Flash news:   Edifici costruiti in via San Giacomo su un canale demaniale e privi di autorizzazione da 40 anni, il Genio Civile avvia un accertamento. Il sindaco: “individuato il procedimento di sanatoria” Serie C, l’Atripalda Volleyball rialza la testa: battuto Nola 3 a 1 Danni da cinghiali, l’associazione PrimaveraIrpinia Atripalda chiede un intervento Il segretario nazionale di Sinistra Italiana Nicola Fratoianni da Atripalda chiude la porte al dialogo con il Pd: «Il centrosinistra non c’è più, stiamo lavorando ad una lista della sinistra con un programma di discontinuità da quello di questi anni». FOTO Terza edizione del premio dedicato a Pasquale Campanello, il procuratore capo Cantelmo: “gli indifferenti aiutano la camorra”. FOTO Sacripanti: “questa vittoria ci dà grande fiducia per il futuro” La Sidigas Scandone Avellino batte Milano ed espugna il Mediolanum Forum Lectio Magistralis del professor Sabino Cassese al liceo di Atripalda: «la democrazia è in crisi ma la crisi fa bene alla democrazia perché crea anticorpi che possono servire a superare le crisi». FOTO Pista di pattinaggio sul ghiaccio in piazza Umberto, luminarie uniformi in via Roma e cartellone degli eventi per il Natale Minaccia la madre pensionata pretendendo 20 euro al giorno: il Gip convalida l’arresto e il 42enne resta in carcere

Emergenza rifiuti in città, il sindaco Spagnuolo pronto ad agire in danno di IrpiniAmbiente. Fotoservizio cumuli in strada

Pubblicato in data: 7/12/2012 alle ore:23:30 • Categoria: AttualitàStampa Articolo

emergenza-rifiuti-ad-atripalda1Emergenza rifiuti ad Atripalda per il blocco della raccolta da parte di IrpiniAmbiente, il sindaco Spagnuolo ordina l’immediata ripresa del servizio di igiene urbana dichiarandosi pronto ad agire in danno.
Già dalle ore 17 una ditta privata esterna ha inziato a ripulire la  città.
La decisione della società pubblica provinciale di sospendere il servizio di raccolta rifiuti nella cittadina del Sabato perché comune moroso nei confronti del quale vanta un credito di 2 milioni e 889 mila euro, sta mettendo in ginocchio la città in prossimità delle festività natalizie. Una situazione che in pochi giorni si è aggravata con enormi cumuli di rifiuti ammassati ai bordi delle strade che nel caso in cui dovesse proseguire potrebbero rappresentare pericolo per la salute pubblica. Da qui l’ordinanza sindacale di Spagnuolo con la quale ordina alla società IrpiniAmbiente Spa «l’immediata ripresa del servizio di igiene urbana – si legge nel deliberato del sindaco -. In mancanza si procederà individuando soluzioni alternative con addebito in danno alla società IrpiniAmbiente, con riserva di ogni azione legale. Copia della presente notifica al Prefetto di Avellino, al Comandante Stazione carabinieri di Atripalda e alla Procura della Repubblica di Avellino».
emergenza-rifiuti-ad-atripalda3Il primo cittadino appare deciso: «Un problema annoso – spiega -. Purtroppo con IrpiniAmbiente non abbiamo un buon rapporto. Secondo noi infatti, ma è anche il parere dei cittadini, non sta offrendo un buon servizio. Quando ero consigliere d’opposizione nel 2007 già ebbi modo di sottolineare che era un errore. Con questa società siamo stati costretti a contrare ex lege, in base alla provincializzazione, senza poter trattare su tariffe, servizi e offerta. Oggi secondo noi il servizio è pessimo e scadente. Per cui con una delibera di giunta abbiamo deciso di recedere dal rapporto IrpiniAmbiente. Oltre alla morosità credo che anche questa delibera abbia inciso notevolmente sui rapporti e sulla volontà da parte di IrpiniAmbiente di sospendere il servizio in città. Perciò ho sottoscritto quest’ordinanza comunicata a sua Eccellenza il Prefetto e al Procuratore della Repubblica perché ritengo che non è possibile sospendere un pubblico servizio, non è possibile che lo faccia una società a prevalente partecipazione pubblica, cioè la Provincia. Rischiamo così di creare conflitti tra Provincia e Comuni. IrpiniAmbiente deve rendersi conto che è vero che il Comune di Atripalda è un comune moroso per una morosità pregressa, ma è una morosità che dipende dalle tariffe che sono alte ma anche dal fatto che anche le famiglie atripaldesi si trovano in un momento di grandi difficoltà finanziaria. Per cui rispetto a questo non è possibile creare ulteriori disagi ai cittadini. Non è una morosità volontaria dei Comuni perché noi incassiamo il 70% o qualcosina in meno della Tarsu su ciò che dovremmo effettivamente incassare. Per cui non possiamo ricorrere ad ulteriori anticipazioni di cassa. Mi dispiace questo atteggiamento di IrpiniAmbiente, ma anche in questo caso vedremo poi di chi saranno le responsabilità per quanto sta accadendo».
emergenza-rifiuti-ad-atripalda4
emergenza-rifiuti-ad-atripalda2

