Flash news:   La Sidigas Avellino cede al Banvit per 96-88 Reddito di cittadinanza e Quota 100 per le pensioni, le novità del decreto del Governo Conte Abuso di alcol durante la movida, allarme per i minori Ermete Green Volley Marcello il derby è tuo: stesa la Wessica Avellino 3 a 0 Stasera la proiezione del cortometraggio “Andare” dà il via alla cine-rassegna “Agguattiti” La bellezza dello Specus Martyrum e di Abellinum in mondovisione su Rai 1. Foto “Per un pugno di Libri”, gli alunni del liceo “De Caprariis” hanno vinto la puntata su Rai3 Allerta meteo, dalla mezzanotte piogge e temporali in Campania Premio San Valentino, il 9 e 10 febbraio la V edizione: ecco i premiati Atripalda Volleyball, sconfitta casalinga contro Casarano: 3 a 0 per i pugliesi

Stadio “Valleverde” offlimits, il Comune corre ai ripari. Spagnuolo: “C’è un progetto per portare la capienza a 1100 posti. Faremo presto, incontrerò le società. Convenzione sulla gestione da rivedere però, non possiamo pagare 6mila euro”

Pubblicato in data: 10/9/2013 alle ore:08:30 • Categoria: Attualità, Sport, Comune, CalcioStampa Articolo

stadio-valleverdeStadio comunale “Valleverde” offlimits, le tre squadre di calcio atripaldesi costrette a giocare sempre fuori casa. A pochi giorni dall’avvio del campionato di Promozione 2013/14 (sabato e domenica) restano sbarrate le porte per le due società impegnate nel girone C: «l’Atri Calcio» del presidente Modestino Martino, che ha incassato l’ospitalità di Lioni, dove si spalancheranno le porte del «Nino Iorlano», e dello «Sporting Atripalda» del presidente Errico Bosco che dovrebbe giocare a San Michele di Serino. A queste due squadre si unisce anche l’Abellinum Calcio di Alfredo Cucciniello neo promossa nel campionato di Seconda Categoria. Lo storico impianto sportivo di contrada Valleverde non ha infatti l’agibilità da parte della Commissione comunale per i pubblici spettacoli per poter far disputare le gare interne delle società cittadine. Società che muovo circa 300 giovani atleti. Una storia che si trascina ormai da anni. Da prima del 2011. Non c’è neanche il parere per poter giocare a porte chiuse, per cui la struttura può ospitare solo gli allenamenti non essendo a norma (necessita di interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria per la riapertura al pubblico per i match in casalinghi). Ed il Comune corre ai ripari. Il sindaco Paolo Spagnuolo ha convocato per i prossimi giorni i presidenti dei tre sodalizi. «In settimana avrò una riunione con le tre società – spiega il sindaco -. Abbiamo intenzione di intervenire per portare l’impianto ad una capienza di 1100 spettatori. Ma vogliamo anche garanzie su chi debba gestire la struttura, sull’affidabilità. Abbiamo già individuato le opere da effettuare. Stiamo verificando con l’Utc l’entità dei lavori da effettuare. Il nostro obiettivo è di non far terminare il campionato senza vedere le squadre giocare in casa».
stadio-valleverde1Per i lavori da effettuare il Comune ha fatto suo il progetto dell’architetto Saldutti che consentirebbe di incassare l’agibilità portando la capienza a 1100 posti (500 nel settore A e altri 600 nel settore B). E’ già stato sottoposto alla visione del Comando dei Vigili del Fuoco di Avellino, che con una lettera risalente al 20/12/2011, avevano sollevato ben quattordici osservazioni e prescrizioni per il campo di calcio: mancata numerazione dei posti a sedere, delimitazione tra campo di gioco e spazio per il pubblico, richiesta per ogni settore di due vie d’uscita indipendenti e identificabili con segnaletica di sicurezza. Inoltre rampa senza gradini per i mezzi di soccorso, presenza di estintori idonei, impianto di illuminazione per le gare notturne. L’Utc, con il geometra Felice De Cicco, si sta attivando per la richiesta dei preventivi degli interventi da effettuare. Per il sindaco infine è da rivedere anche la convenzione che il Comune anni fa ha sottoscritto con la società «Città di Atripalda» alla quale ha affidato la gestione della struttura per nove anni pagando anche 6mila euro annui. La società lo scorso anno ha sostenuto i costi per impiantare l’erba, ma il rifacimento del manto erboso non è andato a buon fine. «Una convenzione che questa amministrazione non condivide – conclude il primo cittadino -. Non siamo d’accordo nel dover pagare 6mila euro annui alla società sportiva. Una spesa che considero non giustificata che invece dovrebbe essere utilizzata per valorizzare lo stadio».
stadio-valleverde2

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

2 risposte a “Stadio “Valleverde” offlimits, il Comune corre ai ripari. Spagnuolo: “C’è un progetto per portare la capienza a 1100 posti. Faremo presto, incontrerò le società. Convenzione sulla gestione da rivedere però, non possiamo pagare 6mila euro””

  1. giuseppe ha detto:

    la sapete la favola di c’era una volta? e proprio nel nostro caso c’era una volta un bel e capace ass,allo sport,a caro Gianni come siamo ridotti.

  2. paola ha detto:

    VEDREMO SINDACO VEDREMO SE I NOSTRI FIGLI POTRANNO GIOCARE AD ATRIPALDA.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Statistiche Mercoglianonews.it