Flash news:   Mancata partenza “Progetto Aurora”, il gruppo consiliare “Noi Atripalda” interroga l’Amministrazione Servizio civile al Canile municipale per dodici volontari Serie C, Atripalda Volleyball super: battuta la capolista Ischia 3 a 1 Differenziata, la raccolta del vetro passa a giovedì mattina Tavola rotonda su sanità e sussidiarietà assistenziale ieri mattina promossa dal’associazione “Primavera Irpinia”. FOTO Confronto sul Reddito di Inclusione nella Sala consiliare, già 105 domande presentate in città. FOTO Il presidente dell’Us Avellino conferma la cessione della clinica Santa Rita di Atripalda Primavera Irpinia in campo domenica ad Atripalda per una migliore sanità provinciale Varato il direttivo cittadino di Forza Italia: ecco l’organigramma e i ruoli assegnati Centro commerciale di via Roma, nessun abuso: tutti prosciolti dal Gup di Avellino

Riordino province, Avellino salva grazie all’emendamento Viespoli

Pubblicato in data: 7/12/2012 alle ore:20:25 • Categoria: AttualitàStampa Articolo

palazzo-provincia-con-il-tricoloreIrpinia e Sannio non saranno accorpate grazie a due emendamenti presentati in Commissione Affari Costituzionali dai senatori Viespoli e Pistorio. Salve insomma le province di Avellino e Benevento. Il primo emendamento, depositato da Pasquale Viespoli introduce una deroga e sostituisce il comma 2. Il secondo, presentato dal senatore Pistorio introduce la deroga per i territori montani. Benevento e Avellino restano due dunque due province autonome. L’emendamento introdotto da Viespoli prevede infatti che il “riordino non si applica alle Regioni in cui una sola provincia non è in possesso dei requisiti minimi”.

Print Friendly, PDF & Email

Random Posts

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (4 votes, average: 3,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Una Risposta »

  1. Be io credo a quello che vedo, solo chiacchere ciao

Lascia un tuo commento

Statistiche Mercoglianonews.it