domenica 19 novembre 2017
Flash news:   Lectio Magistralis del professor Sabino Cassese al liceo di Atripalda: «la democrazia è in crisi ma la crisi fa bene alla democrazia perché crea anticorpi che possono servire a superare le crisi». FOTO Pista di pattinaggio sul ghiaccio in piazza Umberto, luminarie uniformi in via Roma e cartellone degli eventi per il Natale Minaccia la madre pensionata pretendendo 20 euro al giorno: il Gip convalida l’arresto e il 42enne resta in carcere Frosinone-Avellino 1-1: gol di Castaldo e Ciofani Partiti i lavori di messa in sicurezza di palazzo Caracciolo Compleanno Ilaria Festa – auguri dalla famiglia Controlli agli esercizi commerciali: denunciato un cinese ad Atripalda e maxi-sanzione per il lavoro irregolare Green Volley, la prima vittoria stagionale è targata Under 14. Mister Troncone: “Non ci poniamo limiti” Amdos, domenica visite gratuite all’Asl per la prevenzione del tumore al seno Serie D, la Green Volley The Marcello’s muove la classifica: conquistato il primo punto

Così non va – Bidoni nei palazzi: ancora lamentele dai cittadini

Pubblicato in data: 8/5/2013 alle ore:18:30 • Categoria: Così non vaStampa Articolo

cassonetti-atripalda-2Caro Direttore,
vuoi far capire a questi nostri amministratori che in caso di terremoto le vie di fuga dai portoni ostruiti dai bidoni diventa quasi impossibile? Per il loro moto oscillante sicuramente bloccheranno molte uscite. Invita ad attivare il buon senso: i bidoni devono stare fuori dai palazzi, occorre creare spazi di raccolta, educare la cittadinanza alla differenziata e far pagare solo chi sbaglia e non interi condomini che si attengono alle regole.
Grazie

lettera firmata

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 1,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

6 Risposte »

  1. wanm 10 bidoni in un condominio è esagerato secondo me devono dare i secchi piccoli pure per i condomini grandi si rimane fuori e poi la mattina si rimettono in casa

  2. Ho ma so tuost!!!i cacciate fuori sti bidoni, la raccolta differenziata e una cosa pubblica, e i bidoni devono stare su suolo comunale e non nelle proprieta’ private anche perché i signori di Irpiniambiente non li vengono a ritirare in area privata. poi ai fini sanitari chiedere al ufficiale sanitario se e’ possibile ed igienico tenere l’umido nel portone, e aggiungerei in caso di sciopero dei””signori””” di irpiniambiente come e successo ad avellino la spazzatura sommerge l’androne del portone.Tornando da Mercogliano nel pomeriggio ho visto in quel territorio, gli stessi carrellati nostri (prodotti ormai superati) , messi fuori dai condomini e a ridosso della strada, invito la redazione a fare un giro e postare qualche foto, non capisco perché noi ad Atripalda li dovremmo tenere nel portone, e poi dovremmo fare la guardia alla spazzatura. se ne sono dette di cotte e di crude, di apporre lucchetti e altri artifizi, ma se il comune voleva usare tale metodo, doveva acquistare i carrellati di nuova generazione, con chiave universale o scheda magnetica, e i signori che li ritirano (irpiniambiente ) apriva gli stessi con le chiavi universali, no che poi nei condomini ci deve essere chi li apre chi li chiude, ma qua siamo un po’ ridicoli. poi sapete che la spazzatura la paghiamo a peso d’oro, mo ce la custodiamo, e se possibile fittiamo un camioncino per portarlo alla discarica, cosi il comune e irpiniambiente incassano solo i soldini………SINDACO E GIUNTA E’ INUTILE CHE SCARICATE SULLA SEGRETARIA COMUNALE IL MALFATTO, VOI SIETE GLI ARTEFICI DI QUESTA ULTERIORE VERGOGNA ATRIPALDESE.

