domenica 17 dicembre 2017
Flash news:   Ladri acrobati si arrampicano dai tubi del gas ad Atripalda e rubano tutto L’affondo dell’ex sindaco Paolo Spagnuolo: “L’amministrazione dell’a.d.r.: a domanda rispondono, altrimenti sonnecchiano” Doppia notte bianca oggi e domani in centro per “Natale 2017, shopping in allegria” Inchiesta Money Gate: la Procura chiede retrocessione in C e tre punti di penalizzazione per l’Avellino Sacripanti: “A Pesaro stessa intensità e qualità di gioco di mercoledì sera” Ex guardia giurata spacciava droga, la Polizia arresta 37enne atripaldese Novellino: «Contro l’Ascoli partita da sei punti» Curva Sud: «Società incapace, d’ora in poi sostegno incondizionato alla squadra» La Sidigas batte la capolista Besiktas in Champions League. FOTO “Festa dei Popoli”, l’affondo di Giovanni Ardolino: “solo vetrina propagandistica di certa sinistra italiana e atripaldese”

Consiglio comunale lampo, la difesa del sindaco Spagnuolo:«Ho fatto un viaggio di 500 km mentre consiglieri che erano già ad Atripalda hanno preferito guardare tutta la partita dell’Italia e poi venire»

Pubblicato in data: 29/6/2016 alle ore:09:54 • Categoria: Politica, ComuneStampa Articolo

consiglio atripalda_sindaco Spagnuolo«Ho fatto un viaggio di 500 km e sono arrivato in Comune lunedì sera alle ore 18.45 per  controllare ulteriormente i fascicoli allegati al consiglio, non comprendo come mai consiglieri che erano già ad Atripalda hanno preferito guardare tutta la partita dell’Italia e poi venire in Consiglio». Non ci sta il sindaco Paolo Spagnuolo alle polemiche sollevate dalle opposizioni sul Consiglio comunale sprint di lunedì sera. Respinge al mittente le accuse di scorrettezza assicurando di non essere «un sindaco in fuga» e più veloce (soli 9 minuti per un consiglio comunale con all’ordine del giorno anche il rendiconto 2015) del secondo gol messo a segno da Pellè che ha inebriato i tifosi dell’Italia ma fatto andare su tutte le furie le minoranze che “bloccate” alla tivvù per assistere agli ultimi secondi delle prodezze degli azzurri, all’arrivo in aula hanno trovato tutto già deciso. «Non avevo necessità di chiudere in fretta visto che la maggioranza, come si è dimostrata, era ed è compatta. Quindi qualora ci fosse stata la discussione, comunque il risultato sarebbe stato l’approvazione. Che poi si vuole fare polemica dopo, la strumentalizzazione è tipica dell’opposizione» prosegue il primo cittadino che ricostruisce tutti i passaggi che hanno portato alla convocazione: «La data del consiglio era stata fissata per il 27 giugno quando non si sapeva chiaramente della partita dell’Italia. Il 27 era il primo giorno utile per svolgere il consiglio visto che i documenti relativi al consuntivo erano stati messi a disposizione dei consiglieri il 7 giugno e quindi i venti giorni decorrevano dal 27. Perché il 27 giugno? Perché tutti i comuni hanno sforato l’approvazione del Consuntivo entro il 30 aprile e quindi per una questione di rispetto anche nei confronti di sua eccellenza il Prefetto che aveva sollecitato tutti i presidenti di Consiglio a non tardare ulteriormente».
Il sindaco assicura di aver concesso un minimo di tolleranza e tiene a rimarcare che ad essere svantaggiato dalla convocazione è stato proprio lui: «Tra l’altro la persona che maggiormente ha subito questa convocazione sono proprio io, perché ho dovuto per partecipare fare 500 km. L’ho fatto volentieri sia per rispetto delle norme, del Prefetto e sia perché era un atto fondamentale di gestione dell’Ente che andava approvato prima possibile. Quindi per quanto mi riguarda non ho minimamente esitato a fissarlo per il 27 giugno nonostante sapessi di essere in ferie. Voglio quindi dare atto al senso di responsabilità del consigliere Strumolo, che non solo si è presentato con netto anticipo, nonostante sia un appassionato di calcio e non esiti a girare l’Italia e non solo per vedere il buon calcio dal vivo, ma ha anche votato favorevolmente alle modifiche al regolamento Iuc. Se l’ha fatto lui, se l’ho fatto io che venivo da lontano non vedo perché non sono riusciti ad essere puntuali i consiglieri che stavano ad Atripalda. Per altro avevo previsto di partire l’indomani e quindi non avevo nessun interesse a chiudere velocemente la seduta. E poi abbiamo concesso un minimo di tolleranza, avendo iniziato la seduta con oltre venticinque minuti di ritardo. Quasi mezz’ora è stata concessa. Se poi bisogna attende la fina della partita dico che il senso di responsabilità deve prevalere sulle proprie passioni. E’ bene infine precisare che tutte le carte del Rendiconto erano state messe a disposizione di tutti i consiglieri fin dal 7 giugno e in Comune non è giunto alcun emendamento né suggerimento. Quindi vuol dire che la proposta di rendiconto è stata analizzata e considerata positiva dai consiglieri altrimenti l’avrebbero modificata».

Print Friendly, PDF & Email

Random Posts

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 2,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

7 Risposte »

  1. Poche volte ti do ragione ma questa volta devo per forza appoggiarti.
    Il sindaco torna dal mare, 500 km, la Maggioranza c’è tutta, all’opposizione una sola persona Massimiliano Strumolo.
    Massimiliano Strumolo non è un politico ma un semplice cittadino rispettoso delle Istituzioni e delle regole.
    La restante parte politicanti allo sbaraglio che nella loro vita amministrativa tutto hanno fatto tranne che saper fare opposizione.
    Se la maggioranza vogliamo bocciarla allora l’opposizione non dobbiamo proprio considerarla. La politica si fa con il cuore e non con la mente.
    Per le prossime Elezioni ricordatevi che il voto si merita non si chiede e parecchi di voi non lo meritano di certo.

  2. SINDACO SE FOSSI STATO IO AL POSTO TUO IL CONSIGLIO L’AVREI INIZIATO ALLE 19,31,PERCHE’ CHI VUOLE OCCUPARE CERTI RUOLI SA A COSA VA INCONTRO,CARI CONSIGLIERI DI OPPOSIZIONE,VOI DOVEVATE STARE IN AULA PRIMA DELLA MAGGIORANZA,E SECONDO ME, E STATA FATTA UNA COSA GIUSTA INIZIARE IL CONSIGLIO ANCHE SENZA DI VOI VISTO CHE TENEVATE GIUSTAMENTE PIU’ ALLA PARTITA CHE A DISCUTERE DI COSE DI ATRIPALDA.

  3. Andò, mo a capito qualcosa.
    QUISTI sò dilettanti allo sbaraglio.

  4. Hanno fatto un consiglio comunale tra il primo e il secondo tempo della partita.
    .Che roba.

  5. Ah beh se lo dice il grande fotoreporter. hai perso l’ennesima occasione per tacere. essere non apparire.

  6. Giusto, complimenti al nostro Sindaco!!Per quanto riguarda l’opposizione ..sapete solo fare polemica senza arrivare mai a nessuna conclusione…ecco perchè siete la Minoranza….

  7. Sono d’accordo con il sindaco Paolo Spaguolo l’opposizione invece di vedere la partita dell’Italia doveva andare in consiglio comunale. Lo fanno solo per mettersi in mostra quando fanno articoli su giornali. State a casa che è meglio

Lascia un tuo commento

Statistiche Mercoglianonews.it