sabato 20 gennaio 2018
Flash news:   Il presidente dell’Us Avellino conferma la cessione della clinica Santa Rita di Atripalda Primavera Irpinia in campo domenica ad Atripalda per una migliore sanità provinciale Varato il direttivo cittadino di Forza Italia: ecco l’organigramma e i ruoli assegnati Centro commerciale di via Roma, nessun abuso: tutti prosciolti dal Gup di Avellino Sinistra Italiana Atripalda critica l’azione dell’amministrazione: «la rivoluzione deve essere la risoluzione nell’anno di problemi urgenti. Centro città in condizione di grande degrado». Replica anche sul futuro dell’ex cinema Ideal Fondi per la “Mazzetti”: è polemica in città. Il sindaco: “impegno globale dell’amministrazione sull’edilizia scolastica”. L’ex sindaco: “premiata la nostra programmazione” Adeguamento sismico, 2 milioni e 800mila euro per la ricostruzione della Mazzetti di via Manfredi. Parla l’ex delegato ai Lavori pubblici Lello Barbarisi: “Notizia della quale devono gioire tutti, a partire dalle famiglie. Senza progettualità oggi non si va da nessuna parte. Fiducia nella prosecuzione del lavoro iniziato e visione della città della cultura condivisa con il sindaco” Atripalda Volleyball, coppa campania amara: vince Rione Terra Nuovo libro sullo Stracittadino di Gioso Tirone: “X Edizione – Anno 1984” Confronto sul Reddito di Inclusione mercoledì pomeriggio nella sala consiliare

“In Irpinia”, l’autunno nei versi di Gabriele De Masi

Pubblicato in data: 25/10/2013 alle ore:17:39 • Categoria: CulturaStampa Articolo

castagneIn Irpinia

Incido pancia di castagna,

è ferita al guscio, s’apre

ancor più al calor di fiamma,

prorompe soda polpa dorata

di gonfia caldarrosta, che,

se non segnata, brontola

sulla brace, protesta, scoppia

ed è festa di bimbi al falò

di piccoli legni di fascina

all’improvviso botto, ressa

di mani nel gioco, salta

castagna da palmo a palmo

al vento di bocca che soffia

sul caldo pasto prima

d’essere assaporata, guardo

lontano,s’è vestito d’inverno

il primo tempo d’autunno,

dorme la nocèlla secca nel sacco

all’androne di cantina,

singhiozza il vino, aspettano

le giffoni trasmutarsi in corpo

nuovo, pralina, dolce torrone, bacio

fondente al cioccolato e ancor

nutella bella di sapore, ora

sale dalla valle il compratore,

arranca il camion nei tornanti

sui colli e monti dell’Irpinia,

spiazzo il tempo con curve nuvole

di fumo, respiro ampie boccate,

il noce di fronte è stanco,

schiuma, rilascia da malli acidi

fresche armature di giovani

gherigli, balsamo al fiato nuovo

d’autunno, che nasce e muore

d’improvviso ardore intorno

a una castagna, al vino,

alla nocèlla e al noce.

Gabriele De Masi

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (16 votes, average: 4,94 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

2 Risposte »

  1. Non è un segreto che Gabriele De Masi sia un chirurgo delle parole. Poesia deliziosa!

  2. complimenti Grabriele un saluto…

Lascia un tuo commento

Statistiche Mercoglianonews.it