  3. Quanto polemiche, ormai anche l’ultimo comune della provincia di avellino ha adottato questo sistema di raccolta, il fatto che debbano essere custoditi i carrellati è per evitare sversamenti abusivi da parte di non residenti, fenomeno che per anni ci ha costretto a pagare per tonnellate di rifiuti non prodotti da atripaldesi. Ma lo sapete che i comuni italiani hanno l’obbligo di raggiungere una certa percentuale di differenziata pena una salata multa che poi pagheranno i cittadini? Quindi è inutile fare gli ignavi e i capi popolo ( per poi abbassare la cresta al cospetto dei diretti interessati). Tanti comuni con questo sistema ha raggiunto percentuali dell’ 80% con grosso risparmio per i cittadini.
    P.S. ma in caso di terremoto la prima raccomandazione che viene data a tutti è non prendere l’ascensore o correre per la scale che sono le prime a crollare. Quindi non siate ridicoli e evitate di scrivere tali corbellerie. Stiamo facendo ridere i polli. Come dice il professore sopra allora neanche in casa andrebbe tenuta la pattumiera con l’umido? Suvvia riflettete prima di scrivere cavolate e fare allarmismo. riflettiamo tutti sulla problematica rifiuti e capiremmo che tale soluzione è quella più ovvia.

  4. Signor terzo mondo, il fatto che la differenziata sia giusta farla e la dobbiamo fare per il risparmio che dici tu, poi da verificare perché i comuni modello sto risparmio sulle bollette non lo hanno ancora constatato, comunque si deve fare pe runa maggiore qualita’ della vita, sperando che poi i signori di irpiniambiente non facciano come successe anni fa in un paese modello Mercato san severino, dove la differenziata e partita da 10 anni e passa, i cittadini poi filmarono che durante la notte i rifiuti venivano raccolti e poi mischiati, quindi i fessi dei cittadini li dividevano e i balordi della ditta che raccoglieva li riuniva, capito amico terzo mondo?? poi in merito ai lucchetti sui carrellati veramente e da terzo mondo, premesso che lo sversamento dei paesi vicini avveniva quando c’erano i contenitori vecchi in strada, adesso tale fenomeno dovrebbe ridursi di molto, ma ribadisco se il comune voleva combattere questo fenomeno che e’ molto diffuso doveva acquistare i carrellati di nuova generazione, quelli con chiave universale in dotazione anche ai signorini dell’irpiniambiente, se no i lucchetti chi li apre chi li chiude?? i vecchietti di 80 anni come devono fare, al buio la sera d’inverno con la pioggia aprono e chiudono il lucchetto?? le sembra una cosa buona?? ha visto questo tipo di iniziativa in altri comuni??? io personalmente no, quindi i carrellati fuori dai portoni se possibile in angoli riservati certamente non in strada, ma senza serrature del cavolo!!!!!!!!!!!!!poi alcuni condomini avevano individuato aree condominiali distanti 40 metri dalla strada gli e’ stato detto che i soliti “”signori”” di irpiniambiente non potevano scendere col camion in quel luogo, allora??? come vogliamo risolvere il problema??? sempre a danno dei cittadini???vi saluto

  5. Certo che devi tenerti. la pattumiera con l’umido in casa nei giorni di non raccolta . Per il terremoto: vivilo prima e poi parli. Non so se tu paghi la spazzatura, perché’ se la paghi e’ giusto che ti lavi i bidoni vista che come parli tu da diritto diventa dovere del cittadino mentre Irpinia ambiente si ingrassa con i tuoi soldi….ripeto: non sono stato assunto da Irpinia ambiente per trasportare i bidoni con la tua immondizia……quindi le corbellerie non dirle tu caro docente Universitaro.

  6. dico al sirianni di non scrivere cose insensate sulle assunzioni ! tenetevi bene stretto il posto di lavoro , se poi volete andare a cercare la carità ? siete liberi di farlo !

Lascia un tuo commento

Statistiche Mercoglianonews.it