Flash news:   Lotta all’evasione tributaria, il Comune avvia un censimento sulle utenze non domestiche per la Tari Sgominata dai Carabinieri pericolosa banda dedita ai furti di auto: oltre 30 quelle rubate La Sidigas Scandone saluta la città Stasera al via la XII edizione del “Memorial Simone Casillo” Si ferma ai quarti di finale play off la stagione della Sidigas Avellino Costerà oltre 26mila euro la nuova installazione dell’autovelox sulla Variante 7bis Vittoria con il cuore a Terni: l’Avellino è salvo “Ambiente Territorio Salute”, tavola rotonda nel ricordo di Biagio Venezia domani al liceo atripaldese Nasce “Diver-T9”, la manifestazione per ricordare Tosco Alberto Matarazzo. Domani la I edizione Alla Sidigas Scandone Avellino non riesce il colpo esterno in Gara3

Nuova tragedia al Moscati, secondo bimbo morto in una settimana: la mamma una 25enne di Alvanite

Pubblicato in data: 19/6/2016 alle ore:20:30 • Categoria: CronacaStampa Articolo

pronto-soccorso-citta-ospedaliera-avellinoNon è passata neanche una settimana dalla vicenda della bimba nata morta all’Ospedale Moscati di Avellino che, dopo sei giorni, la tragedia si è ripetuta. Questa volta si tratta di un bambino.
La vicenda risale a venerdì scorso, 10 Giugno, ma la notizia è trapelata soltanto adesso a seguito della presentazione in Procura della denuncia da parte della giovane madre, una 25enne di etnia rom residente ad Atripalda, in contrada Alvanite..
Nella notte del 10 Giugno 2016, infatti, la giovane donna, già madre di due bambini rispettivamente di anni tre ed uno, veniva trasportata d’urgenza in Ospedale dal momento che avvertiva forti dolori all’addome nonché perdite ematiche genitali.
La donna, che era all’ottavo mese di gravidanza ed aspettava un bambino, veniva quindi sottoposta nella notte a due interventi dovuti, a detta del medico operante, ad un polipo che andava asportato.
Alle prime luci dell’alba la giovane, che dopo gli interventi era stata ricondotta in stanza ove stremata aveva letteralmente perso coscienza, avvertendo una presenza tra le sue gambe, alzato il lenzuolo, scorgeva il corpicino senza vita del bambino totalmente ricoperto di sangue.
La giovane istintivamente cercava di rianimarlo stringendolo tra le sue braccia.
Le urla disperate attiravano quindi gli infermieri di turno.
Tornata a casa la donna, difesa dall’avvocato Rolando Iorio, ha sporto denuncia in Procura per far luce sull’intera vicenda e, soprattutto, sulla natura e sulle modalità degli interventi subiti prima della tragedia.
Ieri sul corpicino del neonato morto è stato eseguito l’esame autoptico, interessando placenta e feto. Solo dal risultato delle stesse si capirà la causa del decesso.

Print Friendly, PDF & Email

Random Posts

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

2 Risposte »

  1. non sono degli incompetenti

  2. Non sono in grado di curare i pazienti

Lascia un tuo commento

Statistiche Mercoglianonews.it