sabato 25 novembre 2017
Flash news:   Edifici costruiti in via San Giacomo su un canale demaniale e privi di autorizzazione da 40 anni, il Genio Civile avvia un accertamento. Il sindaco: “individuato il procedimento di sanatoria” Serie C, l’Atripalda Volleyball rialza la testa: battuto Nola 3 a 1 Danni da cinghiali, l’associazione PrimaveraIrpinia Atripalda chiede un intervento Il segretario nazionale di Sinistra Italiana Nicola Fratoianni da Atripalda chiude la porte al dialogo con il Pd: «Il centrosinistra non c’è più, stiamo lavorando ad una lista della sinistra con un programma di discontinuità da quello di questi anni». FOTO Terza edizione del premio dedicato a Pasquale Campanello, il procuratore capo Cantelmo: “gli indifferenti aiutano la camorra”. FOTO Sacripanti: “questa vittoria ci dà grande fiducia per il futuro” La Sidigas Scandone Avellino batte Milano ed espugna il Mediolanum Forum Lectio Magistralis del professor Sabino Cassese al liceo di Atripalda: «la democrazia è in crisi ma la crisi fa bene alla democrazia perché crea anticorpi che possono servire a superare le crisi». FOTO Pista di pattinaggio sul ghiaccio in piazza Umberto, luminarie uniformi in via Roma e cartellone degli eventi per il Natale Minaccia la madre pensionata pretendendo 20 euro al giorno: il Gip convalida l’arresto e il 42enne resta in carcere

Violenza sulle donne, ad Atripalda la dura testimonianza di Veronica De Laurentis, figlia di Dino e Silvana Mangano. Il tentativo di suicidio della madre, un padre despota, lo stupro subito da giovanissima e un compagno violento «poi ho trovato il coraggio di reagire e denunciare». Foto e Video

Pubblicato in data: 27/10/2012 alle ore:08:32 • Categoria: Attualità, SocialeStampa Articolo

veronica-de-laurentisIl tentativo di suicidio della madre, un padre despota, lo stupro subìto e un compagno violento. A raccontare la propria triste storia di vita ieri sera ad Atripalda è stata Veronica De Laurentis, figlia di Dino e Silvana Mangano. La scrittrice è intervenuta nella Dogana dei Grani per concludere la V Conferenza sull’Infanzia e la Famiglia promossa dal Consorzio dei Servizi Sociali A6 sul tema della violenza domestica. A condurre l’intervista dal titolo “…anche nelle migliori famiglie” la giornalista Rai Danila Bonito.
Veronica ha raccontato in una sala gremita la propria esperienza di come la violenza possa manifestarsi anche in una delle famiglie più famose al mondo. Un cognome che rappresenta la storia del cinema, uno dei più grandi produttori del grande schermo: «Una famiglia privilegiata – racconta Veronica De Laurentis – ma incapace di trasmettere emozioni. Mio padre è stato un disastro». Una famiglia all’apparenza felice e fortunata ma che invece celava motivi di profonda infelicità per Veronica. Segreti mantenuti per decenni, fino a quando sono esplosi. Denunciarli e ritrovarsi isolata e ripudiata è il prezzo che Veronica ha dovuto pagare per ritrovare la serenità interiore. Tante donne ad ascoltarla in un lungo silenzio interrotto da applausi.
de-laurentis3Una dura testimonianza quella di Veronica De Laurentis, oggi 56 anni, segnata da quarant’anni di tragedie, quattordici di terapia e un libro scritto contro il volere paterno perché «i panni sporchi si lavano in famiglia» dal titolo «Rivoglio la mia vita». E’ la storia di una ragazza violentata a 18 anni da un uomo più grande, un produttore di 40 anni, e poi vittima anche della violenza di un marito manesco che abusava della figlia e che ha avuto il coraggio di lasciare solo quando l’ha minacciata di ucciderla con una pistola. «Un coraggio che viene dalla disperazione. Ho buttato giù tanti rospi e nascosto per tanti anni la mia violenza soffrendo in silenzio. Poi ho trovato il coraggio di denunciare e reagire anche se oggi ho perdonato tutti – prosegue -. Ho però spezzato la catena di violenza nella mia famiglia ma da allora sono stata ripudiata ed isolata dalla mia famiglia». Da qui il messaggio che lancia: «Senza consapevolezza non si cambia. Sono la prova esistente che si può trovare il coraggio di dire basta alle violenze. Nei piccoli centri è più difficile, ma una vittima non si deve vergognare. Deva cambiare il pregiudizio che la famiglia vada tutelata a tutti i costi anche quando ti fa male». Ora il sogno resta di aprire della case rifugio per le donne vittime della violenza «in nome di mia madre».
de-laurentisPer il presidente del Consorzio A6, Salvatore Carratù: «quello di stasera (ieri ndr.) è stato uno dei momenti più toccanti della due giorni. Il silenzio che aleggiava in sala con Veronica De Laurentis che ha coinvolto tutte le donne presenti. Uno momento che ripaga il grande sforzo organizzativo fatto dal Consorzio».

[flv width=”250″ height=”200″ image=”http://www.atripaldanews.it/video/v confereza infanzia.jpg”]http://www.atripaldanews.it/video/v confereza infanzia.flv[/flv]
de-laurentis2

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento

Statistiche Mercoglianonews.it