Flash news:   La Figc esclude l’Avellino dal prossimo campionato di serie B Telecamere in Comune, il Prc attacca: “inquietante vicenda che presenta qualcosa di stonato, irritante e arrogante” Tirone avvia l’elaborazione dell’ottavo Libro sulla storia del “Torneo Calcistico Stracittadino” Il gruppo consiliare “Noi Atripalda” avvia una petizione per incrementare la raccolta dell’umido Atripalda Volleyball ultimato l’iter per l’iscrizione in B Nazionale. Il 28 luglio si conoscerà la composizione dei gironi Costa d’Amalfi Night Ride: il Circolo c’è Avellino in bilico, la serie B a rischio. Covisoc: si decide venerdì Sinistra Italiana Atripalda all’attacco sul sociale: “solo passerelle dell’Amministrazione” Compleanno Giusy Festa, gli auguri della famiglia Madonna del Carmelo, niente festa civile le offerte dei fedeli per il rifacimento della facciata della chiesa di via Roma

Scontro nel Pd, il dimissionario segretario Malavena: «Forti lacerazioni interne, nessuna unità d’intenti e con l’Amministrazione mancato raggiungimento degli obiettivi prefissati»

Pubblicato in data: 26/5/2016 alle ore:21:33 • Categoria: Politica, Partito DemocraticoStampa Articolo

gerardo-malavena«Forti lacerazioni interne, nessuna unità d’intenti nel partito e con l’Amministrazione c’è stata collaborazione ma non il raggiungimento degli obiettivi prefissati». Getta la spugna il segretario cittadino del Pd, Gerardo Malavena a distanza da due anni dalla sua elezione e meno di dodici mesi dal voto amministrativo. La decisione maturata da tempo e comunicata con una lettera aperta, è legata soprattutto alle frizioni e spaccature interne che la dirigenza locale non è riuscita a far superare. Troppo distanti le posizioni tra le quattro anime interne, quella che si riconosce intorno alla figura della componente di governo cittadino con il vicesindaco Luigi Tuccia e il dimissionario Gerardo Malavena che sostengono l’Amministrazione Spagnuolo, l’area dell’onorevole Valentina Paris e quelle di minoranza più critiche con il gruppo dell’ex sindaco Aldo Laurenzano e la componente  che si riconosce sulle posizioni dell’ex assessore Tony Troisi.
Distanze mai ricucite in questi mesi che hanno spinto Malavena perciò a lasciare la guida del partito.
Critico Malavena appare anche con l’Amministrazione Spagnuolo: «Ho fatto da collante e cuscinetto per collaborare alla crescita amministrativa. Al sindaco presentammo lo scorso anno un programma di fine mandato che fissava gli obiettivi da raggiungere, di cui ad oggi è stato concretizzato poco. Per cui non so fino a che punto ci possa essere ancora unità d’intenti».
Il segretario dimissionario ha anche inviato una lettera ai componenti del direttorio provinciale di via Tagliamento (gli onorevoli De Luca, Famiglietti, Paris e D’Amelio), proponendo, fino al prossimo congresso cittadino, la guida del Circolo ad un gruppo di reggenza composto dall’attuale segreteria cittadina (Costantino Pesca, Antonio Iannaccone ed Emanuela Auriemma) «perché ritengo – conclude – che, in questi anni, abbia svolto al mio fianco un duro ed intenso lavoro che non dovrà in alcun modo essere vanificato. Visti i numerosi impegni politici che ci attendono nei prossimi mesi, credo che questa strada sia l’unica percorribile, per non mostrare un Pd fragile, diviso e pieno di contraddizioni. Mi auguro che la reggenza atripaldese riesca a coinvolgere le minoranze e che quest’ultime siano disposte a lavorare e confrontarsi».

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 4,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento

Statistiche Mercoglianonews.it