Flash news:   Sinistra Italiana Atripalda critica l’azione dell’amministrazione: «la rivoluzione deve essere la risoluzione nell’anno di problemi urgenti. Centro città in condizione di grande degrado». Replica anche sul futuro dell’ex cinema Ideal Fondi per la “Mazzetti”: è polemica in città. Il sindaco: “impegno globale dell’amministrazione sull’edilizia scolastica”. L’ex sindaco: “premiata la nostra programmazione” Adeguamento sismico, 2 milioni e 800mila euro per la ricostruzione della Mazzetti di via Manfredi. Parla l’ex delegato ai Lavori pubblici Lello Barbarisi: “Notizia della quale devono gioire tutti, a partire dalle famiglie. Senza progettualità oggi non si va da nessuna parte. Fiducia nella prosecuzione del lavoro iniziato e visione della città della cultura condivisa con il sindaco” Atripalda Volleyball, coppa campania amara: vince Rione Terra Nuovo libro sullo Stracittadino di Gioso Tirone: “X Edizione – Anno 1984” Confronto sul Reddito di Inclusione mercoledì pomeriggio nella sala consiliare Serie D, Green Volley The Marcello’s che vittoria: battuta Ischia al tie-break Calendario 2018, inviaci la tua foto più bella per i mesi del nuovo anno Emozioni dell’Epifania con il concerto gospel del Coro Armonia. FOTO Il gruppo “Noi Atripalda” interroga l’Amministrazione sulla mappatura reti fognarie secondarie

Bufera in Consiglio sulle indennità di sindaco e giunta. Le opposizioni accusano: «Così vi raddoppiare i compensi». La difesa della maggioranza: «solo un adeguamento. Va difesa la dignità del ruolo». In avvio mozione delle opposizioni per discutere sulla riorganizzazione comunale e ricordo dell’ingegner Rotondi

Pubblicato in data: 19/12/2014 alle ore:14:21 • Categoria: Politica, ComuneStampa Articolo

