura condivisa con il sindaco” Atripalda Volleyball, coppa campania amara: vince Rione Terra Nuovo libro sullo Stracittadino di Gioso Tirone: “X Edizione – Anno 1984” Confronto sul Reddito di Inclusione mercoledì pomeriggio nella sala consiliare Serie D, Green Volley The Marcello’s che vittoria: battuta Ischia al tie-break Calendario 2018, inviaci la tua foto più bella per i mesi del nuovo anno Emozioni dell’Epifania con il concerto gospel del Coro Armonia. FOTO Il gruppo “Noi Atripalda” interroga l’Amministrazione sulla mappatura reti fognarie secondarie

Raccolta differenziata, l’ultimatum della Prefettura ai comuni inadempienti. Anche Atripalda a rischio commissario ad acta

Pubblicato in data: 12/10/2012 alle ore:22:00 • Categoria: Attualità, ComuneStampa Articolo

prefettura-av  circolo stampaTre mesi per mettersi in regola“. E’ questo l’ultimatum che il Prefetto di Avellino Umberto Guidato lancia ai 41 comuni della provincia che non hanno raggiunto l’obiettivo minimo del 50% di raccolta differenziata entro l’anno 2011. I 41 Comuni sono stati formalmente invitati a mettersi in regola con il sistema della raccolta differenziata entro il termine irrevocabile di tre mesi. Decorso tale termine, il Prefetto attiverà le procedure di nomina di un commissario ad acta.
Tra questi enti c’è anche il comune di Atripalda, dove la raccolta differenziata dei rifiuti per l’anno 2011 si è fermata ad un misero 27,12%. 
E proprio la cittadina del Sabato a questo punto rischia seriamente di incappare entro 90 giorni nella nomina di un commissario ad acta che si sostituisca agli amministratori nella gestione della raccolta differenziata.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

4 Risposte »

  1. il comune è messo alla prova e quindi devono dimostrare quanto valgono in realtà anche perchè finora solo chiacchere e neanche il distintivo!

  2. ED ECCO CHE ARRIVA LA VERGOGNA, CHE PAGHIAMO NOI ATRIPALDESI.
    ECCO CHE ARRIVANO AL PETTINE I 20 ANNI DI AMMINISTRAZIONE DI CENTROSINISTRA, DEI DELEGATI ED ASSESSORI DEI POPOLARI ORA UDC E DEL PARTITO DEMOCRATICO. ED ECCO ORA CHE I TROMBETTIERI DEI PARTITI SCAPPANO, ED ECCO CHE ORA L’ULTIMO ASSESSORE ARRIVATO CI DICE CHE è COLPA DEGLI ATRIPALDESI CHE NON REALIZZANO LA DIFFERENZIATA! ECCO PUO’ COMINCIARE LUI DANDO IL BUON ESEMPIO, APPENA TROVA UN BIDONE DELL’ORGANICO! ECCO CHE DOPO ANNI DI INCIVILE OSCURANTISMO DI UN COMUNE CHE ANDREBBE SCIOLTO COME QUELLI NEL CASERTANO, SCOPRIAMO CHE ATRIPALDA SI PRODUCE IL TRIPLO DEI RIFIUTI DEI COMUNI LIMITROFI O FORSE I COMUNI LIMITROFI CHE APPLICANO LA DIFFERENZIATA VENGONO A SCARICARE NEI NOSTRI ORMAI ANTICHI CASSONETTI. ED ECCO CHE TOCCA A NOI CITTADINI PROVVEDERE A SPESE NOSTRE. MA LA MUNNEZZA NON S’ SOLO QUELLA NEI CASSONETTI.

  3. Il prefetto dovrebbe verificare in che modo avviene lo svuotamento dei cassonetti e poi lanciare proclami.
    In questo momento l’inadempiente è il consorzio che continua a non rispettare il contratto. Le caditoie non vengono mai spurgate, i cassonetti mai puliti, il fiume lo stesso. Il prefetto, vennisse a verificare l’odore che i cassonetti emanano, poi può anche parlare di differenziata. Il sottoscritto è da decenni che effettua la differenziata, per poi vedere al mattino caricare tutto sull’unico mezzo. I cittadini di Atripalda pagano la TARSU per avere un servizio uguale a zero.

    Alberto Alvino

  4. Bisogna fare la raccolta differenziata. Quando si fara’? spero presto e questo dico all’ assessore all’ambiente Antonio Prezioso ciao

Lascia un tuo commento

Statistiche Mercoglianonews.it