Flash news:   Atripalda Volleyball ultimato l’iter per l’iscrizione in B Nazionale. Il 28 luglio si conoscerà la composizione dei gironi Costa d’Amalfi Night Ride: il Circolo c’è Avellino in bilico, la serie B a rischio. Covisoc: si decide venerdì Sinistra Italiana Atripalda all’attacco sul sociale: “solo passerelle dell’Amministrazione” Compleanno Giusy Festa, gli auguri della famiglia Madonna del Carmelo, niente festa civile le offerte dei fedeli per il rifacimento della facciata della chiesa di via Roma Compleanno Gina Sica, gli auguri della famiglia Abellinum, il senatore Grassi: “Più fondi alla Cultura”. Antonacci: “Faremo la nostra parte fino in fondo” Consiglio, toni accesi sul Dup. L’ex sindaco: “La città arretra”, ma la maggioranza fa quadrato. FOTO Stasera torna il Consiglio comunale: ecco l’ordine del giorno

Riordino province, Avellino salva grazie all’emendamento Viespoli

Pubblicato in data: 7/12/2012 alle ore:20:25 • Categoria: AttualitàStampa Articolo

palazzo-provincia-con-il-tricoloreIrpinia e Sannio non saranno accorpate grazie a due emendamenti presentati in Commissione Affari Costituzionali dai senatori Viespoli e Pistorio. Salve insomma le province di Avellino e Benevento. Il primo emendamento, depositato da Pasquale Viespoli introduce una deroga e sostituisce il comma 2. Il secondo, presentato dal senatore Pistorio introduce la deroga per i territori montani. Benevento e Avellino restano due dunque due province autonome. L’emendamento introdotto da Viespoli prevede infatti che il “riordino non si applica alle Regioni in cui una sola provincia non è in possesso dei requisiti minimi”.

Print Friendly, PDF & Email

Random Posts

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (4 votes, average: 3,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Una Risposta »

  1. Be io credo a quello che vedo, solo chiacchere ciao

Lascia un tuo commento

Statistiche Mercoglianonews.it