Consiglio comunale indennitàScontro in Consiglio ieri sera sull’aumento delle indennità spettanti a sindaco e giunta. A fine al centro del botta e risposta in aula la decisione assunta dalla maggioranza, con delibera di giunta ed inserita tra le variazioni al Bilancio di previsione 2014 e pluriennale 2014-2016 di adeguamento al decreto ministeriale n.119/2000 che fissa i gettoni per gli amministratori. Per il sindaco si passa da 1.302,00 a 3.098,74, vice da 716 a 1.704,31 e per gli assessori da 293 euro a 697 euro. Nel trimestre ottobre-dicembre 2014, l’adeguamento pari a 12.935,10 euro è stato devoluto dagli amministratori all’Ente. Una variazione che passa con il voto dell’aula per la seconda volta sul filo di lana, 9 ad 8, così come accaduto tempo fa per l’alienazione del Centro Pmi, con l’Udc che vota contro con Fi, Psi e Piazza Grande. Ad aprire il fuoco proprio lo scudocrociato con l’ex assessore Geppino Spagnuolo che attacca: «Sul capitolo indennità si raddoppiano nel 2015 e 2016 senza inserire le erogazioni di liberalità di sindaco ed assessori così come fissato con la delibera di giunta con la quale era stato assicurato che era solo un aumento formale, una sorta di messa a punto contabile anche se non si capisce l’utilità. Interrompere un comportamento virtuoso durato 15 anni da parte delle precedenti amministrazioni che si sono succedute. Deliberare una cosa così senza dirla in maniera chiara avrà il nostro voto contrario in tempi in cui la politica va in una direzione di riduzioni dei costi ». Contrari anche Nunzia Battista (Piazza Grande): “è scorretto il comportamento della maggioranza, comportamenti che fanno pensare male. In questo Bilancio non troviamo i soldi della Xenus della vendita del Centro Pmi mentre il canile spendono più della biblioteca comunale in energia elettrica. E lo divo da veterinario che ama gli animali, una cosa strana visto che si hanno 7000 euro in più di chi va a studiare in biblioteca. Anche sull’aumento delle indennità vorrei una risposta” e Fi con gli interventi di Massimiliano Del Mauro e Massimiliano Strumolo: «Voi vi volete raddoppiare i compensi. Ammettete il passo che state facendo, perché noi vi abbiamo scoperto». Anche il socialista Ulderico Pacia ci va giù duro: «avevate assicurato sulla stampa che non li avreste mai aumentati. Non è che vate fatto un favore perché le riduzioni risalivano al sindaco Capaldo. Ora volete recuperare quello perso. Un bilancio che si mantiene sulla vendita del centro Pmi, sul quale vorrei sapere e sono stati superati tutti gli ostacoli». L’assessore al Bilancio Mimmo Landi prova a difendersi: «Per le indennità così come per il 2014 non cambia nulla. Per motivi di opportunità nel corso degli altri anni sarà il bilancio di previsione a valutare di volta in volta la quota da dedicare fermo restando in un momento in cui l’antipolitica la fa da padrona e facile per voi esprimere tali giudizi». Il sindaco Paolo Spagnuolo prova a respingere così le accuse: «non ci sono interventi sconnessi e ne meschinità. Va difesa la dignità del ruolo. Rispetto a questo non vedo per quale motivo non debba essere affermata la dignità di un ruolo, anche attraverso l’adeguamento delle indennità alla legge e non il raddoppio. Non c’è stato nessun sotterfugio, quasi che abbiamo preso in giro la città, da parte nostra c’è assoluta trasparenza e buona fede.  A gennaio proseguiremo a percepire lo stesso. Con l’approvazione del previsionale 2015 verificheranno le risorse dell’ente dando una prelazione alla riduzione dell’imposizione».
Battista replica: “Voli vi volete raddoppiare i compensi. Questo è e la vostra cattiva fede. Ammettete il passo che state facendo, perché noi vi abbiamo scoperto. O anche dubbi che sia legittimo. L’assessore Landi fa capire cosa sia questa’amministrazione”. Strumolo incalza: “ma questa modifica è obbligatoria per legge?”  Geppino Spagnuolo: “sentire le parole di Landi è difficile mantenere toni calmi. Amministratori in questi tempi l’hanno fatti tutto dal dottor Capaldo ma non solo imprenditori. Le norme negli anni non sono mai cambiate. Oggi voi state pensando di raddoppiare le indennità e questo lo dovete dire alla città. Qui portate i numeri ed il bilancio dice che vi raddoppiate le indennità e che poi sta al vostro cuore se lasciate qualcosa. Ditelo, almeno è chiaro. La meschinità è di chi vuole fare le cose e non vuole poi che si sappiano. No abbiamo sostenuto quest’amministrazione anche quando furono aumentate le aliquote fiscali per far fronte a debiti fuori bilancio sopravvenuti. Ma tu l’anno prossimo tieni presente che, con gli impegni presi con la città, se avrai delle disponibilità di risorse devi prima ridurre le aliquote e poi decidi cosa fare”.
