domenica 22 luglio 2018
Flash news:   Anziana cade in casa in via Serino: soccorsa dai Vigili del Fuoco Taccone: “Presenteremo subito ricorso. Ai tifosi dico di stare sereni” La Figc esclude l’Avellino dal prossimo campionato di serie B Telecamere in Comune, il Prc attacca: “inquietante vicenda che presenta qualcosa di stonato, irritante e arrogante” Tirone avvia l’elaborazione dell’ottavo Libro sulla storia del “Torneo Calcistico Stracittadino” Il gruppo consiliare “Noi Atripalda” avvia una petizione per incrementare la raccolta dell’umido Atripalda Volleyball ultimato l’iter per l’iscrizione in B Nazionale. Il 28 luglio si conoscerà la composizione dei gironi Costa d’Amalfi Night Ride: il Circolo c’è Avellino in bilico, la serie B a rischio. Covisoc: si decide venerdì Sinistra Italiana Atripalda all’attacco sul sociale: “solo passerelle dell’Amministrazione”

Nuova tragedia al Moscati, secondo bimbo morto in una settimana: la mamma una 25enne di Alvanite

Pubblicato in data: 19/6/2016 alle ore:20:30 • Categoria: CronacaStampa Articolo

pronto-soccorso-citta-ospedaliera-avellinoNon è passata neanche una settimana dalla vicenda della bimba nata morta all’Ospedale Moscati di Avellino che, dopo sei giorni, la tragedia si è ripetuta. Questa volta si tratta di un bambino.
La vicenda risale a venerdì scorso, 10 Giugno, ma la notizia è trapelata soltanto adesso a seguito della presentazione in Procura della denuncia da parte della giovane madre, una 25enne di etnia rom residente ad Atripalda, in contrada Alvanite..
Nella notte del 10 Giugno 2016, infatti, la giovane donna, già madre di due bambini rispettivamente di anni tre ed uno, veniva trasportata d’urgenza in Ospedale dal momento che avvertiva forti dolori all’addome nonché perdite ematiche genitali.
La donna, che era all’ottavo mese di gravidanza ed aspettava un bambino, veniva quindi sottoposta nella notte a due interventi dovuti, a detta del medico operante, ad un polipo che andava asportato.
Alle prime luci dell’alba la giovane, che dopo gli interventi era stata ricondotta in stanza ove stremata aveva letteralmente perso coscienza, avvertendo una presenza tra le sue gambe, alzato il lenzuolo, scorgeva il corpicino senza vita del bambino totalmente ricoperto di sangue.
La giovane istintivamente cercava di rianimarlo stringendolo tra le sue braccia.
Le urla disperate attiravano quindi gli infermieri di turno.
Tornata a casa la donna, difesa dall’avvocato Rolando Iorio, ha sporto denuncia in Procura per far luce sull’intera vicenda e, soprattutto, sulla natura e sulle modalità degli interventi subiti prima della tragedia.
Ieri sul corpicino del neonato morto è stato eseguito l’esame autoptico, interessando placenta e feto. Solo dal risultato delle stesse si capirà la causa del decesso.

Print Friendly, PDF & Email

Random Posts

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

2 Risposte »

  1. non sono degli incompetenti

  2. Non sono in grado di curare i pazienti

Lascia un tuo commento

Statistiche Mercoglianonews.it