Flash news:   Politiche 2018, martedì il governatore De Luca in città per le elezioni del 4 marzo Condanna assessore, l’ira del papà della 19enne: «Nessuna questione politica, non avrei mai strumentalizzato mia figlia. Lo consideravano un amico, avevo fiducia piena». L’amarezza dell’avvocato Biancamaria D’Agostino: «si colpevolizza la vittima». Sul processo: «si celebra nelle aule di giustizia, non sui media e social. Le sentenze vanno rispettate. Nessuna “fretta” nel dibattimento, ma efficienza di un procedimento» Inchiesta buste paga gonfiate al Comune, l’udienza preliminare per il quinto indagato rinviata al 30 marzo. Il 28 febbraio convocato dalla Commissione disciplinare Addio all’edicolante Carmelina Visone, il ricordo di Lello La Sala Giuliana De Vinco risponde a Noi Atripalda: “No a illazioni, è evidente il mio lavoro attivo” Condanna assessore, il gruppo “Noi Atripalda”: “Vicende di questo tipo non consentirebbero a chiunque di gestire la cosa pubblica e gli interessi collettivi in maniera serena, lucida, asettica e proficua. Mentre il sindaco aspetta di decidere a mente fredda su Moschella, De Vinco e Troisi la nostra amata città muore” Il Consorzio A5 presenta i progetti “Vita Indipendente” e “Dopo di Noi” per persone con disabilità: pronti i bandi per i fondi. FOTO Sidigas subito fuori dalle Final Eight: Cremona vince 82-89 all’overtime Condanna Troisi, il Prc: “Le dimissioni dell’assessore ai Lavori Pubblici sono doverose e improrogabili” Condanna assessore Troisi, parla il difensore Chieffo: «Antonio si proclama innocente. E’ una sentenza di primo grado e siamo pronti a ricorrere in appello. C’è stata gestione frettolosa del dibattimento, sentenza che non condividiamo in nessun passaggio». L’invito del sindaco: «La questione è delicata e privata e merita cautela da parte di tutti. Eventuali valutazioni verranno fatte a mente fredda e successivamente»

Rissa in un condominio ad Alvanite, denunciate 5 persone dai Carabinieri

Pubblicato in data: 21/9/2015 alle ore:15:02 • Categoria: CronacaStampa Articolo

alvanite1I Carabinieri della Stazione di Atripalda, congiuntamente a quelli del Nucleo Operativo e Radiomobile di Avellino, hanno deferito in stato di libertà cinque persone poiché resesi responsabili di rissa aggravata.

I militari sono intervenuti presso un condominio poiché sul 112 del Comando Provinciale di Avellino era pervenuta la segnalazione di un’animosa zuffa in corso. All’arrivo delle Gazzelle dell’Arma una apparente calma si era già ristabilita nel palazzo ad Alvanite, ma ciò non ha convinto gli investigatori che hanno comunque deciso di approfondire la vicenda avviando attività di indagine.

I Carabinieri hanno così ricostruito che due nuclei familiari, per pregressi dissapori legati a questioni condominiali, si erano fronteggiati e, passando senza soluzione di continuità dalle parole alle vie di fatto, avevano fatto scoccare la scintilla da cui si era scatenata la rissa nel corso della quale era anche spuntato un bastone, successivamente rinvenuto e sottoposto a sequestro.

Quattro dei cinque contendenti, due uomini e tre donne tutti di età compresa tra i 21 ed i 51 anni, a seguito dell’alterco erano stati costretti a ricorrere alle cure del Pronto Soccorso per le lesioni riportate e si erano pertanto già allontanati dal luogo, ma sono stati prontamente rintracciati ed identificati dagli uomini dell’Arma.

Alla luce delle evidenze raccolte i Carabinieri hanno provveduto a far scattare a carico di tutti e cinque la denuncia in stato di libertà, per il delitto di rissa aggravata, alla Procura della Repubblica diretta dal Procuratore Dr. Rosario Cantelmo.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento

Statistiche Mercoglianonews.it