Flash news:   Edifici costruiti in via San Giacomo su un canale demaniale e privi di autorizzazione da 40 anni, il Genio Civile avvia un accertamento. Il sindaco: “individuato il procedimento di sanatoria” Serie C, l’Atripalda Volleyball rialza la testa: battuto Nola 3 a 1 Danni da cinghiali, l’associazione PrimaveraIrpinia Atripalda chiede un intervento Il segretario nazionale di Sinistra Italiana Nicola Fratoianni da Atripalda chiude la porte al dialogo con il Pd: «Il centrosinistra non c’è più, stiamo lavorando ad una lista della sinistra con un programma di discontinuità da quello di questi anni». FOTO Terza edizione del premio dedicato a Pasquale Campanello, il procuratore capo Cantelmo: “gli indifferenti aiutano la camorra”. FOTO Sacripanti: “questa vittoria ci dà grande fiducia per il futuro” La Sidigas Scandone Avellino batte Milano ed espugna il Mediolanum Forum Lectio Magistralis del professor Sabino Cassese al liceo di Atripalda: «la democrazia è in crisi ma la crisi fa bene alla democrazia perché crea anticorpi che possono servire a superare le crisi». FOTO Pista di pattinaggio sul ghiaccio in piazza Umberto, luminarie uniformi in via Roma e cartellone degli eventi per il Natale Minaccia la madre pensionata pretendendo 20 euro al giorno: il Gip convalida l’arresto e il 42enne resta in carcere

Pallavolo Atripalda, presentato il centrale Enrico Diamantini. Oggi pomeriggio amichevole a Molfetta, Totire: «mi aspetto una risposta alla preparazione fatta»

Pubblicato in data: 14/9/2013 alle ore:10:00 • Categoria: Sport, Pallavolo Atripalda, PallavoloStampa Articolo

pallavolo-presentato-diamantini«Voglio fare bene per raggiungere gli obiettivi che ci siamo prefissati». Ha le idee chiare il nuovo centrale della Sidigas Hs Pallavolo Atripalda, Enrico Diamantini, presentato ieri pomeriggio al PalaDelMauro.
Classe ’93, Diamantini ha conquistato la medaglia di bronzo agli Europei under 21. Positive le sue prime impressioni sull’ambiente trovato in Irpinia.

diamantini-conferenza

«Già conoscevo qualcuno della squadra e anche il mister avendo con lui disputato lo scorso anno l’Europeo. Sono cinque giorni che sto qua e la città la sto conoscendo da poco ma posso dire che mi sono ambientato molto bene». Un campionato che si preannuncia equilibrato. «Cercherò di soddisfare il mister. Sarà una stagione lunga e molto impegnativa. Con gli obiettivi che ci siamo prefissati dobbiamo lavorare molto». Alla base del trasferimento in Irpinia proprio il legame con il coach. «Ho scelto di venire qui in primis perché conoscevo Michele (Totire ndr.) e sapevo che lavora bene avendo con lui condiviso gli Europei. E questo è la cosa che mi ha spinto a venire qui. Poi per la squadra e per gli obiettivi».
Sul bronzo vinto in Turchia «ho avuto la fortuna di fare un’esperienza bellissima che mi potrà aiutare tanto nel crescere come atleta». Dalle giovanili di Macerata l’approdo in una società ambiziosa come quella biancoverde: «Cambia tutto visto che mi trovo in una squadra al centro dell’attenzione».
diamantini-totireAll’appuntamento presente anche mister Totire che traccia un bilancio sugli allenamenti svolti in vista della prima amichevole che si giocherà in Puglia questo pomeriggio alle ore 17.30 contro l’Expiria Molfetta, compagine di A1. «Rispetto alla passata stagione le ambizioni sono qualcuna in più. Puntiamo a fare certamente meglio potendo disporre di un gruppo che ha un forte carattere. Le differenze a livello di qualità, esperienza e tecnica ci danno qualcosa in più». Totire appare soddisfatto dei primi allenamenti «stanno rispondendo bene anche se la preparazione è abbastanza pesante. La tabella tecnico-tattica è ancora lunga ed aspettiamo l’arrivo di Bencz. Il momento di forma non l’avremo ad inizio campionato ma in determinati periodi dell’anno». Sulla stagione che inizierà solo il 20 ottobre «sarà un campionato difficile. Tutti parlano di Avellino, ma la squadra che mi fa più paura è proprio Avellino anche se ci sono tre grandi roster come Monza, Padova e Sora». L’arma in più il pubblico con il coach che appare soddisfatto del nuovo acquisto: «è cresciuto nelle giovanili della nazionale con l’obiettivo di vincere e di crescere a livello tecnico. E’ da apprezzare la scelta di venire ad Atripalda, dimostra coraggio perché sapeva di una squadra che ha proprio nel reparto centrale uno dei più forti, con una concorrenza agguerrita. Così puntiamo ad avere una panchina lunga». Sulla prima amichevole di questo pomeriggio infine: «Il campionato è ancora lontano perciò da Molfetta mi aspetto una risposta sulla preparazione fatta finora, non mi interessa il risultato».

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Una Risposta »

  1. PALLAVOLO ATRIPALDA?

Lascia un tuo commento

Statistiche Mercoglianonews.it