emergenza-rifiuti-ad-atripalda5

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

7 Risposte »

  1. Come diceva eduardo Bravo bravo!!!!!!!!!!!

  2. noi cittadini puntualmente paghiamo la tarsu,
    e se non la paghiamo arrivano le famose cartelle pazze.
    Ma voi cari amministratori perchè non fate come facciamo noi??
    Quale è il problema di questa tarsu che non si può risolvere facendo pagare tutti,
    evasori compresi???????

  3. sindaco hai fatto bene a mandare anche una copia della diffida in Procura.
    Fosse che fosse la volta buona??????????

  4. sindaco quando vai in procura porta anche la delibera sulla mensa, il contratto della pubblica illuminazione, tutte le detrmine dell’ufficio tecnico anche quelle non pubblicate , tutte le determine dell’ufficio economico, tutto il carteggio di giullarte, qualche richiesta di assunzioni fatta da qualche amministratore, anzi chiedi che la procura apra una succursale ad atripalda. Con la speranza che venga pubblicata.

  5. NON SCOMODARTI SINDACO AD ANDARE IN PROCURA TRA BREVE VERRA’ LA PROCURA DA TE E CE NE FAREMO RISATE

  6. Il sindaco sostiene che “…è vero che il Comune di Atripalda è un Comune moroso…ma è una morosità che dipende dalle tariffe che sono alte…”. A rigor di logica lo stesso ragionamento dovrebbe valere per tutti i cittadini che hanno avuto difficoltà a pagare le salatissime cartelle. Invece non è così. L’assessore al ramo ancora una volta si accanisce definendo “evasori” chi non è in regola con i pagamenti vantandosi di aver mandato i ruoli a Equitalia. All’assessore qualcuno dovrebbe ricordare che evasori ( autori di un reato penalmente perseguibile) SONO COLORO CHE HANNO OCCULTATO NON PRESENTANDO DENUNCIA IL POSSESSO DI IMMOBILI, CHE NON PAGANO PER LE AREE SCOPERTE DEGLI ESERCIZI COMMERCIALI, CHE HANNO RESO DICHIARAZIONI INFEDELI, CHE HANNO DENUNCIATO UNA DESTINAZIONE D’USO DIVERSA, ECC. Ma, al di sopra di tutto vi è la responsabilità degli omessi controlli , a tutti i livelli, e questo è qualcosa che potrebbe realmente interessare la Procura della Repubblica.

  7. ASS.COME ERA’ BELLO FARE L’OPPOSIZIONE E DIRE SEMPRE NON SONO D’ACCORDO MO DEVI FAR VEDERE QUANTO VALI! GIA’ HAI DIMOSTRATO QUANTO VALI POLITICAMENTE ALEANDOTI CON GLI EX COMUNISTI E GLI EX DEMOCRISTIANI

Lascia un tuo commento

Statistiche Mercoglianonews.it