Il vicesindaco Tuccia prova a spegnere le polemiche: “ a gennaio si vedrà. Abbiamo solo voluto dimostrare che non siamo attaccati all’indennità. Percepisco come vicesindaco 390 euro rispetto ai 1.600 che è la norma. Abbiamo voluto noi fare un’operazione di chiarezza e dire questo. A gennaio saremo poi noi a venire qua a dire che resteranno immutati”.
Del Mauroproponiamo un odg che la giunta si impegni a non aumentare. Avrei potuto capire l’aumento solo dell’indennità del sindaco, per il ruolo ed il tempo che dedica alla macchina amministrativa potrebbe effettivamente far immaginare la legittimità politica”. Replica il sindaco:è una scelta politica per dire ai cittadini che i sacrifici li sosteniamo anche noi”.
Per il capogruppo di “Uniti per Atripalda” Flavio Pascarosanoi abbiamo una dignità, svogliamo le nostre funzioni nella maniera più leale e schietta possibile. Non è vero che la popolazione non ci può vedere ma voi ascoltate solo quella parte che fomenta. Anche comuni limitrofi come il nostro, tipo Mercogliano Solofra e altri, hanno indennità più alte. La mia funzione ha un costo, deve avere il giusto riconoscimento e quindi l’indennità che la legge ci consente di fare. E parlo anche non ricoprendo cariche di assessore Non mettiamo le mani nelle tasche di nessuno, ma riportiamo i compensi a quello che la legge ci consente”.
Pacia sbotta:”vi aumentate i compensi siccome ci sono  i soldi in cassa e abbiamo venduto beni comunali ed il dissesto si è allontanato. Ma in tanti anni da amministratori non abbiamo mai sognato di aumentarci le indennità”.
Dimitri Musto annuncia voto contrario del gruppo Udc: “ per il raddoppio. Questa previsione interrompe un comportamento virtuoso proprio in un peridio di spending review. Questa maggioranza a guida Spagnuolo e sostenuta dal Pd invece di diminuire le aliquote ha scelto di aumentare le indennità”. Del Mauro: “voto contrario perché riteniamo inutile la precisazione fatta da questa maggioranza”. Landi infine “l’integrità delle contabilità non prevede compensazione di partite e a Geppino dico che è stato poco attento nel leggere il bilancio perché la Tasi diminuisce nel 2015 e 2016”. Poi il voto favorevole: 9 a favore e 8 contrari.
Ad avvio di seduta il capogruppo di Fi Massimiliano Del Mauro presenta una mozione, con l’appoggio di Udc e Psi, sulla riorganizzazione degli uffici comunali invitando il sindaco a spiegare in consiglio comunale “le motivazioni che hanno determinato le revoche e le nomine dei nuovi capisettore impegnando il Consiglio in un voto che avelli l’operato del sindaco ancora di più o che lo bocci. Una mozione da iscrivere alla prossima assise”. Lo stesso primo cittadino condivide la necessità di spiegare alla città:”le motivazioni del riordino del personale e quindi possiamo porre ai voti la tua mozione, impegnandoci a porre all’ordine del giorno del prossimo consiglio comunale”. Pacia chiede che la discussione avvenga in questo consiglio perché “tutti vogliono sapere, è una cosa molto importante. Per rimuovere un comandante dei vigili ci deve essere un motivo grave che vogliamo sapere”. Alla fine la Mozione di Fi-Psi-Udc viene approvata all’unanimità.
Del Mauro solleva inoltre anche un’altra questione: “C’è da porre una questione pregiudiziale, non ci sono i requisiti dell’urgenza del Consiglio della quale parlate visto che questi erano i punti del precedente consiglio comunale. State facendo un illecito”. Urgenza invece ribadita più volte nel suo intervento dal primo cittadino.
Messaggi di cordoglio ad inizio di Consiglio da parte di tutti i gruppi consiliari per la scomparsa dell’ingegnere Sabino Rotondi: “che ha dato lustro – ha dichiarato il primo cittadinoda consigliere ed assessore  questo consiglio comunale. Una persona distintasi per il tratto delle generosità. Perdiamo un cittadino molto legato alla comunità atripaldese che lo ha dimostrato nel corso del tempo”. Anche il consigliere comunale del Psi Ulderico Paciacon lui va via un amico ed un socialista”.
Per Del Mauro (Fi): “ ne abbiamo apprezzato l’attaccamento alla città e la competenza nell’ottemperare al ruolo di assessore”. Stesso commiato dal gruppo “Uniti per Atripalda con Pascarosa: “ ha dedicato tante energie per la nostra cittadina, un uomo ricco di risorse da cui non si poteva che imparare”.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 1,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

