" class="thickbox">
  
Flash news:   Amministrative 2017, oggi dinanzi al Tar di Salerno si discute il ricorso presentato da “Noi Atripalda” Peppino di Capri ad Atripalda suona al pianoforte per i 50 anni del dottore Sabino Aquino e incanta tutti gli invitati. FOTO Riqualificata la facciata di Palazzo di Città. Il sindaco: “mai vista così bella”. Messa in sicurezza la chiesa del Carmine, don Ranieri: “ora aiuto dai fedeli”. FOTO Novellino: «tre punti meritati» Lupi corsari a Novara per la prima vittoria esterna: finisce 1-2 Sposi Luigi Galluccio e Anna Guadagno, auguri Tesseramento Pd 2017, al via le sottoscrizioni delle tessere Atripalda Volleyball, buona prova nel primo test match a Marcianise Giullarte 2017, ieri mattina presentazione del Festival nella Sala Consiliare Al via la 25° edizione del Torneo ‘Vito Lepore’

Saldi al via in città, la Campania tra le prime regioni ad iniziare le vendite di fine stagione

Pubblicato in data: 2/1/2014 alle ore:14:04 • Categoria: EconomiaStampa Articolo

saldi-di-fine-stagione-invernalePrendono il via da oggi e fino al 2 aprile i saldi invernali, con sconti iniziali, secondo la Confesercenti, che partiranno dal 30-40%.
La Campania è tra le prime regioni ad iniziare le vendite di fine stagione. Secondo le stime Fismo-Confesercenti, la spesa media durante i saldi si attesterà sui 155 euro a persona.
Si spera possa fare da traino alla ripresa dei consumi, in calo del 2,2% nei primi dieci mesi dell’anno rispetto al 2012, come testimoniato dai dati Istat. Le previsioni sull’andamento dei saldi delle associazioni dei consumatori sono comunque nere. In base alle stime del Codacons, l’associazione dei consumatori che ogni anno diffonde i dati ufficiali sull’andamento delle vendite, solo il 35% delle famiglie italiane prevede di fare qualche acquisto durante il periodo di sconti (contro il 40% del 2012). Le vendite sul territorio crolleranno del 12,5% rispetto allo scorso anno ma si potrebbero raggiungere anche punte del -30% in alcune città del sud Italia, con una spesa media prevista inferiore ai 200 euro.
Stime più ottimistiche, ma sempre in territorio negativo, giungono dall’Adoc. L’Associazione difesa e orientamento dei consumatori prevede un calo dei consumi del 15% e un budget medio per famiglia nell’ordine dei 130 euro.
Sull’altro versante, Confcommercio prevede una spesa complessiva da 5,4 miliardi, il 18% del fatturato annuo del settore, pari a 340 euro a famiglia e 148 euro a persona. Sugli acquisti a sconto pesano un reddito disponibile tornato ai livelli di 27 anni fa ed un sentimento negativo che vede ben il 66% degli italiani sfiduciati.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento

Statistiche Mercoglianonews.it