Flash news:   Edifici costruiti in via San Giacomo su un canale demaniale e privi di autorizzazione da 40 anni, il Genio Civile avvia un accertamento. Il sindaco: “individuato il procedimento di sanatoria” Serie C, l’Atripalda Volleyball rialza la testa: battuto Nola 3 a 1 Danni da cinghiali, l’associazione PrimaveraIrpinia Atripalda chiede un intervento Il segretario nazionale di Sinistra Italiana Nicola Fratoianni da Atripalda chiude la porte al dialogo con il Pd: «Il centrosinistra non c’è più, stiamo lavorando ad una lista della sinistra con un programma di discontinuità da quello di questi anni». FOTO Terza edizione del premio dedicato a Pasquale Campanello, il procuratore capo Cantelmo: “gli indifferenti aiutano la camorra”. FOTO Sacripanti: “questa vittoria ci dà grande fiducia per il futuro” La Sidigas Scandone Avellino batte Milano ed espugna il Mediolanum Forum Lectio Magistralis del professor Sabino Cassese al liceo di Atripalda: «la democrazia è in crisi ma la crisi fa bene alla democrazia perché crea anticorpi che possono servire a superare le crisi». FOTO Pista di pattinaggio sul ghiaccio in piazza Umberto, luminarie uniformi in via Roma e cartellone degli eventi per il Natale Minaccia la madre pensionata pretendendo 20 euro al giorno: il Gip convalida l’arresto e il 42enne resta in carcere

Solidarietà agli imprenditori in difficoltà e lotta all’abusivismo, dal Cna le linee guida per uscire dalla crisi. Pronto un bando della Camera di Commercio da 1,5 milioni per le imprese

Pubblicato in data: 9/5/2013 alle ore:13:06 • Categoria: AttualitàStampa Articolo

cna-coscia-fierroSolidarietà alle piccole imprese irpine e lotta all’abusivismo: il Cna di Avellino detta le linee guida per uscire dalla crisi economica. Pronto dalla Camera di Commercio un bando da un milione e mezzo di euro destinato ad artigiani ed imprenditori in difficoltà: «dobbiamo essere solidali con i colleghi in crisi, il 2013 è iniziato peggio dello scorso anno perché il vero problema è che è venuto meno il credito ecco perché in Camera di Commercio abbiamo voluto fortemente aiuti per le imprese in difficoltà», spiega il presidente della Confederazione Nazionale Artigianato di Avellino, Ciriaco Coscia, durante l’incontro di ieri mattina presso la sede di via Pironti. Nei prossimi giorni, infatti, sarà pronto il bando per l’assegnazione a 150 aziende locali di circa 10 mila euro ciascuna: «il doppio obiettivo del credito di solidarietà è consentire alle imprese di andare avanti e fare in modo che gli imprenditori non si sentano soli a dover affrontare i prossimi difficili anni». Alla base della ripresa economica secondo il presidente del Cna c’è proprio la necessità di liquidità per le piccole imprese artigiane: «di questo passo rischiamo di consegnare il Paese alla delinquenza organizzata che può acquistare le imprese in difficoltà a costo zero. Al Governo centrale chiediamo con urgenza provvedimenti che favoriscano il microcredito». Un vero e proprio grido di allarme per la drammatica situazione irpina, secondo i dati evidenziati da Unioncamere, infatti, sono 798 le botteghe artigiane chiuse dal 2008 al 2012 pari a circa il 10% degli 8.261 artigiani iscritti all’Albo Imprese per un perdita di 1.600 posti di lavoro. «Una saracinesca che non si apre non fa rumore – interviene il Segretario del Cna Lucio Fierro purtroppo si sottovaluta il peso dell’artigianato rispetto all’apparato industriale. In controtendenza rispetto a quest’ultimo anno e mezzo, ci aspettiamo dal Governo scelte coraggiose e tangibili in pochi mesi volte ad un ripensamento, in termini globali, del sistema produttivo italiano». Al 31 dicembre 2012, in provincia di Avellino, risultano 6.736 imprese industriali con 25.634 lavoratori contro le 7.034 imprese artigiane e 12.193 addetti, «la crisi dell’artigianato è più forte e silenziosa rispetto a quella dell’apparato industriale che fa certamente più clamore – continua il segretario -, se non si interviene arriveranno conseguenze devastanti e la morte delle piccole imprese». Secondo Fierro la strada da percorrere per trascinare le imprese fuori dalla crisi è la ripresa degli investimenti della Pubblica Amministrazioni «fuori dal luogo comune dell’edilizia, ma verso un’economia diffusa della messa in sicurezza e della modernizzazione di quanto già esistente» e in contemporanea contrastare l’abusivismo poiché «le imprese muoiono anche per colpa del lavoro nero e dell’illegalità diffusa. Lo Stato deve concentrarsi contro chi sfugge ai controlli e non vessare le imprese che tentano di sopravvivere altrimenti si crea un paradosso intollerabile che porterà chi perde il lavoro ad arrangiarsi abusivamente». Chiesto al Prefetto Umberto Guidato anche un tavolo di discussione sull’abusivismo: «non vogliamo una lotta tra poveri – conclude il Segretario – ma intendiamo proteggere chi è in regola attraverso una forte campagna di sensibilizzazione rivolta ai cittadini contro l’evasione fiscale e verso e banche affinché concedano credito».

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 1,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento

Statistiche Mercoglianonews.it