sabato 25 novembre 2017
Flash news:   Edifici costruiti in via San Giacomo su un canale demaniale e privi di autorizzazione da 40 anni, il Genio Civile avvia un accertamento. Il sindaco: “individuato il procedimento di sanatoria” Serie C, l’Atripalda Volleyball rialza la testa: battuto Nola 3 a 1 Danni da cinghiali, l’associazione PrimaveraIrpinia Atripalda chiede un intervento Il segretario nazionale di Sinistra Italiana Nicola Fratoianni da Atripalda chiude la porte al dialogo con il Pd: «Il centrosinistra non c’è più, stiamo lavorando ad una lista della sinistra con un programma di discontinuità da quello di questi anni». FOTO Terza edizione del premio dedicato a Pasquale Campanello, il procuratore capo Cantelmo: “gli indifferenti aiutano la camorra”. FOTO Sacripanti: “questa vittoria ci dà grande fiducia per il futuro” La Sidigas Scandone Avellino batte Milano ed espugna il Mediolanum Forum Lectio Magistralis del professor Sabino Cassese al liceo di Atripalda: «la democrazia è in crisi ma la crisi fa bene alla democrazia perché crea anticorpi che possono servire a superare le crisi». FOTO Pista di pattinaggio sul ghiaccio in piazza Umberto, luminarie uniformi in via Roma e cartellone degli eventi per il Natale Minaccia la madre pensionata pretendendo 20 euro al giorno: il Gip convalida l’arresto e il 42enne resta in carcere

Mercato del giovedì, stop a nuove autorizzazioni

Pubblicato in data: 22/10/2012 alle ore:14:17 • Categoria: AttualitàStampa Articolo

mercatoNuovo volto per il mercato settimanale di Atripalda con lo stop a nuove autorizzazioni.  Fino a giugno scorso gli ambulanti autorizzati a partecipare alla fiera del giovedì erano circa 250, ora sono scesi a 230. L’opera di  razionalizzazione dell’amministrazione Spagnuolo è stata avviata. La giunta con l’assessore delegato al commercio, Antonio Iannaccone ha dato pieni poteri all’Ufficio commercio, di passare al vaglio le posizioni dei singoli commercianti: l’obiettivo è razionalizzare le postazioni.
Saranno così razionalizzate le postazioni occupate in via San Lorenzo e Parco delle Acacie ea verificati i requisiti necessari per la permanenza
nel mercato settimanale e a valutare le condizioni per l’eventuale decadenza dalla concessione del posteggi nonché all’Ufficio Commercio a sospendere il procedimento di nuova assegnazione di posteggi resisi disponibili, in attesa della nuova definizione delle aree e dell’approvazione delle modifihe al Regolamento Comunale.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

6 Risposte »

  1. Che schifo!

  2. era ora.

  3. Scusate ma paolo spagnuolo non era quello che predicava il ritorno all’antico del mercato?
    Lui e l’udc hanno fatto una bataglia contro laurenzano xevitare lo spostamento al parco e ora cosa stanno facendo?
    Il Signore e’ grande e lui terra’conto di tutte le falsita’che vengono dette ogni volte che ci sono le elezioni
    L’unico rammarico e’ che la gente ci casca sempre!

  4. andate a pulire, invece di fare pagliacciate

  5. E io aggiungerei andate a multare chi non rispetta le regole. E poi la zona dove si vende il pesce, acuqua puzzolenta a terra!!!!Ma scusate i nas non hanno insegnato niente??? si continua a non rispettare le norme igieniche, sbaglio o ogni venditore di specie ittica pesce fresco, non dovrebbe avere dei contenitori che raccolgono l’acqua residua del pesce?? lì in alcuni posti ci vuole il canotto, e ti devi rialzare i pantaloni s eno ti ritiri a casa bello col pantalone bagnato e puzzolente. e voi continuate a fare i conti sulla carta se ne devono essere 250 ,230 o 200 i controlli i controlli !!!!! questi non li volete far fare i vigili sempre in giro a guardare e farsi na passeggiata, qualcuno riscuote la tassa di occupazione suolo, ma non vedono tutta quell’acqua a terra??

  6. E che sono 20 bancarelle in meno. Pensassero piuttosto a cacciare gli alimentaristi fuori dal parco delle Acacie. Ha ragione Aldo, quello che manca sono i controlli e le sanzioni. Facciamo di tutto per rendere vivibile la nostra cittadina e poi permettiamo che pochi ambulanti facciano il loro comodo senza alcuna educazione né rispetto per chi dopo di loro usufruisce del parco.

Lascia un tuo commento

Statistiche Mercoglianonews.it