16 Risposte »

  1. Paolo dimettiti, tu e i 3000 euro che sottrarrai alle già dissestate casse atripaldesi!!!

  2. L opposizione si lamenta delle indennità ma scusate tanto è mai possibile che una persona deve togliere tempo al lavoro ma soprattutto alla famiglia senza percepire nulla? No no io da cittadino non sono d’accordo visto che sulla testa del Primo cittadino gravano tante responsabilità ben venga indennità adeguata.

  3. atripalda sull’orlo del dissesto e questi pensano ad aumentarsi la PAGA…. persone perbene avrebbero rinunciato agli indennizzi proprio per dare un segnale alla città…….. poveri noi!!!!! questa amministrazione si sta rivelando per quel che è davvero: solo affarismo e sfruttamento delle risorse pubbliche. in passato gli amministratori seguivano un’etica…. VERGOGNA!!!!!!!

  4. leggo “Per dignità del ruolo”….. penso invece :” Per mancanza di dignità”.

  5. Brava l’opposizione. Mandateli a casa. Invece di aiutare la città che langue, preferiscono raddoppiarsi l’indennità. Cosa hanno fatto di buono per questo paese, se non quello di vendere tutte le proprietà di noi cittadini.

  6. Il comune ha 2/3 milioni di euro di debito, la tassa sui rifiuti l’hanno aumentata, l’aliquota Tasi aumentata e alla fine si aumentano anche lo stipendio Sindaco e giunta… vergogna Paolo Spagnuo’…

  7. Avrebbero fatto una gran bella figura, qualora si fossero aumentati l’indennità e avrebbero dichiarato di devolvere il 50 x 100 alle famiglie bisognose di Atripalda.

  8. Sono convinto che fare il Sindaco del proprio paese sia un onore, lo stesso vale per i consiglieri e gli assessori. Questo compito, che andrebbe svolto per un solo mandato, dovrebbe essere del tutto gratuito. Ciò premesso, alla luce di quanto asserisce Lamberti, Il Sindaco percepirebbe 3098.74 € mensili. Ebbene se così non è perché non si accoglie l’invito di Lamberti e spiegare le cose effettivamente come stanno? Per la verità se l’Amministrazione si adoperasse per migliorare la vivibilità dei cittadini, non ci sarebbe nulla da ridire sui loro compensi. Il problema è che questa Amministrazione naviga a vista . Si è riusciti a trasformare l’atmosfera natalizia in una normale festa patronale. Eppure bastava mettere nei due angoli della piazza le stesse coreografie che sono state messe ad Avellino davanti la chiesa del Rosario e la chiesa di S. Ciro per fare bella figura con pochi soldi.

  9. PER ANTONIO.
    Nessun medico ordina questa gente a candidarsi.
    Se non gli sta bene, la porta è aperta per tornarsene a casa.

  10. Dopo i 4 MILIONI a Benigni per 2 ore di tv
    Siete sorpresi che gli assessori PD si raddoppiano l’indennità?

  11. Ora capisco perché l’ass. Landi lasciò il gruppo dell’udc!!!
    Mi è stato riferito che circa 4/5 mesi fa, ad un direttivo dell’udc il delegato Landi dichiarò che il bilancio del comune era catastrofico è che c’erano vere probabilità di dissesto .
    Al quel punto i due assessori e il capo gruppo udc diedero mandato al delegato Landi di tagliare totalmente le indennità a tutti gli assessori e al sindaco. Almeno davano un segnale ai cittadini.
    Fatto sta che dal quel giorno il buon Landi non si è visto più’!

  12. Persone che parlano senza senso. Potete verificare che gli assessori percepiscono circa 200 euro al mese. Cinque assessori del comune di Atripalda equivalgono a meno di uno del comune di Avellino. Quindi di cosa si vuole discutere.

  13. Voi scherzate col fuoco…..i 3 o 4 giovanotti che compongono questa Giunta,farebbero bene a rimettere i piedi per terra per accorgersi per tempo che stanno compiendo azioni folli dal punto di vista amministrativo, del lato politico non parliamo per decenza, ed è un bene che il PD si dia alle feste per bambini, almeno fanno qualcosa di simpatico giacchè come partito sono risibili. per concludere un appello ad Antonio Prezioso: cosa sta aspettando ad andare in Procura e fermare questo delirio di cui si sta rendendo complice, non basta fregiarsi di successi mediocri in termini ambientali, per chiamarsi fuori dall’indecorosa gestione di questo Comune. Che vada fuori da questa Amministrazione, ne prenda le distanze. La stessa Atripalda che nonostante la proverbiale indifferenza dei cittadini, che altrimenti VI avrebbero presi d’assalto, non merita questa miserevole fine.

  14. Va difesa la dignità del ruolo?
    Ma signori amministratori, voi per Atripalda, dopo quasi TRE anni di legislatura, cosa di positivo avete fatto, se non quello di vendere gli immobili di proprietà Comunale e quindi dei cittadini.
    Vi rendete conto, che di sera, anche in questo periodo natalizio, le persone che frequentano la Piazza, si contano.
    Che segnale è?

  15. Bravo LUCIANO, noi ce ne siamo accorti, loro no perchè hanno ben altro a che pensare.

  16. Speriamo che vengano presto le elezioni regionali. Chi vuol capire capisca.

Lascia un tuo commento

Statistiche Mercoglianonews.it